Si vota per l’elezione delle commissioni dei concorsi universitari

Ecco la nota di un “nuovo” direttore generale del Miur che indice le elezioni per le commissioni nelle tre fasce

link

In bocca al lupo a tutti (nonostante i limiti ai titoli da presentare imposti nei bandi)

Annunci

58 Responses to Si vota per l’elezione delle commissioni dei concorsi universitari

  1. Giuseppe ha detto:

    ERA ORA!

  2. 555 ha detto:

    finita la speranza, per la II sessione ci vorrà almeno un altro anno… è uno schifo!

  3. patrizia ha detto:

    il vero schifo è che per la seconda sessione ancora non sono stati bandidi 800 concorsi (posti mussi)

  4. Miriam ha detto:

    E ora, via al toto-candidato interno! Chi saranno i fortunati?

  5. guglielmo ha detto:

    domanda:
    i posti mussi contano per il raggiungimento della quota del 60% del turnover destinato ai ricercatori?

  6. Giuseppe ha detto:

    Segnalo l’articolo della Pacelli su Italia Oggi

    http://www.stampa.cnr.it/RassegnaStampa/09-09/090915/index.htm

  7. martino ha detto:

    quali sono le università che bandiranno posti da ricercatore? si ha già un elenco?

  8. guglielmo ha detto:

    si ha un elenco di quelle che hanno ricevuto posti mussi. e poi puoi incrociare i dati con quelle che hanno già bandito.

  9. martino ha detto:

    ok grazie, qual è l’elenco delle università che hanno ricevuto i posti mussi?

  10. martino ha detto:

    grazie!

  11. Gianluca ha detto:

    @Martino

    Nella tabella allegata al DM 298/2008 trovi la distribuzione dei posti co-finanziati Mussi per il 2008

    http://www.miur.it/0006Menu_C/0012Docume/0015Atti_M/7439Criter_cf2.htm

    cioe’ quelli che le universita’ hanno appena cominciato a bandire…

  12. vargas ha detto:

    Scusate se vado fuori argomento, ma questa confusione normativa mi fa venire più di un dubbio. Le regole della legge 1/2009, che sarebbe valida fino alla fine dell’anno, si applicheranno ad ogni bando che uscirà fino al 31 dicembre prossimo? Oppure solo alle due sessioni 2008? E se si dovessero applicare, in un concorso per ricercatore l’università che bandisce potrà scegliere un professore ordinario od associato del settore disciplinare, ma anche tra i propri docenti o solamente esterni?

  13. guglielmo ha detto:

    ho scoperto un altro blog utile che segnalo
    http://www.ricercatoriprecari.blogspot.com

  14. Dingobell ha detto:

    @Guglielmo
    Guarda che il blog di cui parli e’ praticamente la migrazione di questo, che, di fatto, e’ rimasto ingestito; a parte questo rigurgito di orgoglio da parte di pochi afficionados, una volta che si sono visti spodestati.

  15. cane sciolto ha detto:

    interessante scritto di Pierluigi Panza sul Corriere a proposito dei “profili” come arma contro il merito:

    http://rassegnastampa.crui.it/minirass/immagini/1609090/2009091627664.pdf

  16. Gennaro ha detto:

    la lettera è invece una boiata che come al solito fa disinformazione. Il profilo iperspecialistico è un arma — a mio avviso legittima — di cui le Facoltà si servono per NON chiamare chi non lo rispetta, Ma non ha nulla a che vedere con la valutazione dei candidati da parte della commissione. In soldoni, non è che la commissione, come invece si evince dalla lettera, esclude preventivamente i candidati che non hanno quel profilo! Quindi il direttore del Louvre può ben vincere un concorso di Museologia a Perugia. Peggio per Perugia, se non lo chiama, ma lo chiamerà comunque qualcun’altro.

  17. cane sciolto ha detto:

    le Facoltà si servono per NON chiamare

    Appunto, Gennaro. Lo stabilisce la Facoltà, non la commissione, ed è un metodo per orientare le scelte secondo direzioni indipendenti dal merito. Se non li si blocca, sarà la restaurazione della chiamata diretta irresponsabile.
    Finché non si capirà che gli “altri” sono una risorsa e non un intralcio, non c’è speranza.

  18. Gennaro ha detto:

    Ripeto: le Facoltà hanno diritto di chiamare chi vogliono, così come avviene in ogni alra parte del mondo. C’è anche un aspetto economico: Il profilo è un modo per evitare di chiamare persone diverse dal candidato locale, aumentando i costi.

  19. Anna ha detto:

    @ Gennaro:
    ma quali costi?

  20. guglielmo ha detto:

    gennaro hai un posto in caldo?

  21. Renzino l'Europeo ha detto:

    Per noi Europei e’ _esplicitamente_ “scorretto” stabilire bandi con profili troppo specifici, “tagliati” su competenze troppo ristrette.
    L’abbiamo scritto nella C&C.

  22. Gennaro ha detto:

    @ Anna
    i costi di una nuova partita stipendiale. L’interno costa meno. Così, se vince l’esterno e non ha il profilo adatto, possono non chiamarlo anche per salvare il bilancio.

    @ Guglielmo
    era quello che mi dicevano gli apristi quando non erano d’accordo con me. Vedo che si continua così.

  23. cane sciolto ha detto:

    Gennaro, due note:

    a) reclutando ricercatori, un nuovo stipendio ci sarebbe comunque: condividi, quindi, che il discorso dei profili NON va applicato in quel caso?

    b) l’Università non è mica obbligata a chiamare un idoneo: se la pecunia scarseggia, risparmierebbe ancora di più evitando di promuovere un interno poco difendibile …

  24. Gennaro ha detto:

    a) sono d’accordo in linea di principio, ma non si può generalizzare, Pensa al caso di un fisico sperimentale che fa un lavoro di eccellenza su certi temi e cerca persone con cui interagire. Che gli si dice?

    b) ma se l’interno vince, purtroppo la Facoltà che ha richesto il posto è obbligata a chiamarlo anche se è scarso. E’ insomma troppo tardi. E’ invece fondamentale la prevenzione; sarebbe sacrosanto che non mettesse a concorso un posto per un candidato scarso.

  25. guglielmo ha detto:

    mi è giunta notizia che venerdì uscirà il nuovo numero del mensile campus pro.

    una serie di articoli saranno dedicati all’università, i concorsi, i fondi mussi ecc.

  26. orwell ha detto:

    scusate per questi concorsi sbloccati per cui si vota a dicembre, i commissari interni verranno rieletti o sono quelli eletti prima del blocco?

  27. Gennaro ha detto:

    va rifatta la comunicazione al Cineca

  28. Miriam ha detto:

    Che è “campus pro”? Dove si trova?

  29. lassie ha detto:

    sto blog è diventato na ciofeca.
    perché non emigrate tutti sul nuovo?

  30. Miriam ha detto:

    Perché il nuovo fa schifo.

  31. guglielmo ha detto:

    a me sembra molto più vivace quello di questo. e ci ho trovato molte info e risposte in tempi umani

  32. Albert ha detto:

    Mica siete obbligati a stare tutti sullo stesso. Che vi pesa la tastiera a vederne 2?

  33. miriam ha detto:

    L’altro blog è un casino grafico, non si distinguono i messaggi e per di più si è riempito di quei mal di pancia del profondo popolo precario che finalmente se ne sono andati di qui.

  34. cane sciolto ha detto:

    Fausto Panunzi su lavoce.info torna sull’accoppiata chiamata diretta/valutazione ex post.

    http://www.lavoce.info/articoli/-scuola_universita/pagina1001284.html

    Si riaccende il dibattito: peccato che la “soluzione Panunzi”, in Italia almeno, significhi l’abolizione del tempo indeterminato. Precari a vita?

  35. Albert ha detto:

    Ma se uno si trova più a sinistra di Pinochet non ha il diritto di scrivere su “la voce”?

  36. guglielmo ha detto:

    riporto dall’altro blog. qualcuno ne sa qualcosa?

    a quanto pare da alcuni giorni
    è in circolazione una bozza di decreto legge per la ripartizione dei fondi Mussi 2009 secondo la quale i fondi non verrebbero
    più assegnati in base al rapporto af/ffo al 31 dicembre 2008 ma sulla base delle proiezione, che sarebbe stata gia elaborata dal Miur da pochissimi giorni, del rapporto af/ffo al 31 dicembre del 2009. La questione è tutt’altro che irrilevante. Secondo la tabella del 2008 sono soltanto quattro le università esculse (firenze, siena , napoli orientale, e una quarta che non ricordo); non è detto (anzi certamente non è cosi) che la situazione sia la stessa per il 2009 (le quattro escluse potrebbero rientrare, altre essere tagliate fuori). Cio determina molte incertezze sul futuro con il risultato di far ritardare i bandi dei fondi mussi 2009. A qualcuno è giunta la stessa voce? Per caso è in possesso di questa tabella relativa al rapporto af/ffo al 31.12.2009?

  37. Andrea ha detto:

    @555

    Perché dici che ci vorrà ancora un altro anno? La circolare del ministero non parla di “entro gennaio 2010” per l’indizione delle elezioni per la II Sessione?

  38. Perplesso ha detto:

    @Andrea
    A novembre 2008 la Gelmini aveva detto in TV che le votazioni ci sarebbero state alla fine di gennaio 2009: invece ci sono 11 mesi dopo Quindi tutto è possibile …

  39. guglielmo ha detto:

    non esageriamo con l’ottimismo, mi raccomando

  40. Andrea ha detto:

    Beh con questo Governo l’ottimismo non è proprio possibile….fanno le cose a scoppio ritardato….ma molto ritardato….

  41. Renzino l'Europeo ha detto:

    Per gli interessati (immagino tutti), ho riassunto le ultime informazioni sulla “classifica delle Università” in questo intervento su nFA
    http://www.noisefromamerika.org/index.php?module=comments&func=display&cid=28364

    Si intrecciano in un sol Fascio tanti eventi

  42. CampusPRO ha detto:

    E’ uscito l’ultimo numero di Campus PRO (su www . campus . it oppure sul sito APRI). In particolare, pag. 14-15 e 29.

  43. mi sento Trol ha detto:

    grazie Renzino e cattivo maestro per riportare i dati.
    La classifica e’ stata fatta uscire in concomitanza delle imamtricalazione e manipolata per favorire le universita’ aquis (per quanto possibile). Ora questo governo e’ fatto di gente i mala fede e di dubbia moralita’. Chi li ha votati chieda scusa agli altri ! NON SI ERA MAI VISTO CHE UNA UNIVERSITA’ di eccellenza come la sapienza dovessere essere retrocessa.

  44. Miriam ha detto:

    Sapienza di eccellenza? Ma ci siete mai stati?

    • UnRicercatore ha detto:

      E tu, ci sei mai stata?

    • precaria ha detto:

      se non e’ la sapienza l’universita’ di eccellenza italiana, quale e’? la freie universitaet Bozen?

      • Bah ha detto:

        Bah, ad esempio Pisa, Padova, la SISSA. Io mi sono laureato al La Sapienza (con lode) in fisica, una delle facolta’ piu’ rinomate, e non ho mai capito per quale motivo. Quelli che parlano bene de La Sapienza (che comunque ora si chiama “Sapienza Universita’ di Roma”, e il nuovo nome e logo sono costati ben 200.000 euro… bello sapere dove finiscono i soldi delle nostre tasse) dicevo quelli che dicono Sapienza di eccellenza mi fanno veramente cadere le balle. Un posto dove fanno rettore uno che ha regalato cattedre a parenti e amanti, e dove il precedente rettore Guarini e’ finito al centro di uno scandalo per appalti truccati (l’appalto milionario per la costruzione del parcheggio interrato; tra l’altro Guarini ha piazzato entrambe le figlie, e di una ha firmato addirittura il verbale del concorso!!). Dove non c’e’ una casa dello studente adeguata, e quando ero li’ hanno l’ufficio d’igene ha chiuso due volte la mensa de Lollis. E ne avrei tante altre di cose da dire, ma non voglio intasare il blog.

      • UnRicercatore ha detto:

        E che c’entrano le infrastrutture e le qualità “morali” del rettore (a proposito del quale fai affermazioni che credo avere rilevanza penale, visto che questo è un luogo pubblico)?
        Non sono le aule e i bagni che fanno l’Università (per fortuna, sennò dovremmo darci la morte in massa tipo lemmings). Non che rivendichi con orgoglio certe storture ma qui bisogna parlare di insegnamento e ricerca.

      • Chiara ha detto:

        Siete fan sfegatati della Sapienza. Bene, degustibus. Ma potete spiegare il motivo? O una università è di eccellenza solo perché è conosciuta?

        Parlarliamo della didattica? Bene, giurisprudenza alla Sapienza è quotatissima. Eppure seguire i corsi è difficilissimo, al limite dell’impossibile, perchè le aule sono sempre piene e a volte è addirittura impossibile accedervi. Le lezioni non vengono svolte quasi mai dai professori ma dai loro studenti, che sembrano più interessati a pavoneggiarsi che a far capire qualcosa agli studenti. Per qualsiasi informazione bisogna chiedere agli studenti più anziani, visto che in segreteria non sanno mai nulla (tra l’altro, si tratta delle persone più incompetenti e maleducate che ho mai incontrato). Basterebbe fare qualche domanda agli studenti per capire come è veramente l’università, al di là dei luoghi comuni e degli spot pubblicitari.

        Poi va bene che l’importante è la didattica (che fa schifo!) ma anche se l’università è pubblica non è tollerabile che i gabinetti siano sempre sporchi, le porte rotte, non c’è mai carta igenica e sapone… Uno schifo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: