Decreto sui concorsi ultime novità!

6 novembre 2008
Protesta del 2003 in Germania contro i tagli alluniversità

Protesta del 2003 in Germania contro i tagli all'università

Oggi molti giornali riportano notizie su un probabile blocco dei concorsi con alcune deroghe sui concorsi da ricercatore…le notizie come al solito sono incongrue.

I ricercatori precari chiedono comunque che i concorsi da ricercatori non siano bloccati, che sia parallelamente riformata la procedura senza blocco, che ci siano deroghe e incentivi  per far effettuare i concorsi da ricercatore anche nelle università con bilanci problematici e che siano consentite le prese di servizio per i concorsi da ricercatore.

Leggi il seguito di questo post »


Ultim’ora: A Roma una enorme manifestazione! Assediato il Ministero!

30 ottobre 2008

LAssedio al Ministeo

L'Assedio al Ministeo

Oggi a Rome c’è una enorme manifestazione con due cortei (scuola ed università) che ha bloccato il centro cittadino.

I cortei non finivano più ! Arrivava gente da tutte le parti…non sono riuscito ad incontrare fisicamente molti compagni… la distanza fra noi era di kilometri….kilometri di uomini e donne, studenti, precari e docenti, in lotta!

Molti compagni bloccati per ore ed ore con i pullman all’ingresso della città non sono neppure riusciti a partire in corteo!

Mai vista una cosa del genere….molta più gente che alla manifestazione del Partito Democratico!!!

Al corteo dell’Università non c’era nessuna bandiera politica se non quelle dei collettivi e dei sindacati!

I cortei sono confluiti al Ministero.

Il Ministero è assediato al grido di Gelmini dimettiti!

Mi sembra di sentire la nostra parola d’ordine:

L’Italia per gli italiani!

Gli italiani per essa!

Carlo Pisacane


Renato Mannheimer: Governo, primo calo nei consensi (a causa della protesta di scuola e università) …ma l’opposizione non raccoglie.

27 ottobre 2008

 

 

Dal Corriere della Sera del 26/10/2008

 

 

Chi valuta positivamente l’operato dell’esecutivo supera di poco il 40%, a fronte del 60% di settembre

La «luna di miele» del Governo con gli elettori è finita? Nessuno può dirlo, ma, certo, il consenso per l’esecutivo guidato da Berlusconi si è notevolmente contratto nelle ultime settimane. In parte, ciò può dipendere dal logoramento solitamente derivante dal tempo trascorso dall’insediamento. In parte, potrebbero aver avuto un effetto, specialmente mediatico, le manifestazioni che hanno connotato di recente il mondo della scuola e dell’università. Leggi il seguito di questo post »


La meglio gioventù e la prima finanziaria Berlusconi

28 settembre 2008

Oggi sulla Repubblica Corrado Augias ricordava le vicende della Repubblica Romana e  la “meglio gioventù” che morì per fondare una repubblica progressista da lasciare alle generazioni future. La meglio gioventù del 1849  dette la pelle per la libertà e la civiltà dei posteri, per una costituzione avanzata che aboliva la pena di morte e istituiva il suffragio universale (anche se solo per i maschi), gli avversari invece erano accorsi per salvare il potere temporale del Papa e i  privilegi feudali messi in crisi.

Sempre oggi sul Sole 24Ore c’è un altro articolo, scritto da  Guido Barbujani -un professore ordinario di Ferrara, genetista che si occupa di genetica delle popolazioni ma anche di politica-, che ci ricorda come la meglio gioventù delle università italiane sta per essere sacrificata sull’altare del bilancio dello Stato dalla Finanziaria 2009.

Con la prima finanziaria Tremonti-Berlusconi si colpisce infatti duro il sistema univerisitario e i precari della ricerca per rifinanziare perversamente il bilancio dello stato.

Noi, come meglio gioventù,  resisteremo! Almeno ci proviamo.

Chissà Tremonti, Berlusconi e Gelmini  nel 1849 quale causa avrebbero scelto?

Se volete leggere l’articolo esemplare – risorgimentale – scritto dal prof. Barbujani (in quel pericoloso giornale anarcosindacalista del Sole 24Ore) Cliccate e scaricate


La scuola, il merito e il professore

21 settembre 2008

Qualche giorno fa, tra i tanti, e’ uscito un articolo di Alberto Alesina sul tema caldo della scuola e della sua (presunta) riforma. Indovinate un po’ quale era la posizione del professore? Qual e’ la soluzione e il vero problema della scuola, e dell’università, italiana?

Indovinato!

Il problema e’ la mancanza di competizione tra le scuole: la soluzione un’iniezione di merito e competizione! Era facile, e’ il solito ritornello neo-liberista, o come dice quello “mercatista”, che da decenni leggiamo su questi giornali e da questi editorialisti o professori. Lo stesso per tutti i luoghi e tutte le situazioni, il rimedio miracoloso per qualsiasi organizzazione, sistema o persona.

Leggi il seguito di questo post »


Comunicato Firenze

19 settembre 2008

Si stanno tenendo molte assemblee in tutta Italia. Questo è un comunicato da Firenze e ci hanno chiesto di pubblicarlo sul Blog.

Gli altri interessati alla pubblicazione di  comunicati da altre sedi universitarie possono richiederlo esplicitamente in mailing list nazionale.

L’assemblea del Polo Scientifico e Tecnologico di Firenze, indetta dalla Federazione Lavoratori della Conoscenza della CGIL, e tenutasi il 18 Settembre 2008 presso il Blocco Aule del Polo, a Sesto
Fiorentino, alla presenza e con la partecipazione di studenti, ricercatori, docenti, personale tecnico
ed amministrativo, strutturati e precari, ha esaminato la situazione di grave criticità di tutto il
sistema pubblico della Formazione Universitaria e della Ricerca, sia a livello nazionale che nella
speci ca realtà fiorentina.
L’assemblea ha evidenziato che: Leggi il seguito di questo post »


Assemblea a Roma: Contro il DL 112, per l’università e la ricerca pubbliche

16 settembre 2008

“Il futuro dei bambini non fa rima con gelmini” cantano le agguerrite maestre e i genitori dei bambini delle elementari.

Contro il provvedimento del-la maestr@ unic@, contro i tagli dei finanziamenti e dei piani formativi.
Che dire del futuro dei precari universitari? E del futuro dell’istruzione superiore ed universitaria in toto? E del futuro della gestione (“governance”) degli atenei? E del futuro della ricerca? (Di quella pubblica, che quella privata non c’è mai stata).
Chi canta contro? Chi protesta? Chi si mobilita? Il decreto legge 112 è cosa fatta. Le molte minacce accademiche di Luglio contro i rovvedimenti governativi al momento risultano congelate (salvo possibili eccezioni…). Alcune mobilitazioni timidamente prendono piede (firenze, torino, ??).

E a Roma?

Per ora tutto tace. Per rompere il silenzio, per organizzarsi, per smascherare una volta ancora lo svilimento intellettuale (ed economico) dell’università, per rivendicare il ruolo fondamentale dei tantissimi precari ed i loro diritti, per chiedere al mondo accademico che tanto ha protestato – a cose fatte – contro la Gelmini di tener fede agli impegni presi rivolgiamo a tutti i precari dell’università e della ricerca e a chiunque abbia la voglia e la forza di mobilitarsi contro il DL 112 e gli interventi deleteri di questo e dei precedenti governi l’invito a partecipare ad un incontro

GIOVEDI` 18, alle ORE 17

in AULA 5 dell’edificio Fermi del Dipartimento di Fisica della Sapienza
Luca