Lettera sulla finanziaria dell’On. Tocci

22 dicembre 2007

FINANZIARIA: NON PIOVE, GRANDINA

Le finanziarie non portano bene alla ricerca. L’anno scorso pioveva. Quest’anno grandina. Si era sperato in
una schiarita con il patto di agosto tra ministero dell’Economia e della Ricerca che prevedeva cospicui
aumenti dei finanziamenti da allocare secondo rigorose valutazioni del merito scientifico. La promessa non è
stata mantenuta, anzi è accaduto esattamente il contrario. Veniamo ai fatti. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Due “nuovi” progetti di Legge di riforma dei concorsi universitari

15 ottobre 2007


La settimana scorsa tutte le organizzazioni sindacali e parasindacali dell’Università sono state convocate dalla VII commissione Cultura della Camera (presidente Folena) in una audizione informale riguardante due “nuovi” progetti di legge che “riformerebbero” i concorsi per accedere alle carriere universitarie. Per scaricare i due progetti presentati da parlamentari RifCom e da parlamentari del novello PD continua la lettura.

Inutile dire che nessuno dei due progetti ha come obiettivo la valorizzazione del merito , entrambi si muovono su logiche accademiche di appartenenza e delegano alla autonomia delle facoltà e dei settori disciplinari i procedimenti di reclutamento e cooptazione. Nessuno dei due progetti mira dunque alla modernizzazione dei concorsi o alla valorizzazione del lavoro svolto dai giovani ricercatori o dai precari della ricerca. Commentate dunque le nuove tafazziane proposte. Leggi il seguito di questo post »


Lettera di Modica sul disastro!

19 settembre 2007

Ecco una lettera che Modica sottosegretario tuttofare e vera anima del “riformismo” universitario dell’Unione ha inviato (e reso pubblica) ad un gruppo di ricercatori che a loro volta avevano scritto e resa pubblica una loro lettera indirizzata a tutti i candidati a presidente del Partito Democratico. Lo stesso Modica fa la sintesi del disastroso anno e mezzo e ci dice che ci aspetta un pietoso futuro. Vorremmo suggerire a Modica che è politicamente troppo facile  dare la colpa agli ambienti conservatori che si alleano alla burocrazia e che fanno naufragare le riforme. Occorre assumersi chiaramente le responsabilità! Modica e Mussi avrebbero potuto inserire delle norme semplici, attuabili come la stabilizzazione dei precari universitari e poi il finanziamento del Fondo di Finanziamento Ordinario. Avrebbero potuto forzare in parlamento con una nuova legge sul reclutamento senza inseguire il compiacimento dei Rettori o dei potenti …Ci si può sempre dimettere se non si riesce a lavorare per colpa degli altri… in fondo ci vuole poco a sostituire chi ha operato in questo anno e mezzo con cariche così importanti (qualsiasi assegnista precario storico avrebbe forse fatto di meglio). Invece sono state scelte vie tortuose, elaborazioni di normative e regolamenti inattuabili proprio come faceva Penelope con la tela, così il Minstero tiene a bada i suoi proci. Dulcis in fundo la morale sull’antipolitica…. Leggi il seguito di questo post »