Esclusi dall’articolo 146 sulle stabilizzazione. Trattati come i loro portaborse

Il testo dei maxiemendamenti esclude il personale ricercatore precario sia delle Università che degli Enti di Ricerca, al pari dei portaborse della politica.

http://www.camera.it/_dati/leg15/lavori/stenografici/sed257/AINTERO.pdf

2006, n. 296. E`
comunque escluso dalle
procedure di stabilizzazione di cui alla
presente lettera il personale di diretta
collaborazione degli organi politici presso
le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo
1, comma 2, del decreto legislativo
30 marzo 2001, n. 165 nonche´ il personale
a contratto che svolge compiti di insegnamento
e di ricerca nelle universita` e negli
enti di ricerca.

Annunci

103 Responses to Esclusi dall’articolo 146 sulle stabilizzazione. Trattati come i loro portaborse

  1. Votiamo AN ha detto:

    Cominciamo sul serio a ‘prendere contatti’ con AN?

    Poi eventualmente torneremo a votare per la sinistra.

  2. Marco ha detto:

    Io li devo ringraziare.

    Farò leggere questa stupenda finanziaria a mia moglie e finalmente, dopo 7 anni di contratti precari e di conti sulle punte delle dita per fare la spesa e pagare l’affitto, la convincerò a lasciare questo paese di merda.

    Grazie Mussi.

  3. Gabriele ha detto:

    Secondo me questa classe politica (destra e sinistra) è semplicemente ignorante in economia…. Non capiscono che allo Stato CONVIENE stabilizzarci.
    Per adesso non consumiamo, non paghiamo o quasi le tasse (assegni esenti irpef, borse esenti tutto) e produciamo meno di quanto potremmo fare se fossimo stabilizzati, anche per via delle condizioni psicologiche…

    Quando ci sarà lo “tsunami” dei pensionamenti, chi gli pagherà la pensione???

  4. leo ha detto:

    SVEGLIA!

    I maxiemendamenti si votano nel pomeriggio inviate lettere di protesta ai deputati dal sito camera.it

    a tutti quelli della sinistra e anche a quelli della destra se vogliono hanno tempo per modifichare

    SVEGLIA!

  5. beba ha detto:

    Occorre più precisione nel divulgare notizie !
    Trovo che vi non coerenza tra quanto posted su http://www.tutelareilavori.it/ dove si pubblicano gli emendamenti del governo che faranno parte dei 3 maxi emendamenti (in approvazione con fiducia oggi pomeriggio). Qui non vi è modifica del art 145 e 146!
    Quanto riportato in questo blog invece fa riferimento ai dettagliati emendamenti dell’aula che non sono stati recepiti nel maxi emendamento del governo.
    Mi sbaglio ?

  6. Votiamo AN ha detto:

    Si’, ti sbagli. Il sito tutelareilavori (non so se interessatamente) fa riferimento ai ‘vecchi’ emendamenti che sarebbero stati proposti in assemblea.
    I maxi-emendamenti sono quelli su cui il governo ha posto la fiducia e contengono l’esclusione.

  7. oronzo ha detto:

    I maxiemendamenti sono legati alla Questione di Fiducia e, come tali, non emendabili (la Fiducia serve proprio a far cadere la possibilità di emendare i testi). La scelta fatta dal centrosinistra è chiara e limpida: assicurarsi il sostegno dei Rettori e dei baroni, che, soprattutto nelle regioni meridionali, portano molti voti.
    Con estremo disappunto osservo che i sindacati confederali, RC, Verdi e PdCI hanno chinato la testa e hanno disatteso tutte le promesse di lotta al precariato. A questo punto, mi auguro che il governo cada al più presto e che alle prossime elezioni, alle quali NON voterò, Diliberto, Pecoraro Scanio e soci siano esclusi dal parlamento.
    Vadano tutti a farsi …

  8. Votiamo Cosa Bianca ha detto:

    Altro che PD!
    Vai CASINI, vai MONTEZEMOLO, vai PEZZOTTA. Togliete i soldi a questi GARANTITI!

  9. Occupiamo ha detto:

    Le email non servono a nulla!

    OCCUPIAMO LE UNIVERSITA’ E GLI EPR!

    CONTRO GLI EX 68INI FACCIAMO UN NUOVO 68!!!!!

  10. France ha detto:

    W Palermo!

  11. Colombo da Priverno ha detto:

    Le stabilizzazioni ex art. 146 non sono un ope legis, ma prevedono una valutazione dei titoli da adottarsi con decreto del presidente del consiglio dei ministri (comma 8). Perciò tutte le argomentazioni contro costruite sulla base del bisogno di eccellenza dell’università sono infondate.
    Peccato, ma so già che non ce la faremo. L’idea era buona. Ma l’ha rovinata chi, senza dosare parole e pensieri, ma solo manifestando isteria non opportuna (ma che umanamente capisco, penso al toccante, breve intervento di Marco), ha lasciato passare il messaggio che fossimo interessati ad entrare comunque, e ad avere uno stipendio fino alla pensione pur di mettere la parola fine alle speranze di crescita qualitativa dei nostri atenei. E questo è il risultato.
    Cambiamo pagina, allora? Forse se facciamo proposte serie acquistiamo dignità di contraddittori, e si può far qualcosa.
    E basta con quella mano tesa da accattoni, che se passa Gianfranco Fini l’elemosina non ve la fa…

  12. leo ha detto:

    Penso che ancora ci sia la possibilità d modificare i tre maxiemendamenti he sno al vaglio prima del voto!

    Almeno spero

    Scrivete le email E’ l’unica cosa che possiamo fare adesso!

    Lettera di protesta!

    Inviato: venerdì 14 dicembre 2007 11.10.27
    A: duilio_e@camera.it; ventura_m@camera.it; bertinotti_f@camera.it; larussa_i@camera.it; sgobio_c@camera.it; pomicino_p@camera.it; vito_e@camera.it; donadi_m@camera.it; villetti_r@camera.it; maroni_r@camera.it; soro_a@camera.it; fabris_m@camera.it; migliore_g@camera.it; disalvo_t@camera.it; volonte_l@camera.it; bonelli_a@camera.it; buontempo_t@camera.it
    Nonostante l’articolo 146 della finanziaria fosse stato vagliato a più riprese senza sostanziali modifiche

    oggi nel maxiemendamento compare l’eslusione dai processi di stabilizzazione dei ricercatori precari delle università e degli enti come richiesto dalla Conferenza dei Rettori.

    Questo accade dopo che solo lunedì scorso ad una delegazione dei precari il gapogabinetto del ministro Mussi aveva assicurato che l’articolo 146 non sarebbe stato modificato.

    Ecco il nuovo articoloulle stabilizzazioni come risulta nel maxiemendamento

    2006, n. 296. E`
    comunque escluso dalle
    procedure di stabilizzazione di cui alla
    presente lettera il personale di diretta
    collaborazione degli organi politici presso
    le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo
    1, comma 2, del decreto legislativo
    30 marzo 2001, n. 165 nonche´ il personale
    a contratto che svolge compiti di insegnamento
    e di ricerca nelle universita` e negli
    enti di ricerca.

    Protesto conto questo emendamento!

    Protesto contro queste posizioni del Governo!

  13. oronzo ha detto:

    Ripeto: con la questione di fiducia cade la possibilità di emendare.

    Adieu!

  14. Addio ha detto:

    Addio stabilizzazione. E ora che si fa?

  15. leo ha detto:

    Ripeto ho letto il resoconto stenografico

    I tre maxiemendamnti sono stati consegnati alla presidenza ora sono vagliati credo possano essere modificati e poi votati con la fiducia

    Comunque inviare mail di protesta almeno fa capire che forse hanno fatto una c….ta

  16. Valerio ha detto:

    Non ho parole..
    stabilizzeranno dente che magari ha il diploma e basta,
    che ha fatto cococo magari in regione o provincia
    e che ha 22-23 anni..
    e gente con da 30 anni in su la prenderanno dove sappiamo..
    e’ uno scandalo.. perche’ la ‘qualita” si invoca solo nell’unversita
    e ricerca (intendiamoci, e’ sacrosanta questa cosa) ma non
    nelle PA.. forse li la qualita’ non conta probabilmente..
    andiamo bene.. spero questo governo caschi prima di approvarla
    questa finanziaria.. non puo’ farla franca cosi’..

  17. oronzo ha detto:

    Immagino che risate si staranno facendo certi loschi figuri nel mio dipartimento, mentre già pianificano come “indirizzare” il reclutamento straordinario.

    La voglia di andarmene diventa sempre più forte.

  18. Valerio ha detto:

    bravo Oronzo..
    concordo pienamente..
    il problema e’ che se noi siamo in questa situazione e’ anche e soprattutto
    colpa dei nostri diretti capi.. sono loro che alla fine ci hanno protratto
    con questi contratti cosi’ a lungo.. mentre chi doveva avere il posto
    l’ha avuto.. e’ questa logica del tenere sottoposto e muto chi lavora per te,
    facendogli sapere il minimo possibile…
    lasciamo perdere poi il discorso del turnover, perche’ se ne sente parlare da anni, ed e’ la piu’ grande bugia mai raccontata.
    soprattutto i professori universitari, cercheranno di protrarre al massimo il momento della pensione.. e il turnover che doveva esserci (a sentire tutti) in questi anni direi che accadra’, ben che vada, tra 4-5 anni.

  19. leo ha detto:

    Ecco una mail inviata da un Romano si può usare come modello

    Onorevole,

    immagino che Le sia nota la campagna promossa dai ricercatori precari delle università pubbliche che, con l’aiuto delle organizzazioni sindacali, intendono superare l’annoso problema di un precariato istituzionalizzato che ha determinato una situazione anomala nel nostro sistema universitario. Infatti, dove dovrebbe esserci una struttura naturalmente piramidale, negli ultimi venti anni si è creato un modello che ha penalizzato la formazione della base di ricercatori e privilegiato l’accesso ai ruoli di professore associato e ordinario (attualmente 19.275 ordinari, 18.966 associati ! e 22.010 ricercatori).

    Il testo della legge finanziaria approvato al Senato prevede per i precari della ricerca che abbiano maturata un’anzianità di almeni 3 anni, una procedura di stabilizzazione previa procedura selettiva, al pari dei lavoratori delle altre pubbliche amministrazioni. Il testo dell’emendamento in discussione oggi alla Camera dal Lei presieduta, all’art. 93 punto b) prevede espressamente l’esclusione “dalle procedure di stabilizzazione di cui alla presente lettera il personale di diretta collaborazione degli organi politici presso le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 nonché il personale a contratto che svolge compiti di insegnamento e di ricerca nelle università e negli enti di ricerca.”

    Al di là di ogni considerazione sul merito del problema che nessuna parte politica ritiene necessario affrontare pragmaticamente e senza considerare le pressioni distorsive delle corporazioni accademiche (CRUI i testa), ritengo che la norma in oggetto rappresenti una palese violazione dei principi di cui agli artt. 3, 4, 35 e 36 della Costituzione e della Carta europea dei ricercatori e pertanto, La invito a verificarne la legittimità prima di sottoporla all’approvazione della Camera.

    La ringrazio per l’attenzione accordatami e Le auguro buon lavoro.

  20. fabio ha detto:

    …premettendo che non capisco nulla di diritto e legislazione della comunità europea, mi chiedevo se, come suggerito in coda alla lettera postata da leo, ci fossero i termini per attivare una qualche iniziativa presso qualche organo comunitario… se qualcuno sapesse qualcosa in proposito, o sapesse come muoversi per informarsi in merito, potrebbe essere utile cercare di smuovere le acque anche in tal senso…

  21. beba ha detto:

    …se dovesse passare la norma restrittiva bisognerà veramente studiare con un giuslavorista dei sindacati se esistono spazi di manovrà per impugnare la norma….

  22. Leo ha detto:

    Ecco le mail di tutti i deputati

    ACERBO_M@camera.it; ADENTI_F@camera.it; ADOLFO_V@camera.it; AFFRONTI_P@camera.it; ALEMANNO_G@camera.it; ALESSANDRI_A@camera.it; ALLAM_K@camera.it; ALLASIA_S@camera.it; AMATO_GLN@camera.it; AMENDOLA_F@camera.it; AMORUSO_F@camera.it; ANGELI_G@camera.it; ANTINUCCI_R@camera.it; APREA_V@camera.it; ARACU_S@camera.it; ARMANI_P@camera.it; ARMOSINO_M@camera.it; ASCIERTO_F@camera.it; ASTORE_G@camera.it; ATTILI_A@camera.it; AURISICCHIO_R@camera.it; BAFILE_M@camera.it; BAIAMONTE_G@camera.it; BALDELLI_S@camera.it; BALDUCCI_P@camera.it; BANDOLI_F@camera.it; BARANI_L@camera.it; BARATELLA_F@camera.it; BARBI_M@camera.it; BELISARIO_F@camera.it; BELLANOVA_T@camera.it; BELTRANDI_M@camera.it; BENEDETTI_D@camera.it; BENVENUTO_R@camera.it; BENZONI_R@camera.it; BERLUSCONI_S@camera.it; BERNARDO_M@camera.it; BERRUTI_M@camera.it; BERSANI_P@camera.it; BERTINOTTI_F@camera.it; BETTA_M@camera.it; BEZZI_G@camera.it; BIANCOFIORE_M@camera.it; BINDI_R@camera.it; BOATO_M@camera.it; BOCCHINO_I@camera.it; BOCCI_G@camera.it; BOCCIARDO_M@camera.it; BOCO_S@camera.it; BODEGA_L@camera.it; BOFFA_C@camera.it; BONAIUTI_P@camera.it; BONELLI_A@camera.it; BONGIORNO_G@camera.it; BONINO_E@camera.it; BONIVER_M@camera.it; BONO_N@camera.it; BORDO_M@camera.it; BORGHESI_A@camera.it; BOSCETTO_G@camera.it; BOSELLI_E@camera.it; BOSI_F@camera.it; BRANDOLINI_S@camera.it; BRESSA_G@camera.it; BRIGANDI_M@camera.it; BRUGGER_S@camera.it; BRUNO_D@camera.it; BUCCHINO_G@camera.it; BUFFO_G@camera.it; BUGLIO_S@camera.it; BUONFIGLIO_A@camera.it; BUONTEMPO_T@camera.it; BURCHIELLARO_G@camera.it; BURGIO_A@camera.it; CACCIARI_P@camera.it; CALGARO_M@camera.it; CANCRINI_L@camera.it; CANNAVO_S@camera.it; CAPEZZONE_D@camera.it; CAPITANIO_L@camera.it; CAPODICASA_A@camera.it; CAPOTOSTI_G@camera.it; CARDANO_AM@camera.it; CARDINALE_S@camera.it; CARFAGNA_M@camera.it; CARTA_G@camera.it; CARUSO_F@camera.it; CASINI_P@camera.it; CASSOLA_A@camera.it; CASTIELLO_G@camera.it; CATONE_G@camera.it; CECCACCI_F@camera.it; CECCUZZI_F@camera.it; CENTO_P@camera.it; CERONI_R@camera.it; CESA_L@camera.it; CESARIO_B@camera.it; CESINI_R@camera.it; CHICCHI_G@camera.it; CICCIOLI_C@camera.it; CICU_S@camera.it; CIOCCHETTI_L@camera.it; CIOFFI_S@camera.it; POMICINO_P@camera.it; CODURELLI_L@camera.it; COGODI_L@camera.it; COMPAGNON_A@camera.it; CONSOLO_G@camera.it; CONTE_G@camera.it; CONTENTO_M@camera.it; CONTI_G@camera.it; CORDONI_E@camera.it; COSENTINO_L@camera.it; COSENTINO_N@camera.it; COSENZA_G@camera.it; COSTA_E@camera.it; COSTANTINI_C@camera.it; COTA_R@camera.it; CRAPOLICCHIO_S@camera.it; CRAXI_S@camera.it; CREMA_G@camera.it; CRIMI_R@camera.it; CRISAFULLI_V@camera.it; CUPERLO_G@camera.it; DALEMA_M@camera.it; DAMBROSIO_G@camera.it; DAMIANO_C@camera.it; DANTONI_S@camera.it; DATO_C@camera.it; DEANGELIS_G@camera.it; DEBIASI_E@camera.it; DECASTRO_P@camera.it; DECORATO_R@camera.it; DECRISTOFARO_G@camera.it; DELUCA_F@camera.it; DEMITA_L@camera.it; DEPICCOLI_C@camera.it; DEZULUETA_C@camera.it; DELBUE_M@camera.it; DELMESE_P@camera.it; DELBONO_E@camera.it; DELFINO_T@camera.it; DELIA_S@camera.it; DELLAVEDOVA_B@camera.it; DELLELCE_G@camera.it; DELPIDIO_D@camera.it; DICAGNO_S@camera.it; DICENTA_M@camera.it; DIGIOIA_R@camera.it; DIGIROLAMO_L@camera.it; DIPIETRO_A@camera.it; DISALVO_T@camera.it; DILIBERTO_O@camera.it; DIOGUARDI_D@camera.it; DIONISI_A@camera.it; DIPPOLITO_I@camera.it; DONADI_M@camera.it; DOZZO_G@camera.it; DUILIO_E@camera.it; DULIZIA_L@camera.it; DURANTI_D@camera.it; DUSSIN_G@camera.it; EVANGELISTI_F@camera.it; FABBRI_L@camera.it; FABRIS_M@camera.it; FADDA_P@camera.it; FALOMI_A@camera.it; FARINA_D@camera.it; FARINA_G@camera.it; FARINONE_E@camera.it; FASCIANI_G@camera.it; FASOLINO_G@camera.it; FASSINO_P@camera.it; FAVA_G@camera.it; FEDELE_L@camera.it; FEDI_M@camera.it; FERRARA_F@camera.it; FERRARI_P@camera.it; FERRIGNO_S@camera.it; FIANO_E@camera.it; FILIPPI_A@camera.it; FILIPPONIO_A@camera.it; FINCATO_L@camera.it; FINI_G@camera.it; FINI_GSP@camera.it; FIORIO_M@camera.it; FIORONI_G@camera.it; FITTO_R@camera.it; FLORESTA_I@camera.it; FOGLIARDI_G@camera.it; FOLENA_P@camera.it; FONTANA_C@camera.it; FORGIONE_F@camera.it; FORLANI_A@camera.it; FORMISANO_A@camera.it; FOTI_T@camera.it; FRANCESCATO_G@camera.it; FRANZOSO_P@camera.it; FRASSINETTI_P@camera.it; FRATTA_P@camera.it; FRIAS_M@camera.it; FRIGATO_G@camera.it; FRONER_L@camera.it; FUGATTI_M@camera.it; FUMAGALLI_M@camera.it; FUNDARO_M@camera.it; GALANTE_S@camera.it; GALATI_G@camera.it; GALLETTI_G@camera.it; GAMBESCIA_P@camera.it; GARAVAGLIA_M@camera.it; GARDINI_E@camera.it; GAROFANI_F@camera.it; GELMINI_M@camera.it; GENTILI_SRG@camera.it; GERMONTANI_M@camera.it; GHIZZONI_M@camera.it; GIACOMELLI_A@camera.it; GIACOMONI_S@camera.it; GIORDANO_F@camera.it; GIORGETTI_A@camera.it; GIORGETTI_G@camera.it; GIOVANARDI_C@camera.it; GIOVANELLI_O@camera.it; GIRO_F@camera.it; GIUDICE_G@camera.it; GIUDITTA_P@camera.it; GIULIETTI_G@camera.it; GOISIS_P@camera.it; GOZI_S@camera.it; GRASSI_G@camera.it; GRECO_S@camera.it; GRIMOLDI_P@camera.it; GUADAGNO_W@camera.it; HOLZMANN_G@camera.it; IACOMINO_S@camera.it; IANNARILLI_A@camera.it; INCOSTANTE_M@camera.it; INTRIERI_M@camera.it; KHALIL_R@camera.it; LAFORGIA_A@camera.it; LALOGGIA_E@camera.it; LAMALFA_G@camera.it; LARUSSA_I@camera.it; LAGANA_M@camera.it; LANDOLFI_M@camera.it; LANZILLOTTA_L@camera.it; LARATTA_F@camera.it; LATTERI_F@camera.it; LAURINI_G@camera.it; LEDDI_M@camera.it; LENZI_D@camera.it; LEONE_A@camera.it; LEONI_C@camera.it; LETTA_E@camera.it; LEVI_R@camera.it; LICAUSI_V@camera.it; LICANDRO_O@camera.it; LOMONTE_C@camera.it; LOPRESTI_A@camera.it; LOCATELLI_E@camera.it; LOMAGLIO_A@camera.it; LOMBARDI_A@camera.it; LONGHI_A@camera.it; LOVELLI_M@camera.it; LUCA_D@camera.it; LUCCHESE_FP@camera.it; LUMIA_G@camera.it; LUONGO_A@camera.it; LAFORGIA_A@camera.it; LALOGGIA_E@camera.it; LAMALFA_G@camera.it; LARUSSA_I@camera.it; LAGANA_M@camera.it; LANDOLFI_M@camera.it; LANZILLOTTA_L@camera.it; LARATTA_F@camera.it; LATTERI_F@camera.it; LAURINI_G@camera.it; LEDDI_M@camera.it; LENZI_D@camera.it; LEONE_A@camera.it; LEONI_C@camera.it; LETTA_E@camera.it; LEVI_R@camera.it; LICAUSI_V@camera.it; LICANDRO_O@camera.it; LOMONTE_C@camera.it; LOPRESTI_A@camera.it; LOCATELLI_E@camera.it; LOMAGLIO_A@camera.it; LOMBARDI_A@camera.it; LONGHI_A@camera.it; LOVELLI_M@camera.it; LUCA_D@camera.it; LUCCHESE_FP@camera.it; LUMIA_G@camera.it; LUONGO_A@camera.it; MADERLONI_C@camera.it; MANTOVANI_R@camera.it; MARANTELLI_D@camera.it; MARCAZZAN_P@camera.it; MARCENARO_P@camera.it; MARCHI_M@camera.it; MARGIOTTA_S@camera.it; MARONI_R@camera.it; MARRAS_G@camera.it; MARTINELLI_M@camera.it; MARTINELLO_L@camera.it; MARTINO_A@camera.it; MARTUSCIELLO_A@camera.it; MATTARELLA_S@camera.it; MAZZARACCHIO_S@camera.it; MAZZOCCHI_A@camera.it; MELANDRI_G@camera.it; MELE_C@camera.it; MELLANO_B@camera.it; MELONI_G@camera.it; MENIA_R@camera.it; MERLO_G@camera.it; MERLO_R@camera.it; MERLONI_M@camera.it; META_M@camera.it; MIGLIAVACCA_M@camera.it; MIGLIOLI_I@camera.it; MIGLIORE_G@camera.it; MIGLIORI_R@camera.it; MINARDO_R@camera.it; MINASSO_E@camera.it; MISIANI_A@camera.it; MISITI_A@camera.it; MISTRELLO_G@camera.it; MISURACA_F@camera.it; MOFFA_S@camera.it; MONACO_F@camera.it; MONTANI_E@camera.it; MORRI_F@camera.it; MORRONE_G@camera.it; MUNGO_D@camera.it; MURA_S@camera.it; MURGIA_B@camera.it; MUSI_A@camera.it; MUSSI_F@camera.it; NACCARATO_A@camera.it; NAN_E@camera.it; NAPOLETANO_F@camera.it; NAPOLI_A@camera.it; NARDI_M@camera.it; NARDUCCI_F@camera.it; NERI_S@camera.it; NICCHI_M@camera.it; NICCO_R@camera.it; NUCARA_F@camera.it; OLIVA_V@camera.it; OLIVERIO_N@camera.it; OLIVIERI_S@camera.it; OPPI_G@camera.it; ORLANDO_A@camera.it; ORLANDO_L@camera.it; OSSORIO_G@camera.it; PAGLIARINI_GNN@camera.it; PALOMBA_F@camera.it; PALUMBO_G@camera.it; PARISI_A@camera.it; PAROLI_A@camera.it; PECORARO_A@camera.it; PECORELLA_G@camera.it; PEDICA_S@camera.it; PEDRINI@camera.it; PEDRIZZI_R@camera.it; PEDULLI_G@camera.it; PEGOLO_G@camera.it; PELINO_P@camera.it; PELLEGRINO_T@camera.it; PEPE_A@camera.it; PERETTI_E@camera.it; PERINA_F@camera.it; PERTOLDI_F@camera.it; PERUGIA_M@camera.it; PETTINARI_L@camera.it; PIAZZA_A@camera.it; PIAZZA_C@camera.it; PICANO_A@camera.it; PICCHI_G@camera.it; PIGNATARO_F@camera.it; PIGNATARO_R@camera.it; PILI_M@camera.it; PINI_G@camera.it; PIRO_F@camera.it; PISACANE_M@camera.it; PISCITELLO_C@camera.it; PIZZOLANTE_S@camera.it; POLETTI_R@camera.it; PONZO_E@camera.it; PORCU_C@camera.it; PORETTI_D@camera.it; PORFIDIA_A@camera.it; POTTINO_M@camera.it; PRESTIGIACOMO_S@camera.it; PRODI_R@camera.it; PROIETTI_F@camera.it; RAITI_S@camera.it; RAMPELLI_F@camera.it; RAMPI_E@camera.it; RANIERI_U@camera.it; RAO_P@camera.it; RAVETTO_L@camera.it; RAZZI_A@camera.it; REINA_G@camera.it; RICCI_A@camera.it; RICCI_M@camera.it; RICEVUTO_G@camera.it; RIGONI_A@camera.it; RIVOLTA_D@camera.it; ROCCHI_A@camera.it; ROMAGNOLI_M@camera.it; ROMANI_P@camera.it; RONCONI_M@camera.it; ROSSI_L@camera.it; ROSSI_FDR@camera.it; ROSSO_R@camera.it; ROTONDO_A@camera.it; RUGGERI_R@camera.it; RUSSO_FS@camera.it; RUSSO_P@camera.it; RUVOLO_G@camera.it; SALERNO_R@camera.it; SAMPERI_M@camera.it; SANGA_G@camera.it; SANNA_E@camera.it; SANTORI_A@camera.it; SANZA_A@camera.it; SATTA_A@camera.it; SCAJOLA_C@camera.it; SCHIETROMA_G@camera.it; SCHIRRU_A@camera.it; SCOTTO_ART@camera.it; SERVODIO_G@camera.it; SILIQUINI_M@camera.it; SIMEONI_G@camera.it; SINISCALCHI_S@camera.it; SIRCANA_S@camera.it; SMERIGLIO_M@camera.it; SOFFRITTI_R@camera.it; SORO_A@camera.it; SPERANDIO_G@camera.it; SPINI_V@camera.it; SPOSETTI_U@camera.it; STAGNO_F@camera.it; STRADELLA_F@camera.it; STRIZZOLO_I@camera.it; STUCCHI_G@camera.it; SUPPA_R@camera.it; TASSONE_M@camera.it; TENAGLIA_L@camera.it; TESSITORE_F@camera.it; TESTA_F@camera.it; TOMASELLI_S@camera.it; TONDO_R@camera.it; TORTOLI_R@camera.it; TRANFAGLIA_N@camera.it; TREMAGLIA_P@camera.it; PRES_TREMONTI@camera.it; TREPICCIONE_G@camera.it; TUCCILLO_D@camera.it; TURCI_L@camera.it; TURCO_MRZ@camera.it; UGGE_P@camera.it; ULIVI_R@camera.it; URSO_A@camera.it; VACCA_E@camera.it; VALDUCCI_M@camera.it; VALENTINI_V@camera.it; VANNUCCI_M@camera.it; VELO_S@camera.it; VENIER_I@camera.it; VENTURA_M@camera.it; VICHI_E@camera.it; VICO_L@camera.it; VILLETTI_R@camera.it; VIOLA_R@camera.it; VIOLANTE_L@camera.it; VISCO_V@camera.it; VITALI_L@camera.it; VITO_E@camera.it; VOLONTE_L@camera.it; VOLPINI_D@camera.it; ZACCARIA_R@camera.it; ZACCHERA_M@camera.it; ZELLER_K@camera.it; ZINZI_D@camera.it; ZIPPONI_M@camera.it; ZUCCHI_A@camera.it

  23. santo ha detto:

    una mail a tutti gli onorevoli l’ho mandata.
    Ma il danno è gia fatto.
    NOI non SIAMO NIENTE.
    Se non abbiamo fatto carriera un motivo ci sarà stato?
    Noi Siamo Quelli che, come mi disse un prof., il terzo della lista, sapendo che i posti sono solo due.
    Arrivederci

  24. Antonio ha detto:

    Ragazzi, non diamoci per vinti, sono daccordo con beba per il giuslavorista.

  25. oronzo ha detto:

    L’esclusione esplicita è stata introdotta proprio per evitare controversie di fronte al tribunale del lavoro.

    Mettiamoci l’animo in pace e pensiamo al dopo.

  26. Valerio ha detto:

    11.08
    Napolitano:sostegno ricerca scientifica
    “In Italia è assolutamente indispensa-
    bile promuovere lo sviluppo della ri-
    cerca scientifica:è una condizione per-
    ché il nostro Paese non resti indietro”

    E’ il messaggio del Presidente Napoli-
    tano per la XVIII edizione di Telethon,
    la maratona televisiva Rai a sostegno
    della ricerca scientifica.

    ma si puo’ avere la faccia come il c….?
    sembra di si..

  27. Precariomorto ha detto:

    Mi viene da ridere pensando a tutti coloro che hanno fatto barricate contro la Moratti e gli scendiletto a Modica per poi perire per mano di lui e del suo principale Mussi.

    La Moratti, lei sì che era una cattivona, mentre questi che ci ritroviamo ora sono bravi, buoni e anche belli.

    A coloro che si sono fatti belli con Modica e gli hanno leccato il principesco popò va un bel pernacchione: ben vi sta

  28. Abbiamo Sbagliato ha detto:

    Ragazzi, abbiamo sbagliato, per anni.

    Guardate che sono molto piu’ pericolosi Mussi, Tocci, la Ghizzoni e la CRUI che chi vuole (o almeno dice di voler) investire tanti soldini nell’Universita’ e la Ricerca togliendoli (perche’ non si creano, i soldi) ai garantiti pensionati/pensionandi del pubblico impiego.

  29. Anna ha detto:

    Il Sole24 Ore riporta il testo del maxiemendamento: questa volta è proprio finita.

    che dire: Amen

    complimenti a chi si è fatto buggerare da Chiti, che aveva negato l’emendamento-killer.

  30. Antonio ha detto:

    Comunque l’emendamento viola l’articolo 3 della costituzione. Bisogna fare una colletta e andare alla corte costituzionale.

  31. Antonio ha detto:

    Hai ragione Antonio, occorrerebbe provarci.

  32. santo ha detto:

    sono daccordo con Antonio, occorre tirare fuori dei soldi per tutelare il nostro futuro

  33. France ha detto:

    Art3:”Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
    È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.
    Dove, di preciso? Eguali davanti alla legge, certamente: TUTTI I RICERCATORI PRECARI, per legge, hanno da resta’ precari.
    “E er popolo? Se gratta…”

  34. santo ha detto:

    ecco cosa cita: Art. 3.

    Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

    È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

    Proviamoci

  35. Lucas ha detto:

    L’emendamento viola la parità di trattamento con gli altri precari della P.A.
    E non regge il discorso dell’autonomia universitaria: anche i comuni sono autonomi (art. 5 della costituzione).

  36. France ha detto:

    Mah, non sono un giurista, ma secondo me una legge che discrimina in base alla appartenenza a una branca o un’altra della PA non e’ in contrasto col suddetto articolo 3 della costituzione. Essere cococo inn un comune o in una universita’ non e’ ne’ una condizione di sezzo, razza, lingua, opinione politica, religione, condizione personale (handicap) o sociale (poverta’… beh, oddio, visto quanto ce pagano…).

  37. Antonio ha detto:

    E’ un emendamendo che esclude un categoria di lavoratori (i ricercatori precari) da un processo di stabilizzazione che riguarda una massa enorme di lavoratori, senza una ragione giustificabile secondo me. Mi sembra quasi che stia vincendo una politica di apartheid del lavoro. Non so, giudicate voi ma a me i conti non tornano tanto.
    Domanda: c’e’ qualcuno che mi sappia spiegare la differenza tra personale in servizio e personale a contratto ?

  38. Abbiamo Sbagliato ha detto:

    Ragazzi, e’ inutile adesso perderci in chiacchiere inutili, tanto non ci stabilizzano, per il semplicissimo fatto che i soldi per il settore RICERCA non ce li vogliono mettere. E’ anche inutile sperare nei tribunali, perche’ fino a prova del contrario anche i magistrati si sono costituiti in CORPORAZIONE.

    Vogliamo passare oltre e chiedere, a chi ci sta, sinistra o destra, che facciano come ha fatto SARKOZY in Francia: vendita del 3.7% di EDF per un piano straordinario da 5 MILIARDI DI EURO per la RICERCA?
    Si puo’ fare SUBITO, in 6 mesi.

  39. Carlo ha detto:

    Ragazzi è inutile aprire scenari bambineschi su improbabili ricorsi alla corte costituzionale o a Gesù Bambino.
    Questa sinistra FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO FA SCHIFO

    E IO NON LA VOTERO’ MAI PIU ‘

    SILVIO SALVACI TU

  40. Elena ha detto:

    E se creassimo un’agenzia autonoma che VENDE SERVIZI DI RICERCA ALLO STATO?

  41. Dario ha detto:

    MAI PIU’ VOTI A SINISTRA!

  42. matteo l. ha detto:

    grande idea quella di elena, se vogliono i professionisti allora li devono pagare sul serio…. ooppsss a scriverla già vedo gli esiti, noi facciamo un’agenzia e questi, pur di non pagare, cominciano a far fare le lezioni al garzone sottocasa (con la promessa del posto ovviamente

  43. Chiara ha detto:

    IO HO SPEDITO QUESTA A TUTTA LA CAMERA.

    Gentile Onorevole,

    le scrivo per attirare la Sua attenzione sul blitz che nel corso della stesura del 3o maxiemendamento alla Finanziaria ha portato all’esclusione dei precari delle università e degli enti di ricerca dal processo di stabilizzazione previsto dall’ex articolo 146, come espressamente richiesto dalla CRUI.
    Siamo sconcertati per l’accaduto, dal momento che tale emendamento non era stato approvato dalla Commissione Bilancio e che lunedì scorso, ricevendo una nostra delegazione, il capo gabinetto del ministro Mussi aveva garantito che l’articolo 146 non sarebbe stato emendato in tal senso.
    Lo stesso Mussi lo scorso ottobre ricevendo i Sindacati si era impegnato per la stabilizzazione dei precari!

    Che razza di Governo è quello che si rimangia le parole date ai lavoratori e ai loro sindacati?
    Che razza di Governo è quello che cancella il diritto ad un lavoro tutelato?
    Che razza di Governo è quello che utilizza blitz notturni per coercere il processo democratico ai comodi delle caste?

    Sperando che la nostra situazione incontri la Sua attenzione, Le porgo i miei migliori saluti.

    dott. Chiara Pasquini

  44. Miriam ha detto:

    Bisognerebbe vedere le giurisprudenza passata.
    Da quanto ne so, l’articolo 3 ha sempre avuto una applicazione piuttosto estensiva. Ma, a meno che non intervenga un esperto di diritto costituzionale, quelle fra noi sono chiacchiere da bar.
    Dovremmo interpellare un avvocato. Nel frattempo parliamone fra noi, raccogliamo adesioni ed organizziamoci. Meglio fermarsi se ci viene detto che il ricorso non ha senso (cosa che io non credo), che perdere tempo prezioso per dubbi che non possiamo risolvere

  45. chiara ha detto:

    Ragazzi, l
    ‘unico parlamentare che mi ha gentilmente risposto ho letto, e sono qui a Montecitorio dove l’ineffabile govenro Prodi vi ha semplicemente inbrogliato.
    Mi auguro che facciate sentire la vostra protesta

    Marco Zacchera
    deputato di AN

  46. ERRATA CORRIGE ha detto:

    Mentre Urciuoli Lucia ha cestinato senza nemmeno leggere, l’unico deputato che mi ha risposto è Marco Zacchera di AN, ecco il testo:

    ho letto, e sono qui a Montecitorio dove l’ineffabile govenro Prodi vi ha semplicemente inbrogliato.
    Mi auguro che facciate sentire la vostra protesta

    Marco Zacchera
    deputato di AN

  47. ecchecemetto ha detto:

    Risposta a Marco.
    Di soprattutto a tua moglie Marco di uscire anche dallo schema mentale che probabilmente hanno utilizzato per formattare le persone ricattandole quando sperano in una stabilizzazione, un contratto.
    Tante persone che lavorano con me, soprattutto donne tremano quando il capoccia di turno passa in corsia. Non è questo il modo di interagire, di fare ricerca, di lavorare:
    Buongiorno Prof
    Buonasera Prof
    Volevo dirle
    Mi scusi
    Le merde non meritano rispetto
    Andate all’estero come credo che farò anche io e lasciamo questi quattro anziani burocrati a seppellirsi da soli nella loro fossa.
    Perchè quando mancano i polli da spennare lo sai chi sono i polli? SONO LORO

  48. Dario ha detto:

    VOTIAMO AN!!!!!!!

  49. Bubi ha detto:

    A parte la questione stabilizzazioni, qualcuno sa qualcosa dei nuovi TAGLI previsti dal maxi-emendamento agli stanziamenti per UNIVERSITA’ e RICERCA rispetto alla versione del Senato?

    Sembra che l’ineffabile Mussi se ne sia lamentato…

  50. Mai più voti a sinistra ha detto:

    In città qui da me stasera c’era un banchetto del PRC che raccoglieva firme per non so cosa. Io li ho votati, alle scorse elezioni. Stasera mi sono avvicinato e li ho insultati, dicendo che non li voterò mai più.

    Quanto è vero che esisto, non voetrò mai più a sinistra.

  51. serena ha detto:

    Manco io

  52. Precario incazzato ha detto:

    Adesso occorre provare a inviare mail a Senatori (il testo dei maxiemendamenti potrebbe essere ritoccato al senato):

    ADDUCE_S@posta.senato.it
    ADRAGNA_B@posta.senato.it
    ALBERTICASELLATI_M@posta.senato.it
    ALBONETTI_M@posta.senato.it
    ALFONZI_D@posta.senato.it
    ALLEGRINI_L@posta.senato.it
    ALLOCCA_S@posta.senato.it
    AMATI_S@posta.senato.it
    AMATO_P@posta.senato.it
    ANDREOTTI_G@posta.senato.it
    ANGIUS_G@posta.senato.it
    ANTONIONE_R@posta.senato.it
    ASCIUTTI_F@posta.senato.it
    AUGELLO_A@posta.senato.it
    AZZOLLINI_A@posta.senato.it
    BACCINI_M@posta.senato.it
    BAIO_E@posta.senato.it
    BALBONI_A@posta.senato.it
    BALDASSARRI_M@posta.senato.it
    BALDINI_M@posta.senato.it
    BANTI_E@posta.senato.it
    BARBA_V@posta.senato.it
    BARBATO_T@posta.senato.it
    BARBIERI_R@posta.senato.it
    BARBOLINI_G@posta.senato.it
    BARELLI_P@posta.senato.it
    BASSOLI_F@posta.senato.it
    BATTAGLIA_A@posta.senato.it
    BATTAGLIA_G@posta.senato.it
    BELLINI_G@posta.senato.it
    BENVENUTO_G@posta.senato.it
    BERSELLI_F@posta.senato.it
    BETTAMIO_G@posta.senato.it
    BIANCO_E@posta.senato.it
    BIANCONI_L@posta.senato.it
    BINETTI_P@posta.senato.it
    BIONDI_A@posta.senato.it
    BOBBA_L@posta.senato.it
    BOCCIA_A@posta.senato.it
    BOCCIA_M@posta.senato.it
    BODINI_P@posta.senato.it
    BONADONNA_S@posta.senato.it
    BONFRISCO_A@posta.senato.it
    BORDON_W@posta.senato.it
    BORNACIN_G@posta.senato.it
    BOSONE_D@posta.senato.it
    BRISCAMENAPACE_L@posta.senato.it
    BRUNO_F@posta.senato.it
    BRUTTI_M@posta.senato.it
    BRUTTI_P@posta.senato.it
    BUCCICO_E@posta.senato.it
    BULGARELLI_M@posta.senato.it
    BURANIPROCACCINI_M@posta.senato.it
    BUTTI_A@posta.senato.it
    BUTTIGLIONE_R@posta.senato.it
    CABRAS_A@posta.senato.it
    CAFORIO_G@posta.senato.it
    CALDEROLI_R@posta.senato.it
    CALVI_G@posta.senato.it
    CAMBER_G@posta.senato.it
    CANTONI_G@posta.senato.it
    CAPELLI_G@posta.senato.it
    CAPRILI_M@posta.senato.it
    CARLONI_A@posta.senato.it
    CARRARA_V@posta.senato.it
    CARUSO_A@posta.senato.it
    CASOLI_F@posta.senato.it
    CASSON_F@posta.senato.it
    CASTELLI_R@posta.senato.it
    CENTARO_R@posta.senato.it
    CIAMPI_C@posta.senato.it
    CICCANTI_A@posta.senato.it
    CICOLANI_A@posta.senato.it
    COLLI_O@posta.senato.it
    COLLINO_G@posta.senato.it
    COLOMBO_E@posta.senato.it
    COLOMBO_F@posta.senato.it
    COMINCIOLI_R@posta.senato.it
    CONFALONIERI_G@posta.senato.it
    CORONELLA_G@posta.senato.it
    COSSIGA_F@posta.senato.it
    COSSUTTA_A@posta.senato.it
    COSTA_R@posta.senato.it
    CURSI_C@posta.senato.it
    CURTO_E@posta.senato.it
    CUSUMANO_S@posta.senato.it
    CUTRUFO_M@posta.senato.it
    D’ALI’_A@posta.senato.it
    D’AMBROSIO_G@posta.senato.it
    D’AMICO_N@posta.senato.it
    DANIELI_F@posta.senato.it
    DAVICO_M@posta.senato.it
    DE ANGELIS_M@posta.senato.it
    DEGREGORIO_S@posta.senato.it
    DEPETRIS_L@posta.senato.it
    DEPOLI_A@posta.senato.it
    DESIMONE_A@posta.senato.it
    DELPENNINO_A@posta.senato.it
    DELROIO_J@posta.senato.it
    DELL’UTRI_M@posta.senato.it
    DELOGU_M@posta.senato.it
    DIBARTOLOMEO_L@posta.senato.it
    DILELLOFINUOLI_G@posta.senato.it
    DISIENA_P@posta.senato.it
    DINI_L@posta.senato.it
    DIVELLA_F@posta.senato.it
    DIVINA_S@posta.senato.it
    DONATI_A@posta.senato.it
    D’ONOFRIO_F@posta.senato.it
    EMPRINGILARDINI_E@posta.senato.it
    ENRIQUES_F@posta.senato.it
    EUFEMI_M@posta.senato.it
    FANTOLA_M@posta.senato.it
    FAZIO_B@posta.senato.it
    FAZZONE_C@posta.senato.it
    FERRANTE_F@posta.senato.it
    FERRARA_M@posta.senato.it
    FILIPPI_M@posta.senato.it
    FINOCCHIARO_A@posta.senato.it
    FIRRARELLO_G@posta.senato.it
    FISICHELLA_D@posta.senato.it
    FLUTTERO_A@posta.senato.it
    FOLLINI_M@posta.senato.it
    FONTANA_C@posta.senato.it
    FORMISANO_A@posta.senato.it
    FORTE_M@posta.senato.it
    FRANCO_P@posta.senato.it
    FRANCO_V@posta.senato.it
    FRUSCIO_D@posta.senato.it
    FUDA_P@posta.senato.it
    GABANA_A@posta.senato.it
    GAGGIOGIULIANI_A@posta.senato.it
    GAGLIARDI_R@posta.senato.it
    GALARDI_G@posta.senato.it
    GALLI_D@posta.senato.it
    GARRAFFA_C@posta.senato.it
    GASBARRI_M@posta.senato.it
    GENTILE_A@posta.senato.it
    GHEDINI_N@posta.senato.it
    GHIGO_E@posta.senato.it
    GIAMBRONE_F@posta.senato.it
    GIANNINI_F@posta.senato.it
    GIARETTA_P@posta.senato.it
    GIRFATTI_A@posta.senato.it
    GIULIANO_P@posta.senato.it
    GRAMAZIO_D@posta.senato.it
    GRASSI_C@posta.senato.it
    GRILLO_L@posta.senato.it
    GUZZANTI_P@posta.senato.it
    IANNUZZI_R@posta.senato.it
    IOVENE_N@posta.senato.it
    IZZO_C@posta.senato.it
    LADU_S@posta.senato.it
    LARIZZA_P@posta.senato.it
    LATORRE_N@posta.senato.it
    LEGNINI_G@posta.senato.it
    LEONI_G@posta.senato.it
    LEVI-MONTALCINI_R@posta.senato.it
    LIBE’_M@posta.senato.it
    LIOTTA_S@posta.senato.it
    LIVI BACCI_M@posta.senato.it
    LORUSSO_A@posta.senato.it
    LOSURDO_S@posta.senato.it
    LUNARDI_P@posta.senato.it
    LUSI_L@posta.senato.it
    MACCANICO_A@posta.senato.it
    MAFFIOLI_G@posta.senato.it
    MAGISTRELLI_M@posta.senato.it
    MAGNOLFI_B@posta.senato.it
    MALAN_L@posta.senato.it
    MALVANO_F@posta.senato.it
    MANINETTI_L@posta.senato.it
    MANNINO_C@posta.senato.it
    MANTICA_A@posta.senato.it
    MANTOVANO_A@posta.senato.it
    MANZELLA_A@posta.senato.it
    MANZIONE_R@posta.senato.it
    MARCONI_L@posta.senato.it
    MARCORA_L@posta.senato.it
    MARINI_F@posta.senato.it
    MARINI_G@posta.senato.it
    MARINO_I@posta.senato.it
    MARTINAT_U@posta.senato.it
    MARTONE_F@posta.senato.it
    MASSA_A@posta.senato.it
    MASSIDDA_P@posta.senato.it
    MASTELLA_C@posta.senato.it
    MATTEOLI_A@posta.senato.it
    MAURO_G@posta.senato.it
    MAZZARELLO_G@posta.senato.it
    MELE_G@posta.senato.it
    MENARDI_G@posta.senato.it
    MERCATALI_V@posta.senato.it
    MICHELONI_C@posta.senato.it
    MOLINARI_C@posta.senato.it
    MONACELLI_S@posta.senato.it
    MONGIELLO_C@posta.senato.it
    MONTALBANO_A@posta.senato.it
    MONTINO_E@posta.senato.it
    MORANDO_E@posta.senato.it
    MORGANDO_G@posta.senato.it
    MORRA_C@posta.senato.it
    MORSELLI_S@posta.senato.it
    MUGNAI_F@posta.senato.it
    NANIA_D@posta.senato.it
    NARDINI_M@posta.senato.it
    NARO_G@posta.senato.it
    NEGRI_M@posta.senato.it
    NESSA_P@posta.senato.it
    NIEDDU_G@posta.senato.it
    NOVI_E@posta.senato.it
    PALERMI_M@posta.senato.it
    PALERMO_A@posta.senato.it
    PALLARO_L@posta.senato.it
    PALMA_N@posta.senato.it
    PALUMBO_A@posta.senato.it
    PAPANIA_A@posta.senato.it
    PARAVIA_A@posta.senato.it
    PASETTO_G@posta.senato.it
    PASTORE_A@posta.senato.it
    PECORARO SCANIO_M@posta.senato.it
    PEGORER_C@posta.senato.it
    PELLEGATTA_M@posta.senato.it
    PERA_M@posta.senato.it
    PERRIN_C@posta.senato.it
    PETERLINI_O@posta.senato.it
    PIANETTA_E@posta.senato.it
    PICCIONI_L@posta.senato.it
    PICCONE_F@posta.senato.it
    PIGLIONICA_D@posta.senato.it
    PIGNEDOLI_L@posta.senato.it
    PININFARINA_S@posta.senato.it
    PINZGER_M@posta.senato.it
    PIONATI_F@posta.senato.it
    PIROVANO_E@posta.senato.it
    PISA_S@posta.senato.it
    PISANU_B@posta.senato.it
    PISTORIO_G@posta.senato.it
    PITTELLI_G@posta.senato.it
    POLI_N@posta.senato.it
    POLITO_A@posta.senato.it
    POLLASTRI_E@posta.senato.it
    POLLEDRI_M@posta.senato.it
    PONTONE_F@posta.senato.it
    POSSA_G@posta.senato.it
    PROCACCI_G@posta.senato.it
    QUAGLIARIELLO_G@posta.senato.it
    RAME_F@posta.senato.it
    RAMPONI_L@posta.senato.it
    RANDAZZO_N@posta.senato.it
    RANIERI_A@posta.senato.it
    REBUZZI_A@posta.senato.it
    RIA_L@posta.senato.it
    RIPAMONTI_N@posta.senato.it
    ROILO_G@posta.senato.it
    RONCHI_E@posta.senato.it
    ROSSA_S@posta.senato.it
    ROSSI_F@posta.senato.it
    ROSSI_P@posta.senato.it
    ROTONDI_G@posta.senato.it
    RUBINATO_S@posta.senato.it
    RUGGERI_S@posta.senato.it
    RUSSO SPENA_G@posta.senato.it
    SACCONI_M@posta.senato.it
    SAIA_M@posta.senato.it
    SALVI_C@posta.senato.it
    SANCIU_F@posta.senato.it
    SANTINI_G@posta.senato.it
    SAPORITO_L@posta.senato.it
    SARO_G@posta.senato.it
    SCALERA_G@posta.senato.it
    SCALFARO_O@posta.senato.it
    SCARABOSIO_A@posta.senato.it
    SCARPA BONAZZA BUORA_P@posta.senato.it
    SCARPETTI_L@posta.senato.it
    SCHIFANI_R@posta.senato.it
    SCOTTI_L@posta.senato.it
    SELVA_G@posta.senato.it
    SERAFINI_A@posta.senato.it
    SILVESTRI_G@posta.senato.it
    SINISI_G@posta.senato.it
    SODANO_T@posta.senato.it
    SOLIANI_A@posta.senato.it
    STANCA_L@posta.senato.it
    STEFANI_S@posta.senato.it
    STERPA_E@posta.senato.it
    STIFFONI_P@posta.senato.it
    STORACE_F@posta.senato.it
    STRACQUADANIO_G@posta.senato.it
    STRANO_N@posta.senato.it
    TADDEI_V@posta.senato.it
    TECCE_R@posta.senato.it
    THALER AUSSERHOFER_H@posta.senato.it
    TIBALDI_D@posta.senato.it
    TOFANI_O@posta.senato.it
    TOMASSINI_A@posta.senato.it
    TONINI_G@posta.senato.it
    TOTARO_A@posta.senato.it
    TREMATERRA_G@posta.senato.it
    TREU_T@posta.senato.it
    TURANO_R@posta.senato.it
    TURCO_L@posta.senato.it
    TURIGLIATTO_F@posta.senato.it
    VALDITARA_G@posta.senato.it
    VALENTINO_G@posta.senato.it
    VALPIANA_T@posta.senato.it
    VANO_O@posta.senato.it
    VEGAS_G@posta.senato.it
    VENTUCCI_C@posta.senato.it
    VICECONTE_G@posta.senato.it
    VIESPOLI_P@posta.senato.it
    VILLECCO CALIPARI_R@posta.senato.it
    VILLONE_M@posta.senato.it
    VITALI_W@posta.senato.it
    VIZZINI_C@posta.senato.it
    ZANDA_L@posta.senato.it
    ZANETTIN_P@posta.senato.it
    ZANOLETTI_T@posta.senato.it
    ZANONE_V@posta.senato.it
    ZAVOLI_S@posta.senato.it
    ZICCONE_G@posta.senato.it
    ZUCCHERINI_S@posta.senato.it

  53. Carlo ha detto:

    Ragazzi ma dove vivete ? La finanziaria non potrà essere modificata un’altra volta !!!!! Tantomeno al Senato !

    Sinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merdaSinistra di merda

  54. Articolo 1 « ha detto:

    […] invincibilis est, ingiustizie e umanita’ ed ingiustizie Leggo la notizia di ricercatoriprecari, e rimango ancora una volta sgomento, tantopiù che essendo oggetto di fiducia alla finanziaria il […]

  55. Francisco Ferrer ha detto:

    Ecco come è girata la notizia nelle liste degli accademici (meditate, gente!)

    —–Messaggio originale—–Da: UNILEX@LIST.CINECA.IT [mailto:UNILEX@LIST.CINECA.IT] Per conto diGiorgio GhelliInviato: venerdì 14 dicembre 2007 18.38A: UNILEX@LIST.CINECA.ITOggetto: Stabilizzazione precari Ricevo questa informazione: L’articolo della finanziaria che estende la “stabilizzabilita’” dei precariai co-co-co/pro ieri e’ stato cosi’ emendato: “… E` comunque escluso dalleprocedure di stabilizzazione di cui alla presente lettera il personale didiretta collaborazione degli organi politici presso le amministrazionipubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo2001, n. 165 nonche’ il personale a contratto che svolge compiti diinsegnamento e di ricerca nelle universita` e negli enti di ricerca.” L’equiparazione dei precari della ricerca ai portaborse e’ spiacevole, ma lanotizia mi pare in se’ molto positiva (era stata ampiamente anticipata). GG

  56. Roberto ha detto:

    AN no, ma l’UDC lo votero’ senza problemi

  57. leo ha detto:

    La Casta degli ordinari la pensa tutta come quello che ha scritto la lettera alla mailing list unilex (vedi post sul 146).

    Io però me la prendo con quelli fra noi che si sentono sicuri di sé troppo sicuri per cui ….evviva hanno fatto bene e la pensano come gli ordinari….

    Ieri ho parlato a lungo con un ordinario di una certa età mi ha raccontato la sua storia e mi ha detto che lui era stato sbattuto in provincia per 20 anni dal suo boss per divergenze e solo dopo la di lui dipartita, la comunità scientifica gli ha riconosciuto i meriti.

    Il punto in discussione è quindi la cooptazione!!!!

    Quella criticata dal “Palermo” e rimproverata a noi….

    La stabilizzazione non è una cooptazione diretta e per questo non è stata fatta passare….

    Agli amici che credono nel nuovo concorso dico….

    cari cugini se il nuovo concorso è coptazione passa, se no si blocca e con esso le nostre speranze di riforma democratica dell’Italia e della ricerca.

    Agli ordinari più giovani e anche agli associati che hanno pubblicazioni ma che sono comunque il frutto della cooptazione dico attenti perché rimarrete soli fra qualche anno, e sarette anche dei bravi scrittori di articoli ma dal punto di vista politico siete delle seghe non certo all’altezza dei baroni attuali ….ormai quasi fuori ruolo..

    Ai precari dico occupatevi di politica!!!!

    Perché l’età e la statistica è comunque dalla vostra parte….

    entrerete ma poi riformate l’università, democratizzatela non prevaricate sulle idee dei vostri allievi, siate generosi….

    A Palermo dico solo che il suo articolo è stato un bell’appoggio ai baroni…quelli veri.

    Ricordate i carbonari morti nel 1821-1828 ma poi c’è stato il 48!

    Abbasso i baroni! Abbassso i calderai! Abbasso i borboni!

  58. beba ha detto:

    UNA PARTE DEI PORTABORSE PUç ESSERE STABILIZZATO !
    Leggete vi prego l’articolo analisi del Sole 24 ore di oggi a pag 7 “Spunta la sanatoria camuffata per i portaborse a tempo” ci hanno giocato bene i politici a quanto sembra…
    Dobbiamo cominciare a fare una analisi degli spazi che abbiamo nell’impostare un ricorso. Chi di noi fa parte di un sindacato e può iniziare una analisi ?
    propongi di aprire un blog dedicatro a questo argomento!
    Basta reazioni emotive. certo ci ricorderemo i nomi di chi ha provocato questa catastrofe però ora usiamo il cervello e cerchiamo di vedere se vi è uno spazio legale…
    CREATE PER FAVORE UN BLOG DEDICATO A QUESTO.
    Grazie mille

  59. Roberto ha detto:

    x Beba

    In linea di principio credo che le strade siano 4:
    -corte costituzionale (articolo 3, parità di trattamento con i precari della altre P.A.)
    -TAR (se, come intendi tu, ci sono pertugi nel testo)
    -giudice del lavoro
    -corte di giustizia europea, per il mancato rispetto di alcuni trattati e la carta dei ricercatori. Una condanna dell’Italia potrebbe essere un’arma da usare im una trattativa

    Pero’ non capisco nulla di giurisprudenza e non so quali strade sono percorribili e quali sono una stupidaggine.

  60. beba ha detto:

    Grazie Roberto.
    Bisogna sentire i contributi di tutti.
    Mi auguro che chi destisce il sito crei un BLOG DEDICATO (forse lunedì dato il weekend)
    Dobbiamo cambiare pagina!! ! Smettere di piangere ed imprecare e valutare se vi sono spazi legali come tu hai enumerato e come anche a me pare…….
    Il provvedimento è frutto d un colpo di mano notturno e mi aspetto che offra qualche “buco legale”.

  61. beba ha detto:

    Chi ha idea di quante persone avrebbero potuto beneficiare del provvedimento (vale a dire in possesso di”…3 anni di servizio negli ultimi 5 anni ed inoltre in servizio al momento dell’approvazione della legge…”?
    Credo non moltissimi…però un dato numerico se esiste sarebbe molto utile.

  62. santo ha detto:

    Credo proprio che si NECESSARIO CONTARSI.
    dalla prossima settimana inizierò presso la mia EX facoltà la conta.

  63. Lucas ha detto:

    Si dice 20000, ma chiaramente la cifra esatta non puo’ saperla nessuno.
    Ma tu di dove sei? Io di Roma.
    Dovremmo conoscere le nostre sedi per darci un minimo di organizzazione.

  64. santo ha detto:

    dimenticavo di ringranziare il ministro MUssi molto abile nella gestione del sistema universitario. Prima ha concordato con i baroni la nostra esculsione dalla stabilizzazione (dimenticando che se siamo qui a protestare e perche in questi anni qualcuno non ci ha voluto), poi per soddisfare le rivendicazioni dei camionisti, ha gentilmente offerto più di 80 milioni sottraendoli alla ricerca. cosa dirà la CRUI? Caro ministro?

  65. santo ha detto:

    sono di Reggio Calabria.

  66. Roberto ha detto:

    Sono come quello che si taglia i c…i per far dispetto alla moglie.

    BEN VENGANO QUESTI TAGLI ALLA RICERCA

    Diamo soldi ai camionisti, che sono gente che si fa il mazzo davvero, anziche’ a questi inutili baroni da quattro soldi, che li sperpererebbero per le loro vetuste ricerche anni ’70.

    Vincessero un premio Nobel, che è da Giulio Natta 1963 che nessuno lo vince senza andare in America o in Svizzera. Poi il Paese potrà riparlarne.

  67. Neoberlusconiano ha detto:

    Francisco Ferrer, ma l’autore di quella mail è Giorgio Ghelli?

  68. santo ha detto:

    si può avere il testodell’articolo sui portaborse? si potrebbe girarlo all’onorevole Dini ( pretese che venissero esclusi i portaborse durante la discussione al senato, (ci fù una crisi non da poco).

  69. Francisco Ferrer ha detto:

    Pare di si.

    Ma chi è costui, così felice della nostra giusta eliminazione?

  70. Mari ha detto:

    L’articolo sui portaborse in realta’ e’ la solita ipocrisia del Sole24ore; non esistono portaborse che rientrino nella categoria a). Altrimenti non sarebbero portaborse ma, piu’ propriamente, dipendenti di amministrazioni (tipo comuni, province, ecc.)
    Possiamo, in quel modo, solo farci del male da soli, rendendo vani i ricorsi USI-RdB!

    E’ inutile insisterci sopra; siamo nella merda e basta. Perche’ non pensare ad occupare, scioperare, rompere i c… sul serio nei luoghi di lavoro?

  71. Elena ha detto:

    ATTENZIONE
    Se cambiano il testo al Senato come vuole ilsole24ore, ADDIO VERTENZA USI-RDB!!!

  72. Leo ha detto:

    ATTENZIONE AL SENATO LA FINANZIARIA VIENE ANALIZZATA DALLA COMMISSIONE PERMANENTE E DALLE COMMISSIONI PERMANENTI LUNEDì e MARTEDì

    POI IN ASSEMBLEA MERCOLEDì

    Le commissioni he ci riguardano sono quella di TREU (Lavoro) e quella cultura (non conosco il capogruppo a memoria)

    Poi quella permanente.

    Quindi faranno ulteriori modifiche!!!!!!

    Poi la trasmettono in tempo utile alla camera per la definitiva approvazione

    dal sito del senato!

    Le giornate di lunedì 17 e martedì 18 dicembre saranno riservate alla 5a Commissione permanente e alle Commissioni competenti in sede consultiva per l’esame dei documenti finanziari.

  73. Gandalf ha detto:

    Concordo con Elena! Stiamo attenti alle modifiche! Rischiamo di giocarci ricorso USI e giuslavorista!

  74. Lucas ha detto:

    Facciamo ordine:

    la lettera a) estende di un anno i termini delle stabilizzazioni 2007, quindi si applica solo ai TD e comunque non alle università. Varrebbe quindi solo per i portaborse con contratto TD che lo scorso anno avevano solo 2 anni di servizio (se ce ne sono)

    la lettera b) vale per i co.co.co., ma esclude le università

    Quindi il ricorso USI a noi non serve, perche’ se anche rientrassimo nel punto a) come TD, saremmo poi esclusi come universitari.

    Il sole24ore fa solo sensazionalismo. Cio’ che denuncia valeva gia’ lo scorso anno.
    Per noi non ci sono speranze senza modifiche.

  75. Leo ha detto:

    Ecco il calendario dei laori del senato

    Le giornate di lunedì 17 e martedì 18 dicembre saranno riservate alla 5a Commissione permanente e alle Commissioni competenti in sede consultiva per l’esame dei documenti finanziari.
    Mercoledì 19 dicembre (9.30-14) (16-21)

    Discussione generale congiunta:

    * Ddl n. 1818-B – Bilancio 2008
    * Ddl n. 1817-B – Finanziaria 2008
    (Ove modificati e trasmessi in tempo utile dalla Camera dei deputati)

    Note

    La Conferenza dei Capigruppo sarà convocata nella giornata di martedì 18 dicembre per definire l’organizzazione dei lavori dei successivi giorni della settimana, relativamente ai disegni di legge finanziaria e bilancio e al seguito della discussione del ddl n. 1903 (Protocollo lavoro e previdenza).

    Non appena trasmessi dalla Camera dei deputati i disegni di legge nn. 1818-B e 1817-B saranno immediatamente deferiti alla 5a Commissione permanente.

    Salvo i diversi termini che potrebbero essere comunicati in relazione ai tempi di trasmissione dei documenti finanziari dalla Camera dei deputati, le Commissioni permanenti dovranno presentare i propri rapporti alla Commissione bilancio entro le ore 13 di martedì 18 dicembre; la 5a Commissione permanente riferirà all’Assemblea a partire dalle ore 9.30 di mercoledì 19 dicembre.

    Gli emendamenti ai disegni di legge finanziaria e di bilancio dovranno essere presentati entro le ore 18 di martedì 18 dicembre, salvo diverse determinazioni della Conferenza dei Capigruppo.

  76. Gandalf ha detto:

    Appunto!
    L’USI tende a far riconoscere come lavoro subordinato a td il lavoro come assegnisti, cococo, ecc.
    Se rientrassimo, come da ricorso USI, nel punto a), non saremmo affatto esclusi, visto che cosi’ come e’ ci si riferisce al punto b).

    MEDITIAMO, prima di fare c..e!

  77. Leo ha detto:

    A noi serve che sia tolto quel c…o di emendamento aggiunto nottetempo il resto sono chiacchiere!

    E anche senza emendamento nulla è scontato.

    Ma così com’è siamo rimasti in m……..e

  78. Leo ha detto:

    Comunque il senato toglierà e non aggiungerà perché ad aggiungere ci hanno pensato quegli illuminati onorevoli.

  79. Elena ha detto:

    x Lucas:

    Il problema del non essere rientrati fino ad ora e’ stato non che fossimo universitari ma che non eravamo a TD.
    Il ricorso (accolto, per quelli che l’hanno fatto) USI tende a far passare come lavoro effettivo a TD il lavoro svolto come assegnisti.
    Se dunque vengono accolti quei ricorsi, noi potremmo rientrare (dalla fineestra, direi!).

    Se invece si fa come chiede il Sole24ore, addio ricorso!
    Ragazzi, calma: la situazione e’ difficile; non tiriamoci la zappa sui piedi.

  80. Elena ha detto:

    x Leo:

    Il Senato non togliera’ quell’emendamento del c…
    Al limite seguira’ il ‘consiglio’ del Sole24ore, e allora niente piu’ speranze!

  81. Leo ha detto:

    Ecco la commissione che si occuperà principalmente della finanziaria

    * MORANDO Enrico, PD-Ulivo

    Vicepresidenti

    * LEGNINI Giovanni, PD-Ulivo
    * FORTE Michele, UDC

    Segretari

    * TECCE Raffaele, RC-SE
    * STRACQUADANIO Giorgio, DCA-PRI-MPA

    Membri

    * ALBONETTI Martino, RC-SE
    * AUGELLO Andrea, AN
    * AZZOLLINI Antonio, FI
    * BALDASSARRI Mario, AN
    * BARBATO Tommaso, Misto, Popolari-Udeur
    * BATTAGLIA Giovanni, SDSE
    * BONFRISCO Anna Cinzia, FI
    * CABRAS Antonello, PD-Ulivo
    * CICCANTI Amedeo, UDC
    * ENRIQUES Federico, PD-Ulivo
    * FERRARA Mario, FI
    * FUDA Pietro, Misto, Partito Democratico Meridionale
    * LUSI Luigi, PD-Ulivo
    * MORGANDO Gianfranco, PD-Ulivo
    * POLLEDRI Massimo, LNP
    * RIPAMONTI Natale, IU-Verdi-Com
    * RUBINATO Simonetta, Aut
    * SAIA Maurizio, AN
    * TADDEI Vincenzo, FI
    * VEGAS Giuseppe, FI

  82. Votiamo AN ha detto:

    Cazzo, colleghi, cosi’ addio USI!
    Ha ragione Elena (e mari): ci manca solo ilsole24ore! E secondo voi se facessero come dice il giornale di Montezemolo, la via USI rimane percorribile? E’ ovvio che no!
    Se non siamo in grado di fermarci e pianificare con RAZIOCINIO le mosse, forse ce lo meritiamo!

  83. Lucas ha detto:

    Non sono sicurissimo, ma non insisto piu’ di tanto: l’articolo 519 non si applicava comunque al personale non contrattualizzato delle università. E comunque se non fosse cosi’, allora cambiamenti o non cambiamenti in questa finanziaria come TD rientreremmo nelle stabilizzazioni 2007

  84. Leo ha detto:

    Guardate che protestare per l’esclusione dei cococo ric precari non c’entra niente con i ricorsi usi!!!

    Anzi il punto è che tali ricorsi al massimo potranno essere utilizzati dagli assegnisti degli enti di ricerca e non delle università che erano escluse anche lo scorso anno.

    Vi state aggrappando agli specchi.

    Cosa poi dovrebbero modificare al senato?

    ci aggiungono un altro comma contro portaborse e ricercatori precari a td?

    Al senato al massimo tolgono e non aggiungono.

  85. Votiamo AN ha detto:

    Guarda che il problema sta proprio nella parola che hai usato tu: “non contrattualizzato”. Il ricorso che e’ stato fatto ha di fatto equiparato assegnisti/cococo a “contrattualizzati”. Non c’era nessuna norma esplicita per escludere l’universita’ o i ricercatori.
    Quello che dici invece sul fatto eventually di rientrare nelle stabilizzazioni 2007 e’ vero, ma solo in parte: poiche’ si tratta di riaprire il procedimento amministrativo, se in questa finanziaria passa una interpretazione che esclude espliciamente i ricercatori, addio riapertura (guardate che neanche alla Funzione Pubblica siamo ben messi!)

  86. Elena ha detto:

    x Leo:

    Non si tratta di aggiungere, ma di fare riferimento anche al punto a) (e se cosi’ fosse, saremmo nella c…a).

    Ma non c’e’ nessuno che puo’ interpellare qualcuno dell’USI?

  87. Votiamo AN ha detto:

    Le Universita’ non erano escluse lo scorso anno. Semplicemente erano IMPLICITAMENTE escluse perche’ non avevano personale a td.

  88. Leo ha detto:

    Ripeto siete voi che state dando suggerimenti che è meglio non dare personalmente protesto per tutto l’emendamento sui portaborse!

  89. Votiamo AN ha detto:

    OK. Allora, se vogliamo essere convincenti e non tirarci la zappa sui piedi, protestiamo ESPLICITAMENTE per l’AGGIUNTA, e non per l’emdamento sui portaborse (che e’ anche popolare!). E chiudiamo qui la discussione.

  90. Leo ha detto:

    Comunque lo scorso anno le università erano escluse perché il 519 faceva riferimento addirittura ad un fondo della finanziaria 2004 che si applicava e bloccava i concorsi a personale contrattualizzato ma non ai ricercatori dell’università che in questi anni i concorsi li hanno avuti.

  91. Betta ha detto:

    Ragazzi, la verita’ e’ una, incontestabile: e’ un GOVERNO DI MERDA, e’ una SINISTRA DI MERDA, e’ un PARTITO DEMOCRATICO DI MERDA! Votateli pure, continuaiamo ad aver paura di Berlusconi, continuiamo a votare TOCCI, MUSSI, PRODI, VELTRONI.
    Che masochismo!

  92. Giovanni A. ha detto:

    Non so quanto sia utile/produttivo scrivere (solo) ai deputati/senatori: e’ ai responsabili dei partiti che dobbiamo scrivere. Perche’ non inondare di mail Veltroni, D’Alema, Rutelli, Franceschini, Mussi (ahime’), Pecoraro Scanio, Diliberto, Bertinotti?
    I singoli deputati/senatori non contano un c…
    Se sanno che verranno ricandidati in collegi sicuri non gliene importa un c… delle nostre proteste. E’ ai loro capi (anche loro ce ne hanno) che dobbiamo scrivere. C’e’ qualcuno che puo’ postare le email di parititi e segretari?

  93. Giovanni A. ha detto:

    ps. Ho dimenticato Giordano! Giuro che non era per sminuirlo!

  94. 100 post!!!! siamo ridicoli e questo thread ne è la conferma…

    a grufolare questo o quell’emendamento che ci può + o – salvare il c..o dalla
    prorpia personale condizione.

    Siamo maledettamnte uguali ai nostri politicanti davanti alla riforma per
    la legge elettorale. A grufolare per salvarsi il c..o col proprio partitello.

  95. Mau ha detto:

    Concordo! Scriviamo anche ai segretari di partito!

  96. sara ha detto:

    Non c’è modo di seguire la strada della a) e delle USI per le università ha ragione leo.
    Stamattina sono stata ad una assemblea usi e si è detto chiaramente che l’università è fuori anche con l’equiparazione ai td.
    C’è solo da lottare come leoni per fargli togliere l’aggiunta e tornare al testo del senato che escludeva solo i portaborse.

  97. giorgio ha detto:

    Perche’ nelle email, oltre a chiedere l’abrogazione dell’ultimo pezzo introdotto nottetempo, non facciamo riferimento anche alla situazione catastrofica dei fondi e al fatto che comunque se li pappano tutti i magnifici?

  98. sofia ha detto:

    Giorgio Ghelli mi sembra uno in gamba, pero’

    http://www.di.unipi.it/~ghelli/

  99. DanteAlighieri ha detto:

    “sembra”….

  100. Bimbo ha detto:

    Ho cercato di ricostruire un po’ della storia del testo del maxi-emendamento.

    Vi invio uno stralcio dell’intervento di Manuela Ghizzoni, capogruppo del Partito Democratico nella commissione Cultura della Camera, in merito alla legge finanziaria 2008. In particolare rivendica la presentazione della proposta emendativa per escludere i ricercatori precari di università ed enti con contratti diversi dal tempo determinato dalle stabilizzazioni. Questa proposta, concorde con l’opinione della CRUI è quella accolta nel maxiemendamento. In neretto la parte oggetto del nostro interesse. Con riferimento ai numeri dei concorsi (4000 nei prossimi tre anni) essi sono riferiti alla sola università. Nel solo CNR i precari sono oltre 5000. In tutti gli altri EPR direi altrettanti e con l’università non mi meraviglierei che si tocchi quota 50.000. Mi risulta, ma non riesco a trovarne prova certa, che l’emendamento originario avesse anche la firma di Walter Tocci.

    Vi allego anche il dibattito relativo ad una recentissima interrogazione a firma Manuela Ghizzoni, Walter Tocci (e non solo loro, essi sono coloro che hanno preso la parola in sede di dibattito) in cui i due si dichiaravano soddisfatti per il procedere delle stabilizzazioni dei ricercatori a tempo determinato (quelle che nel CNR dovrebbero esservi tra pochissimo per pochi fortunati).

    Personalmente ho trovato queste due letture molto istruttive… Per evitare equivoci vorrei sottolineare che il mio scopo non è quello di esporre i due “coraggiosi” deputati al pubblico linciaggio.

    Al momento tengo per me molte mie riflessioni. In vero, non è così singolare vedere uno studioso non lontano dal pensiero di Tony Negri (così in breve inquadro il pensiero di Giulio Palermo), un esponente della sinistra del Partito Democratico (così frettolosamente classifico il ricercatore del CNR e deputato Walter Tocci), una professoressa universitaria espressione del “centro” del Partito Democratico (altro giudizio frettoloso) e la Conferenza dei Rettori (frettolosamente li chiamerei baroni) convergere nel nome del primato dei concorsi contro le baronie contro la stabilizzazione di coloro che non sono tempi determinati. In fondo la “casta” di coloro che sono contro le “caste” non ha mai prodotto molti avanzamenti per coloro che né alla “casta” né alle “caste” appartengono (perdonate il “castese”). Del resto è improponibile che i paria divengano brahmini (…che per ironia della sorte sarebbe stata la casta dei custodi della scienza).

    MANUELA GHIZZONI. Signor Presidente, …..nella manovra per il 2008 su scuola, università e cultura è chiara la volontà di investire, di recuperare efficienza e di gratificare il merito, come ad esempio dimostra la sperimentazione di una nuova organizzazione scolastica, finalizzata ad innalzare il servizio istruzione, a migliorare la qualità dell’apprendimento e ad accrescere l’efficacia della spesa. Infatti, la scuola italiana non soffre soltanto di carenza di risorse, ma anche di gestione inefficiente delle medesime, come dimostra il fatto che negli anni passati, ad eccezione delle ultime immissioni estive, il personale docente sia aumentato nelle regioni dove si è registrato un decremento degli alunni.
    La norma introduce, inoltre, un meccanismo premiante, che prevede la restituzione alle sedi locali delle risorse risparmiate da investire per il personale e per l’edilizia. Ma il disegno di legge finanziaria per la scuola include altre norme, come per esempio l’assunzione di mille ATA aggiuntivi, rispetto al contingente previsto, che riteniamo possa comunque essere incrementato in considerazione dei prossimi e massicci pensionamenti. A proposito di ATTP crediamo che non sia più differibile una soluzione al problema salariale di inquadramento, oggi oggetto di sperequazione, del personale trasferito per legge dagli enti locali alle istituzioni scolastiche.
    La prevista stabilizzazione dei docenti di sostegno, che va a vantaggio della continuità didattica e degli alunni, definisce l’organico secondo parametri quantitativi. Auspichiamo, pertanto, affinché l’integrazione degli alunni disabili sia efficace, che l’organico sia elevato di almeno l’80 per cento e che, in presenza di indifferibili e accertate esigenze, si possa procedere a nomine in deroga.
    Analogamente, alla luce del costante incremento degli alunni stranieri, chiediamo siano destinate risorse per la dotazione di docenti di italiano per gli alunni alloglotti, così che la padronanza della lingua sia veicolo di comunicazione e di conoscenza, oltre che di integrazione. Sono auspici per una scuola più inclusiva, in grado di fornire ai giovani, in particolare più svantaggiati, le competenze indispensabili per affrontare le sfide poste dalla contemporanea società della conoscenza.
    In merito all’università e alla ricerca, ricordo l’apprezzabile inversione di tendenza sui finanziamenti, dato l’incremento consistente del fondo di funzionamento ordinario e del fondo in favore degli enti di ricerca, ma l’apprezzamento riguarda anche le modalità di assegnazione delle risorse sottopostePag. 24all’adozione di un piano programmatico, nel quale MIUR ed atenei sanciscono una reciproca assunzione di responsabilità, per la quale il primo si impegna a trasferire adeguate risorse tenendo conto dell’inflazione e delle retribuzioni, mentre gli atenei sottoposti a valutazione si vincolano alla razionalizzazione della spesa e all’adozione di una programmazione degli interventi, al miglioramento della qualità dei servizi dell’offerta didattica. Con l’adozione di tale piano, i criteri del finanziamento incentivante, della programmazione connessa alla valutazione, trovano finalmente concreta applicazione nel nostro sistema universitario, seppure limitati alla distribuzione di una percentuale del fondo di funzionamento ordinario.
    Non posso soffermarmi – come invece vorrei – su alcuni provvedimenti importanti, tesi a valorizzare i giovani ricercatori. Tuttavia, a tale proposito desidero invece richiamare la norma che prevede la stabilizzazione del personale delle amministrazioni pubbliche titolari di contratti a tempo determinato e di Cococo. Abbiamo ricevuto aspre critiche per la presentazione di una proposta emendativa, che escludeva dalla stabilizzazione il personale con compiti di insegnamento e di ricerca nell’università. La nostra decisione è coerente con quanto abbiamo sostenuto nella legge finanziaria per il 2007, cioè un piano di assunzione straordinario dei ricercatori, con nuove modalità procedurali snelle, meritocratiche e allineate agli standard internazionali.

    L’università italiana non ha bisogno di ope legis, ha bisogno di qualità, di concorsi trasparenti che valutino rigorosamente i titoli e le esperienze scientifiche e didattiche maturate, che gratifichi quindi i giovani migliori molti dei quali, ma non tutti, sono precari che oggi ci contestano. Comprendiamo la loro amarezza, soprattutto coloro che non hanno avuto l’occasione di dimostrare fino ad oggi con procedure comparative limpide il proprio valore scientifico.
    Su questo punto è chiara la responsabilità di molti atenei che hanno basato un’ampia offerta didattica e i programmi di ricerca sulla disponibilità dei precari, senza prevedere un conseguente piano di reclutamento. Ma ora questo piano c’è e prevede 1050 posti cofinanziati a valere sulle risorse messe a disposizione nel 2007 a cui si aggiungeranno ben 4200 nel biennio 2009-2010. Da ieri è realtà anche il regolamento delle nuove modalità di reclutamento dei ricercatori. Abbiamo, quindi, posti e nuovi strumenti di selezione: così si aprono realmente le porte dell’università ai giovani talenti meritevoli, in adesione al dettato costituzionale.
    Infine, richiamo solo per titoli alcuni provvedimenti di rilievo a favore dei beni culturali che meriterebbero ben maggiore spazio, sia per il profilo dell’impegno finanziario, sia per la qualità delle misure adottate. Oltre all’incremento del FUS, penso all’impegno inedito e forte per rilanciare l’industria cinematografica nazionale, attraverso meccanismi di incentivazione fiscale a favore delle imprese che investono in tutta la filiera del cinema e alle modifiche al testo unico della televisione introdotte per assicurare promozione e diffusione alla produzione audio-televisiva.
    Concludo, signor Presidente, esprimendo apprezzamento per una manovra che restituisce serenità ai settori che ho richiamato non solo per le risorse messe a disposizione, ma per le scelte assunte tese a gratificare il merito e il senso di responsabilità, a sostenere la creatività, a disporre pratiche di programmazione, innovazione e valutazione.
    Signor Presidente, chiedo che la Presidenza autorizzi la pubblicazione in calce al resoconto della seduta odierna di considerazioni integrative del mio intervento.

    Ecco invece la posizione della deputata Manuela Ghizzoni e del deupato Walter Tocci sulla stabilizzaizone del personale a tempo determinato.

    Svolgimento di interrogazioni a risposta immediata.

    (Tempi di adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri previsto dal comma 520 dell’articolo 1 della legge finanziaria per il 2007 in tema di stabilizzazione del personale impiegato in attività di ricerca presso gli enti pubblici di ricerca – n. 3-01420)

    PRESIDENTE. La deputata Ghizzoni ha facoltà di illustrare la sua interrogazione n. 3-01420, concernente i tempi di adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri previsto dal comma 520 dell’articolo 1 della legge finanziariaPag. 59del 2007 in tema di stabilizzazione del personale impiegato in attività di ricerca presso gli enti pubblici di ricerca (Vedi l’allegato A – Interrogazioni a risposta immediata sezione 11).

    MANUELA GHIZZONI. Signor Presidente, signor Ministro, la ricerca si nutre di libertà, ma nel nostro Paese sono molti i ricercatori che non conoscono tale situazione di autonomia e di indipendenza. Ci riferiamo ai ricercatori precari che contribuiscono allo sviluppo scientifico e culturale del nostro Paese, ma la loro azione è svolta senza le certezze che derivano da un lavoro stabile, certezze non solo economiche, ma anche di autonomia per le proprie ricerche e di riconoscimento dei propri meriti.
    Per contrastare tale fenomeno il gruppo del Partito Democratico-L’Ulivo ha sostenuto convintamente nella legge finanziaria per il 2007 – attualmente in vigore – la norma che consente, per gli enti pubblici di ricerca, la stabilizzazione di ricercatori precari titolari di contratti a tempo determinato attivati a seguito di procedure selettive. A tal fine, è stato costituito un apposito Fondo per il 2007, di 20 milioni di euro, per il cui utilizzo è prevista l’emanazione di un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. Pertanto, chiediamo quando sarà approvato tale decreto, che non può esser ulteriormente procrastinato in quanto rappresenta un primo significativo passo verso la giusta valorizzazione dei talenti italiani nel campo della ricerca e del sapere.

    PRESIDENTE. Il Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali, Vannino Chiti, ha facoltà di rispondere.

    VANNINO CHITI, Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali. Signor Presidente, il tema sollevato è di grandissimo rilievo e riguarda sia l’impegno complessivo del Governo per superare il precariato nel lavoro sia la centralità della ricerca e di coloro che vi operano per il progresso del nostro Paese. Come lei ricordava, onorevole Ghizzoni, la legge finanziaria ha previsto un fondo di 20 milioni di euro per il 2007 e di 30 milioni per il 2008. I criteri generali in materia di stabilizzazione sono stati poi definiti con la direttiva n. 7 del 30 aprile 2007, dal Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, che ha provveduto, con successive circolari, a fornire le necessarie istruzioni agli enti di ricerca per la presentazione delle richieste di stabilizzazione e di assunzione. Sulla base delle richieste pervenute dagli enti interessati è stata elaborata una ripartizione del Fondo che ha tenuto conto di alcuni parametri quali il numero degli enti vigilati, le vacanze di organico, il fabbisogno rappresentato e le assunzioni che erano state autorizzate nell’ultimo triennio.
    Come lei ricordava, onorevole Ghizzoni, per l’utilizzazione del Fondo, si provvede con decreto del Presente del Consiglio dei ministri da adottare sulla base di una deliberazione del Consiglio dei ministri stesso, sentite le amministrazioni vigilanti sugli enti di ricerca. Tale provvedimento, che prevede di assumere a tempo indeterminato un numero complessivo di circa 804 unità tra vincitori di concorso e lavoratori precari, è attualmente all’esame finale del Ministero dell’economia e delle finanze per la valutazione della compatibilità e coerenza di bilancio. Credo e auspico che possa essere già approvato nel corso del prossimo Consiglio dei ministri, previsto per venerdì 16 novembre ed, in ogni caso, se ciò non fosse possibile, per quello successivo.

    PRESIDENTE. Il deputato Tocci, cofirmatario dell’interrogazione, ha facoltà di replicare.

    WALTER TOCCI. Signor Ministro, è una bella notizia per la ricerca scientifica italiana! Con l’impegno preso in questa sede si possono, quindi, trasformare tanti contratti a termine in assunzioni stabili. I giovani ricercatori italiani attendevano da tanto tempo questa bella notizia. Il precedente Governo, infatti, aveva bloccato per cinque anni i concorsi negli enti di ricerca, chiudendo le porte ai giovani talenti del nostro Paese. Tutto ciò ha soffocato la ricerca scientifica e ha costretto molti a cercare fortuna all’estero. Ricordo che il precedente Ministro, dopo avere chiuso le porte, versava anche lacrime di coccodrillo per la «fuga dei cervelli». Ora si inverte la rotta, con la notizia che lei ci ha riferito: si riaprono le porte e si dice, soprattutto, ai giovani scienziati italiani che questo è il loro Paese e che esso ha bisogno di loro. Quindi, la ringrazio, signor Ministro. Sappiamo che il suo impegno personale è stato decisivo per sbloccare in questi ultimi giorni il decreto che impegna i fondi per le assunzioni già stanziati dalla finanziaria per il 2007.
    Le chiediamo anche di prestare attenzione alle procedure successive: sono infatti stanziati nella finanziaria di quest’anno e nel bilancio triennale altri fondi per riaprire i concorsi pubblici. Ci sono finanziamenti per mettere a concorso almeno duemila posti di ricercatore e, soprattutto, dobbiamo ricorrere alle procedure normali, ai normali concorsi pubblici. Un giovane astrofisico, che ho incontrato in questi giorni e che, insieme ad altri, attendeva questa buona notizia, mi diceva che i concorsi pubblici nella ricerca dovrebbero avere la stessa regolarità dell’orbita dei pianeti intorno al sole. Penso che questa sia, davvero, una regola che ci dovremmo dare (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico-L’Ulivo).

  101. Romani ha detto:

    Da Roma abbiamo inviato per iniziativa una mail per sottoporre all’attenzione del direttore Paolo Mieli

    la situazione dei ricercatori precari dell’università

    Sappiamo che la lettera non è stata cestinata…potete magari inviare brevi mail di sostegno dell’iniziativa

    Magari ricordategli l’indirizzo web di questo blog che noi non lo abbiamo fatto!

    mieli@corriere.it,PMieli@rcs.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: