Ecco un ottimo documento su Reclutamento e Finanziamento…dedicato ai Censori… Giavazzi e Perotti (primi inter pares)

onda-pensionamenti

Onda dei pensionamenti teorici ed effettivi

Ecco un documento esauriente e un buon esempio di come un piccolo gruppo di dottori di ricerca e precari della Università della Sapienza (Facoltà di Fisica) possano contribuire concretamente al dibattito di questi giorni e demistificare con i dati tanti articoli e libri sulla valutazione della università italiana e la comparazione con le altre realtà internazionali.

E’ vero che siamo troppo finanziati?

E’ vero che abbiamo troppi professori?

Quanti professori andranno in pensione?

Cosa accadrà ad una università in cui c’è un  blocco del turn over al 50% dal 2009 rispetto alle altre università del mondo se i dati “oggettivi” da cui partire sono i seguenti?

scarica-il-file-della-indagine-su-reclutamento-e-finanziamento-del-gruppo-ricercatori-precari-di-fisica-della-sapienza

Annunci

236 Responses to Ecco un ottimo documento su Reclutamento e Finanziamento…dedicato ai Censori… Giavazzi e Perotti (primi inter pares)

  1. lassie ha detto:

    avete letto le anticipazioni delle modifiche al 180?
    chiamata diretta per i ricercatori all’estero.

    auguri a tutti

  2. Carlo Pisacane ha detto:

    E’ una proposta?

    Scusa ma perché i ricercatori all’estero dovrebbero essere chiamati direttamente se possono partecipare ai concorsi?

  3. lassie ha detto:

    no, no, non è una proposta.
    secondo me è una stronzata.
    è l’anticipazione data sabato da Italia Oggi e arrivata in ML stamattina.
    il link
    ht tp:// rassegnastampa.crui.it/ minirass/ esr_p1.asp?dacbo=si&cbogiorno =22/11/2008

    togliete gli spazi nel link ch ho messo per evitare la moderazione del commento.
    l’articolo è quello, come dicevo, di Italia Oggi.

    p.s.
    il pdf postato nel link è un gran bel lavoro, complimenti.

  4. Einfach ha detto:

    Un ricercatore che lavora all’estero è un ricercatore che è stato selezionato con criteri che non sono quelli italiani, quindi anche io ritengo che debba partecipare al concorso come tutti gli altri (chiaramente la sua attività gli varrà come punteggio nei titoli). Sarebbe come se si chiamasse direttamente chi fa ricerca in una struttura privata, selezionato non si sa come.
    Stiamo all’occhio a queste aperture selvagge, sento puzza di fregature.

  5. miltonmb ha detto:

    Siete dei baroncelli.

    Avete paura dei ricercatori all’estero perchè sono più bravi di voi.

    Sapete che sono stati selezionati sulla base del merito, e non per aver portato la borsa al proprio “referente” per questo li temete.

    • manuel ha detto:

      Buongiorno signore/signora
      Il nostro obiettivo è di rafforzare significativamente la base economica di ogni persona morale e fisica che svolge attività generarici di ritornata attraverso la concessione di credito e di finanziamento. Sono un privato che si impegna ad aiutarli finanziariamente indipendentemente dal vostro problema purché siate solvibile. Perché aspettare allora lo scrivete. Sono interamente a vostra disposizione. Il mio tasso d’interesse 3% mio mail:moraismanuel14@yahoo.fr

  6. Pisacane ha detto:

    @miltonmb

    Non capisci proprio niente.

    In questi anni le chiamate dirette dall’estero sono state usate dai baroni per far passare senza concorso gente che lavorava in piccolissime università che non erano affatto presenti nei ranking internazionali. Alcune università italiane almeno ci sono!

    Informati prima di parlare di cose che non conosci.

    Le chiamate dall’estero dovrebbero essere abolite e le esperienze all’estero dovrebbero valere nel curriculum e tutti dovremmo partecipare alle stesse selezioni.

    Basta con la retorica!

  7. lassie -> miltonmb ha detto:

    veramente non è proprio così.
    ritengo che l’introduzione della chiamata diretta in QUESTO sistema andrebbe anche a svantaggio degli stessi ricercatori all’estero che hanno dovuto necessariamente tagliare i ponti con gli atenei di provenienza.
    per quanto bravi, quale ordinario richiamerà in patria l’ex pupillo che lo ha “tradito”? (perché è così che, almeno nella mia facoltà, viene percepita la legittima partenza per paesi più civili del nostro).

  8. lassie ha detto:

    quoto Pisacane in tutto.

  9. France ha detto:

    @miltonb
    Sei ironico, vero? Si, dai, sei ironico…
    Siccome io sono all’estero quindi in (scusate il termine) conflitto di interessi, vi dico come la vedo.
    E’ UNA STRONZATA SIDERALE! E vedo gia’ il trabocchetto: si manda il bimbo a fare due anni di postdoc all’esetro e si richiama in Italia senza passare dai concorsi che magari adesso c’e un po’ di casino e non si sa coma va a finire.
    Se dovesse passare proporrei un emendamento: chiamata diretta per chi torna dall’estero, MA calcio nel culo diretto al chiamante se e’ il solito giochetto.

  10. mino ha detto:

    Attenzione, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. La questione della chiamata diretta dei ricercatori dall’estero non c’entra niente con il D.L. 180 (che invece riguarda la modifica delle procedure dei concorsi).
    Lassie si riferisce alla legge (secondo me demagogica) sul “rientro dei cervelli”, voluta dalla Moratti e poi rifinanziata da Mussi, e ora sembra anche dalla Gelmini (con delle modifiche agganciate ad un disegno di legge … quindi ci vorrà del tempo).
    In base a questa legge, come ben sapete visto che risale a 8 anni fa, le Università possono chiamare senza concorso, previo parere del CUN, un ricercatore che lavora all’estero con un contratto a tempo indeterminato (cioè il ricercatore deve già lavorare a tempo indeterminato all’estero), mantenendogli il ruolo (esempio: se uno è associato all’estero rimane associato in Italia). Tale chiamata non influisce sul budget della facoltà (i soldi li dà il Miur).
    Poichè questa legge si è rivelata un fallimento a) perchè le Università non chiamano (preferiscono sistemare gli interni), b) perchè i criteri del CUN sono troppo stringenti e spesso non viene dato l’assenso.
    Da quello che ne so si sta cercando di rendere meno stringenti tali criteri, tutto qua.

  11. lassie ha detto:

    boh, nell’articolo si parlava di “emendamento al DECRETO di riforma dell’università”, ergo ho pensato si trattasse del 180.
    non credo che sta roba verrà infilata nel disegno di legge da scrivere sulla base delle linee guida, sennò si sa la fine che farà.
    teno invece che sarà infilata in uno dei decreti attuativi in cui dovrebbero anche spiegarci sti benedetti criteri di scientificità internazionalmente riconosciuti per i concorsi per noi poveri rimasti in italia.

  12. Pisacane ha detto:

    @mino

    pure tu sei poco informato.

    I criteri non sono per nulla stringenti.

    Le università hanno chiamato eccome! Solo che hanno chiamato chissacchi.

    Il problema è che le chiamte sono di due tipi 1 tipo quelli che rientrano direttamente dopo essere passati per borse di studio che si chiamano rientro dei cervelli

    2 tipo quelli che rientrano direttamente e non passano per le borse di studio rientro dei cervelli (ma confusamente si chiamano anch’esse rientro dei cervelli).

    Per il primo tipo sarei d’accordo per una agevolazione per le chiamate dirette (previa borsa di studio per rientro dei cervelli) per il II tipo di chiamata occorrono leggi ferree che proprio non ci sono per evitare abusi.

    Un’ altra informazione distorta…

    Il budget per le chiamate dirette è sempre di ateneo e viene tolto ad altri tipi di concorsi… in questi anni il ministero reintegrava con cofinanziamenti -non dovuti in principio- le chiamate effettuate dalle facoltà.

    La legge moratti infatti ,che ha introdotto la chiamata diretta, dice esplicitamente che il budget per le chiamate è di ateneo e non ministeriale.

    Ora la Gelmini deve necessariamente mettere le mani anche qui perché ci sono stati molti abusi e molti cofinanziamenti che hanno gravato sul ministero e in prima battuta sul budget di facoltà togliendo spazio ai concorsi.

  13. Bombadillo ha detto:

    Scusate se mi intrometto.

    Vabbè, dato che ci sono…..sulla questione, nel diritto penale non esiste gente che sta all’estero, e quindi io non sono di direttamente interessato, ma, se sono tanto bravi, qual è il loro problema a fare il concorso (ovviamente quello nuovo, perchè il vecchio…) in Italia?
    Anche io non mi fido. E poi è una questione di principio: la chiamata diretta va bene solo se è responsabile. A me sembrano prove tecniche di chiamata diretta irresponsabile!
    Ha ragione France è una proposta che puzza di bruciato!

    In realtà, però, mi intrometto per AVVISARE CARBONARO: vatti a leggere la mia risposta, nella precedente discussione, ti può essere utile: per me, neppure se ne rendono conto, ma stanno facendo un errore madornale.

  14. Untenured ha detto:

    secondo me con questa modifica sul “rientro dei cervelli” l’effetto sarà duplice:

    – si spalancheranno le porte ai figli di papà (do you remember la figlia di Rognoni?) fintamente emigrati all’estero, che non dovranno passare per una valutazione nazionale (anche se il CUN aveva fatto molte ‘sciocchezze’ in questi anni e ceduto a non poche pressioni dei poteri forti);

    – si chiuderanno le porte ai “veri” cervelli in fuga: coloro che sono andati all’estero perché in patria non c’erano opportunità e che, senza adeguate protezioni, non otterranno mai che venga dedicato loro il budget di facoltà.

    E’ ancora una volta un provvedimento-beffa del nostro Governo: il Ministero ritira il proprio impegno finanziario e dà alle facoltà la facoltà di chiamare – sul FFO – i ricercatori all’estero, bypassando i concorsi: insomma la solita corsia preferenziale per pochi privilegiati!

  15. antonio ha detto:

    se si fanno rientrare i cervelli e questo blocca i cervelli in patria, siamo punto a capo, nel senso che altri saranno in fuga.

    non credo che il governo voglia questo, ma essendo in Italia, non mi sorprenderebbe se accadesse.

    in ogni caso, c’è stato un caso di rientro all’università di macerata sfociato in un processo penale tuttora in corso.

    alcuni potrebbero rimanere fuori perchè si trovano cmq meglio, ci sono stati casi di rientri “pentiti”, perchè chi era abituato a fare ricerca es., in usa non si è trovato bene con la gestione fondi, apparecchiature scadenti e mentalità feudale.

    staremo a vedere, mi sembra cmq demagogico riservare qualcosa ai rientri: se vuoi rientrare gareggi con le regole (nuove o vecchie) con le quali gareggiano tutti.

  16. ARPIg ha detto:

    ARPIg – Comunicato ufficiale*

    Udite, udite. L’ultimo intervento della nostra beneamata Ministro NON contraddice lo spirito della nostra associazione, anzi ancora una volta lo avvera.

    Ricordate che il nostro obiettivo è la chiamata diretta responsabile. Quindi, la chiamata diretta dei “cervelli in fuga” va esattamente nella direzione da noi auspicata.

    Chiunque sarà sorpreso sul blog o fuori a sostenere il contrario – andando consapevolmsarà immediatamente deposto da socio, cosparso di pece e offerto al pubblico dileggio.

    Lunga vita alla Ministro!

    * ARPIg = Aspiranti Ricercatori Presi In giro

  17. ARPIg ha detto:

    – andando consapevolmente contro la linea ufficiale (l’unica ammesa e ammissibile) della nostra associazione – sarà…

  18. Untenured ha detto:

    speriamo che lì dentro, nelle stanze del potere, nessuno ascolti questo reazionario che, dalle colonne del Corsera, ci vuole far tornare ai tempi del fascismo..

    http://rassegnastampa.crui.it/minirass/esr_visualizza.asp?chkIm=2

  19. France ha detto:

    Bello, mi iscrivo subito. ARPIg presidente!

  20. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Caro Darth Vader,
    ma sei onnipresente? Finora APRI e Rnrp (Blog), ora anche Rnrp (ML) e in ultimo ARPIg….

    Cosa ti resta: il CUN?

    Dove preferisci che ti risponda?

    Obi Wan Kenobi

    P.S. Hai lasciato come al solito in sospeso il povero “l’ammonito”.

  21. antonio ha detto:

    dipenderà tutto dai BARONI: ricordatevi che il 180 NON elimina il baronismo, semplifica solo l’accesso togliendo le prove scritte ed orali (che già è molto).

    il baronismo si elimina soltanto dando potere di assunzione diretta in massimo 20 giorni ai singoli dipartimenti sulla base dei loro risultati (così funziona nel mondo), dando tanti fondi o pochissimi fondi sulla base dei risultati di quel dipartimento – e questo non c’è nel 180.

    posto dunque che i BARONISMO resterà, la chiamata ci sarà solo se il barone di turno lo vuole, e, dunque, se il barone di turno vuole chi sta già in patria, i “fuoriusciti” non saranno chiamati.

  22. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Caro Darth Vader France,
    vorrei farti una domanda non provocatoria per capire qual è la tua posizione, in modo tale da non sbagliare ed essere accusato di voler a tutti i costi fraintendere quello che sostenete.

    Chi condivide tutti gli obiettivi generali di APRI, ma ritiene che la miniriforma provvisoria dei concorsi a ricercatore non incida minimamente sulla sostanza dei problemi;

    e che senza un intervento diretto contro i contratti precari qualsiasi intervento rischia di risultare inefficace;

    e che, per di più, teme il blocco di tutti i concorsi che il d.l. 180 ha già innescato (con il sostegno di Apri),

    che ne fate? lo tenete fuori o dentro Apri? lo ammettete nel forum, ma non nell’associazione? o fuori anche dal forum?

    Ti ringrazio anticipatamente per la risposta.

  23. sentinella APRI ha detto:

    giù le mani dal Presidente…

    inutile arrabbiarsi se prima è stato fatto un post completamente insulso, a firma Sankara, che è stato giustamente criticato da tutti, indistintamente.

  24. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Qui gli unici ad arrabbiarsi siete voi. Noi facciamo solo domande… forse un po’ impertinenti?

  25. sentinella APRI ha detto:

    e qual è la “sostanza dei problemi”?

    sulle obiezioni che poni si è abbondamentemente – e lealmente – discusso in questo forum.

  26. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Già, fraintendendole …
    liquidandole come del tutto irrilevanti!
    o, peggio, non ascoltandole neppure (p.es. ancora oggi mi chiedi quale sia la “sostanza…”).

    Ma non mi avete ancora risposto? Che ne fate delle voci di parziale (ma risoluto) dissenso?

  27. sentinella APRI ha detto:

    la forza dell’APRI sta nella chiarezza dei suoi obiettivi. Può entrare nell’APRI chi ha una visione dissenziente su aspetti secondari o laterali ma ne condivide gli obiettivi generali, sennò il dissenso totale provocherebbe solo inerzia e inefficacia nell’azione.

  28. sentinella APRI ha detto:

    mi rispondi pure tu? quale sarebbe la sostanza dei problemi cui alludi? io sono stato obbediente..

  29. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Già, Sentinella, ma così continui ad eludere la domanda “non provocatoria”… posta semplicemente per capire qual è la vostra posizione, in modo tale da non sbagliare ed essere accusato di voler a tutti i costi fraintendere quello che sostenete.

    La domanda è facile: chi condivide tutti gli obiettivi generali di APRI, ma ritiene che la miniriforma provvisoria dei concorsi a ricercatore non incida minimamente sulla sostanza dei problemi (= lo scandalo dei concorso);

    e che senza un intervento diretto contro i contratti precari qualsiasi intervento rischia di risultare inefficace;

    e che, per di più, teme il blocco di tutti i concorsi che il d.l. 180 ha già innescato (con il sostegno di Apri),

    che ne fate di costui? lo tenete fuori o dentro Apri? lo ammettete nel forum, ma non nell’associazione? o fuori anche dal forum?

    In altre parole: Inferno, Purgatorio o Paradiso?

    Ti ringrazio anticipatamente per la risposta.
    In mancanza d’un Presidente, va bene anche quella di una semplice sentinella… sempre che autorizzata.

  30. France ha detto:

    DISCLAIMER: IRONIA. Certo uno non e’ libero di andare a fare i cavoli suoi per un’oretta che subito lo tacciate di insensibilita’ e arroganza… Scusate ho la bimba grande con la diarrea e all’asilo non me la tengono (mica scemi!). Comunque all’Ammonito non mi sembra di dover alcuna risposta. Lui dice che APRI e’ una religione e io il suo profeta… Che gli devo rispondere?
    Nel prossimo messaggio posto quello che ho mandato in m.l, cosi’ ve ne sollazzate tutti.
    Forse non hai capito, Obi Wan: io non sono quello che decide chi e’ dentro e chi no. A meno che non trovi che e’ uno strutturato sul database del CINECA al momento dell’iscrizione, condizione di incompatibilita’ a norma dell’Art 7 dello statuto.
    Lo decide chi si iscrive se e’ d’accordo o no. Ma la linea dell’APRI quella e’, c’e’ poco da fare…
    E le proproste si discutono,e, cosa piu’ importante, si votano.
    Non so che strano concetto di associazionismo ti anima, Obi Wan. A casa mia e’ chi si iscrive che lo fa se condivide o meno le finalita’ dell’associazione… Mica siamo le SS che dovevi provare di essere ariano dal 1700!

  31. France ha detto:

    Questo, per chiarezza, cio’ che ho scritto sulla m.l.
    Dopo una lunga assenza e con un account nuovo nuovo mi riaffaccio sulla m.l. e scopro di fare parte, su per giu’, dell’ Impero del Male, e di esserne addirittura il Profeta (vedi blog)!
    Che dire, siccome avrei sempre voluto essere Darth Vader, ci posso anche stare.
    Mi limito a ri-sottolineare anche qui quello che ho detto e ridetto sul forum di APRI.
    APRI e’ nata per colmare un vuoto, ovvero la mancanza di una struttura fatta da ricercatori precari per i ricercatori precari che se la sentisse di portare all’attenzione del Paese le proposte della Petizione dei Mille.
    Chi si associa ad APRI deve condividere i principi espressi in Statuto e Manifesto che si rifanno a quelli della Petizione. Siccome nei documenti fondativi non c’e’ TUTTO, APRI puo’ discutere e votare riguardo ad altri argomenti, sempre che non contrastino con i principi del Manifesto e dello Statuto.
    Quali sono questi principi?
    Che merito, valutazione, responsabilita’ sono le basi per costruire un sistema di Universita’ e Ricerca in grado di competere col resto del mondo. Che il reclutamento deve essere fatto sulla base dei titoli, e deve essere responsabile, ovvero a) chi recluta, liberamente, e’ responsabile del reclutato, e ne paga le conseguenze in termini di finanziamento quando la valutazione stabilisca che ha assunto un imbecille b) il dipartimento che recluta, se produce ricerca scadente, perde finanziamenti.
    Siccome un sistema del genere (che somiglia all’esecrato sistema anglosassone) non si crea dall’oggi al domani, e siccome ci sono 50.000 precari che da qui al 2000chissa’quando devono avere una prospettiva, e siccome l’unica prospettiva possibile e’ quella di concorsi il piu’ possibile aperti e “oggettivi”, chi e’ socio di APRI condivide anche la miniriforma provvisoria dei concorsi a ricercatore: sorteggio dei commissari, tutti ordinari, no prove scritte e orali, valutazione di titoli e CV secondo parametri che riducano la flessibilita’ di cui oggi le commissioni abusano. E poi graduatoria finale a scorrimento.
    Per come la vedo io, chi condivide questi obiettivi, si iscrive all’APRI e contribuisce da associato. Chi condivide PARTE di questi obiettivi puo’ non iscriversi ma tempestare liberamente il forum con le sue idee e proposte. Chi non condivide nessuno di questi obiettivi (tipo, vorrei sapere chi e’ che ha elaborato e scritto le proposte dell’Onda in merito a ricerca e reclutamento: se io sono Dath Vader, lui e’ Obi Wan Kenobi) combatta le sue battaglie e faccia la sua strada. RNRP, di fatto, non esiste piu’, e non si sa cosa ci sara’ dopo. Io mi “accontento” di APRI, mi impegno per ottenere quei risultati, e se ci riusciamo ne sono molto contento.

  32. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Caro France, ora ti arrabbierai… ma quante contraddizioni… dite di essere “per i precari”, ma poi a domanda aggiungete “e non”…
    vi si chiede se è ammesso il dissenso su un punto ben specifico che nulla a che vedere sulle questioni culturali ma solo su 1 modo (io dico sbagliato) per raggiungere l’obiettivo che interessa a tutti e mi rispondi che si devono condividere preventivamente le finalità dell’associazione (alludendo però a dei “mezzi” e non a dei “fini”).
    Scusa ma io non ci capisco niente…

  33. Ricercatore Confermato ha detto:

    Esempio di ricercatore tornato dall’estero per chiamata diretta (rientro di cervello). Non aveva posizione permanete all’estero ed ora e’ associato. Meditate gente. Il nome? M…o T……e FIS/0?, Politecnico Torino. Università Aquis. (Amministratore: per favore non commentate ad personam, è la magistratura che raccoglie le denunce se c’è del dolo …non i blog!).

  34. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Quanto a L’ammonito con tuo cartellino giallo,
    a parte l’ironia sul Profeta (cos’è non ti piace più l’ironia?), poneva “educatamente” delle questioni serie che meritano una risposta seria… e possibilmente educata…

    L’ammonito dice: Non si tratta di togliere nulla [= la Petizione], semplicemente di riconoscere la portata “culturale” della II parte (ma ora I), distinguendola da quella “strumentale” della I parte (ma ora II).

    Sulla I (ex II) si deve essere tutti d’accordo, ovviamente; sulla II (ex I) sarebbero dovute essere ammissibili anche valutazioni personali, eventualmente che si distinguono da quella ufficiale.

    Certo, se a voi non piacciono coloro che ardiscono pensarla diversamente, e non ammettete chi difende valutazioni eterodosse rispetto all’Apri (anche se finalizzate al raggiungimento del medesimo traguardo!), beh, c’è poco da fare.

    Questa rigidità (sempre che non mi sbagli), però, non giova a nessuno.

  35. France ha detto:

    Io, Obi Wan, ti ho detto come la penso: se condividi, ti iscrivi e contribuisci. Se non condividi, che ti iscrivi a fare? Se condividi in parte, scegli tu se iscriverti o no, se contribuire o no. Io non ho la macchina della verita’ e non ti faccio lastre o esami rettali.
    Io tutti questi distinguo che tu dici non li vedo. APRI e’ nata (podalica e con cesareo) dalla Petizione ed anche, Manitu’ l’abbia in gloria, da questo blog di RNRP: chi allora partecipo’ ad elaborare e poi firmare la Petizione, piu’ o meno, si e’ iscritto. Ti da noia che non si possano iscrivere gli strutturati? Sai com’e’, io sono abituato a non mettere la volpe a guardia del pollaio…
    Quanto al dissenso, certo che e’ ammesso. Ma se ti iscrivi ad una associazione, vorrai condividerne i fini ed i mezzi, o no? Altrimenti Hamas e al Fatah che ci stanno a fare?

  36. Obi Wan Kenobi ha detto:

    Caro France
    grazie della risposta chiara ed educata.

    Però, se parlando di “mezzi” uno allude alle scelte strategiche per raggiungere un obiettivo (p.es. privilegiando la lotta contro i contratti precari) e l’altro se ne esce con i “mezzi” per la lotta armata (citando Hamas e al Fatah)… mi sembra che si cerchi a tutti i costi di fare un’inutile confusione….

  37. France ha detto:

    Vabbene, e’ un dialogo (fra poco monologo perche’ le bimbe devono cenare, orari olandesi…). Dei modi si e’ discusso e si discute sul forum APRI. C’e’ stata una assemblea online dove si sono votate diverse mozioni su molteplici aspetti della “miniriforma provvisoria fino a quando il giorno verra’…”. Lo so che ti piace dipingere APRI come un rigido monolito, ma non e’ cosi’, e le discussioni sono aperte e visibii a tutti, cosi’ come le assemblee. Ma forse ho capito: secondo te il dissenso e’ rigettare del tutto le ipotesi di miniriforma etc… e quindi limitarsi a disegnare l’Universita’ e la Ricerca del futuro, senza pensare a quel che accade domani e dopodomani e di come quei tre soldi avanzati dal povero Mussi verranno spesi. Magari aggregandosi alla protesta generica contro Gelmini e Berlusconi. Ecco, sorprendentemente questo tipo di dissenso su APRI ancora non e’ emerso… Selezione naturale? Oppure il diabolico France e la sua OVRA deportano segretamente i dissidenti sul sito www. siberiaonline . it?

  38. Untenured ha detto:

    uffà le ultime notizie dicono che i capi hanno deciso che la Rnrp non si sciglie più…

    peccato poteva aggiungersi alle poche organizzazioni che nella storia italiana hanno avuto il coraggio di scigliersi anzitempo:

    – Partito d’Azione 1942-1947
    – Lotta Continua 1969-1976
    – Rnrp 2002-?

    Lunga vita alla Rnrp!

  39. carlo ha detto:

    Io ripeto sempre le stesse domande, lo so. Ma il fatto è che proprio non capisco. Dite “la RNRP non si scioglie più”. Ma che vuol dire? La RNRP non è una associazione. Ma allora che è? Un blog? E si può sciogliere un blog? Al massimo si chiude.
    E’ una organizzazione? E di che tipo? E chi sono i capi? E chi li ha eletti? Tutti questi misteri che neanche Scientology…
    Secondo me la RNRP-organizzazione non si può sciogliere, perché una organizzazione ufficiale non è mai nata. Non puoi sciogliere qualcosa che non esiste.

    Riguardo la chiamata diretta per gli espatriati, sono assolutamente contrario. Se i concorsi sono “puliti”, i cervelli fuggiti possono candidarsi come tutti gli altri e provare a vincere onestamente. Non vedo la necessità di trattamenti di favore.

    x France: lunga vita all’APRI! Non facciamoci scoraggiare dai disfattisti. Un piccolo traguardo è comunque un traguardo.

  40. cattivo.maestro ha detto:

    disfattisti??!!??

    Veramente mi sembra che tutti gli interventi sono tendenti a far emergere una condivisione degli obiettivi finali della petizione e un’aporia fra l’asserita difesa dei ricercatori precari e il sostegno al dl 180!

    Perchè in Italia non si può discutere, sostenendo tesi diverse rispetto all’interlocutore senza essere sospettati, additati, senza essere tacciati di disfattismo, arcaicismo, tradizionalismo e via dicendo… Potere del berlusconismo?
    Almeno i ricercatori dovrebbero possedere una forma mentis aperta al confronto di (almeno) due tesi diverse.

  41. insorgere ha detto:

    @ sankara

    aspetto ancora una risposta

  42. France ha detto:

    @cattivo.maestro
    Does this fullfill your expectations?
    http://www. dottorato .it/media/Scheda_ADI_DL180. pdf

  43. France ha detto:

    Mi fa piacere che i precari di fisica prendano in considerazione il “modello nordeuropeo”. Peccato che si dimentichino di includere nel “modello nordeuropeo” UK, Irlanda, Olanda, Belgio… Ma, si sa, il modello anglosassone e’ kryptonite…

  44. cattivo.maestro ha detto:

    Finalmente un emendamento, proposto da Valditare, al dl 180 che va nella direzione della responsabilità e non in quella della confusione populistica da modifca delle regolette:
    http:// rassegnastampa.crui.it/minirass/esr_visualizza.asp?chkIm=2

  45. Il rompiuova ha detto:

    Ma è Mario Trigiante FIS/02, giusto?
    Come mai nel 2002 esce ESCLUSO da una valutazione comparativa al Poli Bari perchè, testualmente “la Commissione prendeva atto della documentazione ricevuta dall’Amministrazione del Politecnico che sanciva l’esclusione del candidato TRIGIANTE MARIO “??

  46. cattivo.maestro ha detto:

    Finalmente un emendamento, proposto da Valditare, al dl 180 che va nella direzione della responsabilità e non in quella della confusione populistica da modifca delle regolette:
    http: // rassegnastampa.crui.it/minirass/esr_visualizza.asp?chkIm=2

  47. France ha detto:

    Sempre che la valutazione dei “fannulloni” non sia messa in mano all’Ateneo di appartenenza (come mi pare di capire), senno’ siamo punto e a capo.

  48. cattivo.maestro ha detto:

    Ritardata (ancora) l’adozione del decreto sui “PRIN 2008”. Perchè? Potrebbe essere per una buona ragione, stavolta?
    occhichesannoguardare.myblog.it/archive/2008/11/26/ritarda-l-adozione-del-decreto-sui-prin-2008-perche.html

  49. cattivo.maestro ha detto:

    no, France, si parla di un’anagrafe nazionale della ricerca e di accertamento da parte dell’autorità accademica. La valutazione dovrebbe essere fatta in base a parametri definiti dal CUN.

  50. France ha detto:

    Allora riformulo: cos’e’ l’ “autorita’ accademica”?

  51. carbonaro ha detto:

    scusate voi che sapete tutto, so benissimo che qui scrivono anche strutturati e ordinari..

    esistono dei quorum per le delibere dei consigli di facoltà riguardanti la messa a bando di posti (ricercatore, ordinario, ecc.)?

  52. cattivo.maestro ha detto:

    l’autorità accadeimca è un’espressione impropria e atecnica che ha usato il giornalista, bisognebbe leggere l’emendamento per capire esattamente.
    Però si parla di un sistema di valutazione basato su una scala di misurazione fissata con un decreto ministeriale… questo si capisce…

  53. cattivo.maestro ha detto:

    carbonaro
    ogni organo ha il suo regolamento.
    Vedi sul sito del tuo Ateneo e verifica.
    Devi controllare tre regolamenti: d’Ateneo, di facoltà e di Dipartimento.

  54. Birillo ha detto:

    Salve a tutti.

    Dopo qualche giorno di silenzio (missione) rieccomi.
    E immediatamente trovo una simpatica sorpresa causata dalla nostra onorevolissima ministra. La guerra tra i poveri va ad iniziare…
    Riporto la Mail che mi è giunta

    Cari colleghi, ho ricevuto notizie allarmanti dalle sedi di Pisa e di Perugia, dove i
    rispettivi Rettori, per esclusive esigenze di bilancio, hanno avviato o stanno avviando
    le procedure per licenziare dei ricercatori, nostri colleghi, che hanno come unica colpa
    quella di aver raggiunto 40 anni di contributi ma non l’età per la pensione (65 anni)
    e che sono vittime dell’applicazione dell’art. 72, comma 11, della legge 133/08. A tale proposito vi trasmetto un breve resoconto del CdA dell’Università di Pisa e il Decreto Rettorale 2662 dell’Università di Perugia

    —————————————————

    […]
    il CdA ha approvato (a maggioranza):
    – il Bilancio Annuale di Previsione 2009;
    – il Bilancio Pluriennale di Previsione 2009-2011;
    Ha inoltre deliberato (a maggioranza) che l’Università di Pisa risolverà, con preavviso
    di sei mesi, il rapporto di lavoro con i ricercatori e gli assistenti universitari che
    avranno maturato l’anzianità massima contributiva di 40 anni al 31/12/ o che la
    matureranno successivamente.
    […]

    ——————————————————————————

    Decreto Rettorale 2662
    Università degli Studi di Perugia

    Il Rettore

    Visto il D.P.R. 10.1.1957, n. 3 e successive modificazioni ed integrazioni;
    Vista la Legge 21.2.1980, n. 28;
    Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382;
    Vista la Legge 9.12.1985, n. 705;
    Vista la Legge 29.1.198.6, n. 23;
    Vista la Legge 22.4.1987, n. 158;
    Vista la Legge 9.5.1989, n. 168;
    Vista la Legge 24.12.1993, n. 537;
    Vista la Legge 8.8.1995, n. 335;
    Visto il D.L. n. 112/2008 convertito con modificazioni nella Legge n. 133 del .8.2008;
    Visto il D.L. n. 180 del 10.11.2008;
    Considerato che l’art. 72 – comma 11- del D.L. n. 112/2008 convertito con modificazioniin legge 06.08.2008 n. 133, stabilisce che “Nel caso di compimento dell’anzianità massima contributiva di 40 anni del personale dipendente, le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 possono risolvere, fermo restando quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici, il rapporto di lavoro con un preavviso di sei mesi”;
    Considerato, altresì, che il comma 13 dell’art. 66 del citato decreto, così come
    modificato dall’art. 1 – comma 3 – del D.L. n. 180 del 10.11.2008, prevede che “per il
    triennio 2009/2011, le Università statali … possono procedere, per ciascun anno, ad
    assunzioni di personale nel limite di un contingente corrispondente ad una spesa pari al 50 per cento di quella relativa al personale a tempo indeterminato complessivamente ccessato dal servizio nell’anno precedente”;
    Visto che l’autorizzazione legislativa di cui all’art. 5, comma 1, lettera a) della legge
    24 dicembre 1993 n. 537, concernente il fondo per il finanziamento ordinario delle
    università è ridotta in maniera crescente per gli anni 2009, 2010, 2011, 2012 e 2013;
    Considerato che, in ossequio a quanto previsto dal comma 13 dell’art. 66, così come
    modificato dal D.L. n. 180 del 10.11.2008 citato, questa Amministrazione, allo scopo di recuperare risorse indispensabili per l’Ateneo ed al fine di poter ampliare i posti
    disponibili in termini di turn-over, intende avvalersi della facoltà di risolvere il
    rapporto di lavoro in essere con il Dott. *****. Considerato che il Dott. ***** ha raggiunto il requisito dei quaranta anni (40 anni) di
    anzianità contributiva entro il 31.12,2007;
    Vista la nota prot. n. 57027 del 24.10.2008 con cui questa Amministrazione
    comunica al Dott. ***** la cessazione dal ruolo di ricercatore universitario
    inderogabilmente a decorrere dal 01.05.2009, salvo l’esercizio da parte del medesimo del diritto a rassegnare le anticipate dimissioni dal servizio;
    Preso atto che a tutt’oggi non è pervenuta alcuna comunicazione dal Dott.
    ***** attestante la ricezione di detta nota;
    Considerato che la normativa sopra richiamata richiede un preavviso di sei
    mesi rispetto alla data di cessazione;

    DECRETA

    Art. 1) Ai sensi di quanto previsto dall’art. 72 – comma 11 – del D.L. n.
    112/2008 convertito con modificazioni in Legge 6.8.2008 n. 133, a decorrere dal
    01.06.2009 è disposta la risoluzione del rapporto di lavoro in essere con il
    Dott. *****, ricercatore universitario confermato per il settore scientifico-disciplinare ***** nella ***** di questo Ateneo.
    Art. 2) Con effetto dal 1.6.2009 il Dott. ***** cessa dal ruolo dei
    ricercatori universitari ed è ammesso a far valere i suoi diritti per quanto potrà
    spettargli a norma di legge. L’economia accertata sarà annotata sul Tit. 01 – Cat. 01 – Cap. 01 – Art. 02 “Stipendi ricercatori” del bilancio dell’Università per l’esercizio
    finanziario in corso.

    Il presente decreto sarà trasmesso all’Ufficio Pensioni e all’Ufficio Stipendi di questa
    Università per quanto di competenza.
    Avverso il presente decreto è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo
    Regionale dell’Umbria entro 60 giorni, ovvero ricorso straordinario al
    Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla notifica del medesimo
    decreto.
    Perugia, 13 NOV. 20O8

    Il Rettore
    Prof. Francesco BISTONI

    Ciao

    Marco

  55. insorgere ha detto:

    @ birillo

    scusa, ma mi pare di ricordare che qua in tanti si erano espressi a favore del pensionamento ragginti i 40 anni di anzianità contributiva.
    semmai il problema è ch eil provvedimento non può essere esteso ad ordinari ed associati.

  56. Luca ha detto:

    E a chi non ha l’età per la pensione (65 anni).

    Gli over-65 possono andare benissimo in pensione. Guadagneranno sicuramente più di un assegnista

  57. insorgere ha detto:

    con 40 anni di anzianità contributiva andranno comunque in pensione

  58. La Lupa ha detto:

    ULTIME DAL SENATO

    Il Governo ha presentato un proprio emendamento al dl. 180. L’emendamento conferma che i componenti delle commissioni di concorso per I e II fascia e ricercatori saranno sorteggiati all’interno di una rosa di ordinari eletti in numero triplo rispetto al numero de icommissari necessari per l’espletamenro delle operazioni concorsuali. Qualora un SSD fosse troppo piccolo per arrivare al triplo si ricorre a SSD affini. Qualora non esistessero settori affini, si procederà con il sorteggio puro all’interno del SSD.
    Per il resto, il decreto resta invariato.

    [riferisco da fonte verbale, non ho visto il testo]

    Questo emendamento dovrebbe sostituire tutti gli emendamenti presentati dal centro destra. La Lega ha già ritirato l’appoggio a tutti gli emendamenti presentati dal centro destra.

  59. La Lupa ha detto:

    Il portavoce dell’Apri, oggi in audizione, è stato molto chiaro e efficace.

  60. La Lupa ha detto:

    Nel frattempo qualcuno deve avere sabotato il forum Apri. Non riesco a entrare e darò altri aggiornamenti qui, se ce ne saranno.

    [non volevo interrompere la vostra discussione – molto utile – ma era una info urgente]

  61. Tito ha detto:

    Confermo che il portavoce dell’APRI è stato molto chiaro ed efficace (ero presente). Confermo che il forum APRI non si pare

  62. Tito ha detto:

    volevo dire apre …

  63. ares ha detto:

    pare che apri non si apra provo ad aprire ma non appare.

  64. insorgere ha detto:

    è parecchie ore che il forum apri non funziona…
    cmq gloria a bombadillo speaker apri!

  65. cattivo.maestro ha detto:

    scusate, noi non siamo neanche stati informati che oggi era in programma un audizione (e d’altronde continuate a celebrarvi la forma senza parlare della sostanza. Noi invece qui cercavamo almeno di discutere.
    Voi non potete pensare di utilizzare questo blog come una rete di servizio di Apri.
    E’ veramente una questione di rispetto! Diamine…

  66. cattivo.maestro ha detto:

    riguardo alla questione del prepensionamento dei ricercatori con quarant’anni di contributi, personalmente sono favorevole.
    In molti casi si tratta di ricercatori che non studiano da tempo. Ovviamente non generalizzo. Ci saranno sicuramente casi diversi. Nella mia esperienza non ne ho incontrati.

    Qualche giorno fa ho incontrato un anziano ordinario che ha appena concluso il fuori ruolo. Era infuriato, perchè voleva tenere ancora il corso e il posto. A 75 anni!
    Se non troviamo qualche regola per mandare qualcuno in pensione, rischiamo che questi ordinari cominciano anche a chiedere uno spazietto per la sepoltura dentro l’Università!

  67. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    alcune mie fonti mi dicono che pochi giorni fa’ il CUN ha fatto sapere ufficialmente alla Gelmini che il famoso regolamento (quello facile che si poteva scrivere su un tovagliolino del bar) non sarà pronto in 30 giorni, ce ne vorranno molti di più.
    Qualcuno ne sa nulla?
    E se dovesse passare il decreto senza regolamento che accade si bloccano i concorsi, solo da ricercatore ovviamente 😉 ?

    Altre università si stanno muovendo per spingere in pensione gli over 65 e quelli con 40 anni di contributi, ma a me questo non sembra male. Ci lamentiamo che l’età media dei docenti rasenta i 60 anni….

  68. Birillo ha detto:

    Rapidamente…

    Riportando la notizia non volevo dare nessun giudizio (che darò, argomentandolo in un altro messaggio).

    Faccio notare solo che se un ricercatore è ancora tale a 65 anni è difficilmente identificabile come Barone. E faccio quindi notare che i primi eliminati (sospendendo il giudizio se sia giusto eliminarli o meno) non sono i Baroni. E temo, non saranno neanche i secondi.

    Marco

    P.S. Scusate per la laconicità ma sono un po’ incasinato. Abbiamo ottenuto un risultato “Grosso” e un po’ inatteso e stiamo cercando di sviscerare il tutto il più in fretta possibile.

  69. insorgere ha detto:

    in effetti il cun ha chiesto che i 30 giorni di tempo previsti per la stesura dei criteri di valutazione decorrano non dalla data di pubblicazione in gu del dl 180 ma dalla data della sua conversione in legge.

    quest’ultima è prevista a breve. domani si vota in senato.

  70. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    quindi i concorsi da ricercatore subiranno un ritardo (di almeno 30 giorni) che quelli da ordinario e associato non avranno
    cosa ci sarà di cosìdifficile in questo regolamento. Ce ne sarà uno diverso per ogni ssd?

  71. La Lupa ha detto:

    La conversione in legge è prevista per i primi di gennaio.

  72. La Lupa ha detto:

    Il passaggio alla Camera, commissione e aula, sarà ridotto al minimo indispensabile.

  73. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    @Birillo

    ovviamente i rettori se la prendono sempre con i più deboli, altrimenti chi li elegge

  74. cattivo.maestro ha detto:

    allora il d.l. prevede un termine di 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto.
    Se il decreto non arriva entro qualche giorno (i primi di dicembre) sono problemi.
    I concorsi, ammesso che saranno banditi perchè ancora non è stato emanato il decreto sulla ripartizione del finanziamento straordinario, sono bloccati almeno fino a, da quanto apprendo da LA LUPA, febbraio!!!
    Qualcuno nei giorni scorsi, ironizzando, mi chiedeva perchè che problema c’era a bloccare i concorsi per 30 giorni (ossia fino ai primi di dicembre).
    Evidentemente non era così! Ovviamente non arriveranno le scusa da parte di chi continua a etichettare le mie interpretazioni come “errate”….
    Ma non me ne frega niente…

    Nel merito.
    Aggiornamento!

    Fino a ieri:
    1)i concorsi non potevano essere banditi perchè mancava il decreto sulla ripartizione dei fondi
    2) e bloccati almeno fino ai primi di dicembre.

    Da oggi, apprendiamo
    1) che i concorsi non possono essere banditi perchè manca ancora il decreto sulla ripartizione dei fondi (che deve essere adottato entro il 31 dicembre, altrimenti i soldini del reclutamento straordinario vanno in economia, in parole povere se li ripiglia Tremonti…)
    2) che i concorsi ora sono bloccati almeno fino a febbraio.

    Intanto gli assegni e i contratti scadono e i nostri figli nel frattempo pretendono pure di continuare a mangiare.

    Qualcuno su questo blog e su un altro forum in questa situazione ci invita pure a festeggiare!

  75. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    per non parlare del tempo che impiegherà il cineca ad implementare la lotteria

  76. mino ha detto:

    Vi giro questa agenzia di poche ore fa:

    Roma, 26 nov. (Apcom) – Saranno riaperti i termini per l’iscrizione ai concorsi universitari per il reclutamento di docenti e ricercatori. E’ quanto prevede un emendamento al dl università approvato dalla commissione Istruzione di Palazzo Madama. La norma, proposta dal Pd e riformulata dal relatore Giuseppe Valditara (Pdl), consente agli atenei di riaprire i termini per la partecipazione ai concorsi, fissando al 31 gennaio 2009 la scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione.

    Non solo, “al fine di assicurare pari condizioni tra i candidati – si legge nel testo dell’emendamento – i contenuti dei bandi conformi con le disposizioni del presente decreto restano invariati”.

  77. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    @c.m.

    per essere precisi devi anche aggiungere il tempo che impiegherà il cineca ad implementare la lotteria

  78. cattivo.maestro ha detto:

    @ 5annidiassegni..avuoto

    parli di quella per il sorteggio o per il gratta-e-vinci?

  79. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    caro mino cosa significa?
    e i contenuti non conformi (tipo ad esempio gli scritti e gli orali per i ricercatori) ?
    a me sembra un metodo per avere centinaia di ricorsi certi (parere di Giavazzi quindi vale doppio!!)

  80. mino ha detto:

    Francamente non lo so … bisognerebbe leggere l’emendamento nella sua interezza …. ho solo postato questa agenzia che avevo trovato pochi minuti fa nella speranza che qualche utente del blog ne sapesse qualcosa…

  81. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    la votazione delle rose, l’estensione ai settori affini quando necessario, poi l’estrazione a sorte, quindi l’esclusione degli estratti che sono della sede che bandisce (perchè può capitare essendo il pool da cui si estrae unico) la nuova estrazione. Super lavoro per il cineca

  82. cattivo.maestro ha detto:

    ok
    apprendo da mino che riaprono i bandi per i concorsi da associato.
    Secondo me è una violazione dell’autonomia universitaria! Bandisce l’Università decide di riaprire i termini per la presentazione delle domande l’Università! Se l’Università riapre i termini io faccio domanda e chi l’aveva presentata a suo tempo presenta ricorso.
    Se l’Università non riapre i bandi io faccio ricorso.
    Ma anche le Università possono fare ricorso per violazione dell’autonomia universitaria.

    Il Governo volutamente la sta mettendo sulla confusione.

    E noi dovremmo festeggiare…

  83. cattivo.maestro ha detto:

    dall’agenzia che segnala mino sembra che riaprano i termini per la presentazione delle domande ai concorsi già banditi da ordinario, associato e ricercatore.

  84. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    credo che più che riaprire debbano annullare e bandire di nuovo. Cambiando le regole immagino che chi è già iscritto magari, legittimamente, voglia modificare la documentazione che ha presentato. Io ad esempio lo farei essendo ora i concorsi solo per titoli. Non solo ma credo che mi iscriverei al massimo numero di concorsi possibile, 15 credo, anche in ssd affini, tanto è solo per titoli quindi perchè non provarci

  85. insorgere ha detto:

    tanto per cambiare non si capisce una mazza….

    cmq, per cattivo maestro:
    in realtà già all’indomani dell’uscita del dl 180 il miur aveva detto che i nuovi concorsi non ci sarebbero stati prima della metà di gennaio…dunque sui tempi non cambia nulla.
    come questo si coniughi col reclutamento straordinario è per me un mistero.

    vista la considerazione che ho per mary star e i suoi consiglieri ci sta pure che non si siano posti il problema.

  86. insorgere ha detto:

    forse ho scoperto l’arcano mistero che riguarda i fondi per il reclutamento straordinario.

    parrebbe – così mi ha appena rivelato uno stregone accademico – che quello che conta per i fondi straordinari è che i senati accademici deliberino con l’indicazione di spesa sulla base dei fondi straordinari entro il 31 dicembre. dunque basta che il ministro ripartisca i fondi e i senati decidano come spenderli.
    i bandi possono seguire con calma entro l’anno

  87. La Lupa ha detto:

    Attenzione: “consente” agli atenei di riaprire i bandi. Sembra di capire che dipende dalle singole università e che serva un nuovo bando. Su quale esercizio di bilancio? Su quello del bando orginario?
    Vale per i concorsi già banditi che ancora non hanno una commissione eletta o anche per quelli che già hanno la commissione ma non sono stati espletati?

  88. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    quelli con commissione votata e non ancora espletati o in via di espletamento vanno avanti come al solito. Ho partecipato ad uno la scorsa settimana, proprio come al solito…

  89. carbonaro ha detto:

    a mio modesto parere è giusto che riaprano i termini, dato che molti NON hanno fatto le domande proprio sul presupposto della vecchia modalità di composizione delle commissioni

    è inutile cambiare le regole di valutazione se poi come al solito ha fatto domanda 1 sola persona!tanto valeva lasciarle così com’erano..

  90. insorgere ha detto:

    giusto

  91. France ha detto:

    Comunicazione di servizio (non me ne voglia c.m.)
    Il sito APRI e’ intrippato! Cerchiamo di sbloccarlo quanto prima (scusate me me ne sono accorto ora). Bombadillo potrebbe gentilmente darci lumi in merito all’audizione, appena puo’?
    NEL MERITO
    Se mandano in pensione uno con 40 anni di contributi non lo fanno certo “fuori”. Nella peggiore delle ipotesi, per 10 che vanno in pensione cosi’ (non a Dachau, in pensione, sapete quella cosa che quando tocchera’ a noi sara’ passata di moda?), si liberano 2 posti per voi. Nel Manifesto dell’APRI c’e’ la richiesta di farlo anche per ordinari e associati, e in tutte le Univ ed Enti. Credo che potrebbe essere qualcosa su cui impegnarsi, passato il DL.
    Quanto alla riapertura dei bandi, se i concorsi ancora non sono iniziati… meglio! Qulache altro concorso in piu’…

  92. kjandre ha detto:

    Chiedo una sintesi:
    Concorsi II Sessione 2007, nei quali stanno quasi tutti i Mussi dello scorso anno, sono stati in gran parte portati a termine e dunque non credo subiranno alcun intervento.

    Bandi I Sessione 2008..quelli la cui votazione delle commisioni è stata congelata proprio nel giorno in cui dovevano iniziare. Comprendoni numerosi concorsi da associati ed ordinari e qualcuno da ricercatore.
    Quale destino per questi? La riapertura di cui parlavate? Per tutti o solo per associati ed ordinari? Verranno posti o sono già stati posti dei termini per la riapertura/richiusura di questi bandi?

    Bandi II Sessione 2008: pochi, pochissimi, forse anche perchè aperta in pieno periodo congelamento/blocco. Secondo voi è in essa che verranno fatti confluire i concorsi da ricercatore recl straordinario (II anno Mussi per intenderci)? Per questi ultimi quindi la scadenza per bandire sarà il 31/12 o qualche altra data dettata dai tempi del CUN?

  93. insorgere ha detto:

    bandi mussi 2008 non partiranno prima di seconda metà di gennaio

  94. Amelie ha detto:

    Qualcuno di voi sa cosa succederà ai concorsi da ricercatore II sessione 2007 che necessitano di suppletive?

  95. insorgere ha detto:

    credo che rientrino tra i concorsi bloccati in attesa dell’implementazione del dl 180

  96. La Lupa ha detto:

    Vengono riaperti i bandi per quei concorsi “il cui termine di presentazione delle domande sia scaduto alla data di conversione del presente decreto o sia ancora aperto”.
    Le mie capacità di comprensione in questa vicendaccia sono state messe a dura prova, ma mi pare di capire che ci stiano dentro tutti i concorsi le cui prove non siano state completate alla data di conversione, quindi a gennaio 2009. O no?
    L’emendamento aggiunge che i bandi che contengono disposizioni in contrasto con il contenuto del decreto convertito in legge devono essere modificati. Quindi saranno eliminate le prove per i ricercatori? E il limite delle pubblicazioni?

    Datemi un cenno di conferma…

  97. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    @amelie

    come per I sessione 2008 votazione commissioni con le nuove regole, ma svolgimento concorso con il vecchio metodo (scritti e orali), a meno che le università non decidano di annullare e bandire nuovamente (vedi post precedenti a questo)

  98. La Lupa ha detto:

    @ cinqueanni
    il concorso cui hai partecipato tu era in tutto e per tutto precedente alla conversione in legge. Per forza è rimasto uguale.

  99. La Lupa ha detto:

    In ogni caso, l’immobilismo dello status quo per noi era peggio.

  100. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    La Lupa

    se capisco bene la tua interpretazione è che dal giorno di conversione in legge anche i concorsi con commissioni votate ma non espletati potranno essere banditi nuovamente con le nuove regole?

  101. Amelie ha detto:

    @5anni di assegni..avuoto

    quindi spetta alle università decidere la riapertura dei bandi….anche laddove esistono già i 2/3 della commissione…
    a me sembra tutto un gran casino e un modo per attirarsi una valanga di ricorsi (come è stato detto in un post precedente).

  102. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    @amelie

    Non so se ti affaccia per la prima volta ma devi sapere che il sito (per l’aspetto concorsi) è diviso fra
    a) chi ritiene che a breve 1/2 mesi diventerà tutto bello e meritocratico
    b) chi ritiene che sia tutta una manovra per creare un gran polverone, incasinando tutto e bloccando di fatto i concorsi sine die

    poi c’è uno sparuto gruppo di
    c) chi ritiene che non stia veramente cambiando nulla, salvo un po’ di “ammuina”

    scegli tu a chi dare retta (io sono sostanzialmente in c)

  103. La Lupa ha detto:

    Se la riapertura dei bandi è a discrezione delle università, perchè un’università dovrebbe riaprire?
    – perchè la commissione eletta è risultata diversa rispetto alle aspettative?
    Ma se un concorso ha già la commissione eletta, rientra fra questi per i quali si possono riaprire i bandi?
    – perchè vuole sovraccaricare i suoi uffici di lavoro?
    – perchè il candidato locale è morto, oppure ha vinto la lotteria?
    – perchè, con una commissione sorteggiata e con criteri di valutazione oggettivi il candidato locale non ha più chances, allora, piuttosto che vinca un rompicoglioni carico di titoli che si è già iscritto ed è noto a tutti, meglio aprire al caso, muoia Sansone con tutti i filistei, e vinca un pinco pallo ancora più carico di titoli che magari racconta le barzellette?

    sembra una barzelletta anche questa….

  104. Amelie ha detto:

    @5annidiassegni..vuoto

    si, è da poco che mi sono affacciata a questo sito, molto interessante.
    per l’aspetto concorsi sono anch’io in c, alla fine non ci sarà nessuna grande rivoluzione.
    Non mi sembra che il decreto voglia effettivamente premiare il merito…piuttosto intende consegnare tutto nelle mani dei baroni, ergo…

  105. cattivo.maestro ha detto:

    ricordo che in questa grande confusione, le Università possono anche revocare i bandi.
    A questo punto mi sembrerebbe la soluzione più ragionevole!

  106. Amelie ha detto:

    @ La Lupa

    sono perfettamente d’accordo con te, non mi sembra ci siano “ottime” e “sensate” ragioni che dovrebbero spingere una università a riaprire i bandi… a me tutta questa faccenda pare fantascienza, oppure un dramma da teatro dell’assurdo: “Aspettando Godot”

  107. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    @La lupa

    dipenderà solo dalla smania di visibilità di ciascun rettore. Tanto comunque rè una decisione che influirà solo sui concorsi da ricercatore che sono gli unici che subiscono modifiche nelle procedure concorsuali

  108. Amelie ha detto:

    @cattivo.maestro

    come fa a revocare i bandi di quei concorsi per i quali sono già sate presentate domande e, magari, già è stata votata parte della commissione? non credo che giuridicamente questo sia possibile, a meno che le università non vogliano scatenare una marea di ricorsi…credo ci sia una legge in base alla quale non è possibile revocare i bandi di concorso e forse, se non ricordo male, esiste anche un termine entro il quale i concosi banditi devono essere espletati

  109. carbonaro ha detto:

    @amelie

    ah sì e qual è il termine entro cui i concorsi banditi devono essere espletati?
    sai darmi qualche riferimento in più sulla legge?

  110. Amelie ha detto:

    @carbonaro

    sto cercando disperatamente questa norma, di cui molti parlano, e dovrebbe regolare lo svolgimento dei concorsi banditi dallo stato (pubblica aministrazione, enti pubblici, scuola, ecc..); credo sia una legge “antica”, per così dire. Non ho i riferimenti precisi, continuerò la ricerca e se trovo notizie fondate le invio a questo sito

  111. La Lupa ha detto:

    La commissione deve insediarsi e stabilire il calendario delle prove entro 6 mesi dalla sua elezione. Per gravi motivi ci possono essere altri 4 mesi di proroga.

    Dove risulta che un concorso già bandito può essere “ritirato”?

  112. Amelie ha detto:

    @La Lupa

    un concorso bandito non può essere ritirato, che io sappia, a meno che non ci siano irregolarità nel bado, nel qual cas deve comunque essere nuovamente bandito con gli emendamenti necessari.

    inoltre esistono dei termini (a decorere dalla data di pubblicazione della G. U. e diversi da quelli che scattano con l’insediamento della commissione) entro i quali qualsiasi concorso deve essere espletato, credo a tutela dei cittadini che hanno presentato domanda(voglio dire: non si può bandire un concorso oggi e poi espletarlo fra 10 anni, ad esempio). Mi informerò meglio poi vi farò sapere

  113. carbonaro ha detto:

    il punto è “entro 6 mesi dal decreto rettorale di nomina”, ma se la nomina non è avvenuta?

  114. cattivo.maestro ha detto:

    Ribadisco e ne sono sicuro, perchè in facoltà in passato è già successo che l’università, in ragione di un interesse pubblico, ha annullato il bando di un concorso in autotutela.
    Le circostanze ricorrono anche per questi bandi.

    Penso che il governo punti ad arrivare ad una soluzione di questo tipo.
    La CRUI pure perchè i Rettori non vogliono concorsi con doppia idoneità.

  115. La Lupa ha detto:

    C.M.
    se ci sei ancora, spiega meglio che interesse avrebbero a incastrarsi in un groviglio di ricorsi.

  116. carbonaro ha detto:

    @amelie
    ecco qua, altrimenti che razza di ricercatore precario giurisperito buono a nulla sarei…

    D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487 “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi”), “prima dell’inizio delle prove concorsuali, la commissione, considerato il numero dei concorrenti, stabilisce il termine del procedimento concorsuale e lo rende pubblico” (art. 11, comma 1, del D.P.R. cit.) e “le procedure concorsuali devono concludersi entro sei mesi dalla data di effettuazione delle prove scritte o, se trattasi di concorsi per titolo, dalla data della prima convocazione” (art. 11, comma 5, D.P.R. cit).

    una delusione questa legge di cui parli, per fortuna che la cass. lav. ha dichiarato “non congruo” un termine superiore ai 14 mesi..

    Cassazione, sez. lav., n. 17794 del 22 novembre 2003 (pres. Trezza; rel. Curcuruto)

    “Anche prima della entrata in vigore del regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalita’ di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle forme di assunzione nei pubblici impieghi, di cui al D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, il quale contiene norme sui termini di durata dei pubblici concorsi, la pubblica amministrazione puo’ essere ritenuta responsabile del pregiudizio subito a causa della durata delle operazioni concorsuali, quando questa ecceda i limiti di ragionevolezza da valutare alla stregua di tutte le circostanze del caso e, segnatamente, del livello di professionalita’ da selezionare e del numero di partecipanti in relazione a quello dei posti messi a concorso. (Nella specie, in applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata, la quale, con motivazione assertiva e senza alcun riferimento al numero dei partecipanti al concorso per un posto di operaio generico manutentore, aveva ritenuto ragionevole la durata del concorso, protrattosi per quattordici mesi)”.

  117. cattivo.maestro ha detto:

    e che interesse ha a far svolgere concorsi con doppia idoneità con ricorsi da parte dei candidati…
    Non tutti questi concorsi siano stati banditi per coprire effettive necessità.

    I ricorsi avverso l’annullamento di un bando, fondato sul fatto che durante il procedimento concorsuale (che inizia con il bando) le regole sono cambiate ben tre volte non hanno grandi speranze di essere accolti. Dunque, le Università si metterebbero al sicuro. E pure il Governo che risparmierebbe qualche soldo.
    Mi riferisco ai concorsi da ordinario e associato.
    LA doppia idoneità non piace a Tremonti e lui decide la linea del Governo.

    Sui concorsi da ricercatore banditi vedo meno problemi…

  118. cattivo.maestro ha detto:

    carbonaro
    quella norma non obbliga a celebrare il bando se l’università decide di annullarlo…

  119. cattivo.maestro ha detto:

    vado a letto. Domani mi aspetta una dura giornata!

  120. La Lupa ha detto:

    Bisogna distinguere fra quello che non piace a parole e a proclami per gli elettori e quello che è stato infilato nel decreto e nella conversione in legge per altri motivi.
    Se davvero la doppia idoneità avesse dato così fastidio l’avrebbero eliminata, invece mi risulta che sia l’unico punto su cui non sono stati presentati emendamenti di maggioranza.
    Parli di risparmi e ci sta, ma se un concorso è stato bandito è perchè la copetura finanziaria c’è già e l’unità di conto (o due ) sono già previste, sull’esercizio finanziario dell’anno precedente. o no?

  121. La Lupa ha detto:

    C.M. ci sei ancora?

  122. La Lupa ha detto:

    Vado a dormire anch’io.

  123. cattivo.maestro ha detto:

    la lupa non è esattamente come dici tu.
    Intanto per il secondo vincitore (l’idoneo) non c’è nessun accantonamento finanziario.
    Solitamente negli anni scorsi il Ministero si faceva carico della loro situazione, incentivando economicamente la loro chiamata.
    Poi non dimenticare che i bandi attuali sono precedenti alla legge 133.
    Anche se molti su questo blog distinguono la questione dei tagli e quella dei concorsi, purtroppo non è così. Questa situazione lo dimostra. L’Ateneo aveva previsto di investire su un associato o un ordinario, ora in ragione del nuovo livello di FFO, potrebbe non volere confermare quell’impegno.

    Il problema saranno le resistenze interne. LA forza del candidato interno. Se il candidato interno perde interesse al concorso (pensa ad un associato che rischia, se perde il concorso, che gli entri un ordinario della sua materia in facoltà…)
    Un concorso bandito per un ordinario è sempre una progressione di carriera (si libera la stipendialità dell’associato e si impegna una da ordinario, ma non è solo una questione di soldi, ma di requisiti minimi, di rapporto docenti-studenti). Se invece non vince il candidato che prima era associato, l’Università si trova in organico sia il vecchio associato che il nuovo ordinario, con tutti i “pesi” conseguenti. Non è la stessa cosa…

  124. antonio ha detto:

    scusate, mi sono connesso soltanto adesso: verranno applicate le nuove regole ai conc. con scadenza gennaio 2009?

  125. insorgere ha detto:

    riassumendo:
    la facoltà data agli atenei di ribandire i concorsi include dunque anche quella di bloccarli?
    ribandire i concorsi per ricercatore implica necessariamente cambiare le regole (niente scritti ecc)?

  126. Rientro dei cervelli ha detto:

    Ecco la notizia.

    http://www.miur.it/0006Menu_C/0012Docume/0015Atti_M/7412Propos.htm

    Il ministero ha chiesto alle università di confermare il rientro dei cervelli di 14 rientranti per assumerli senza concorso per il 2008.

    Se volete divertirvi potete scaricare dalla pagina miur i nomi e verificare i loro cv con google e con google scholar. La situazione è variegata e alcuni non sembrano cervelli migliori di quelli italiani rimasti in Italia.

    Per avere queste chiamate devi avere un santo in paradiso!

    Speriamo che dopo questi 14 finisce questo schifo delle chiamate dirette dall’estero.

  127. carbonaro ha detto:

    approvato dal senato

    RUSCONI, MARIAPIA GARAVAGLIA, ANNA MARIA SERAFINI, SOLIANI, LIVI BACCI, VITTORIA FRANCO, BASTICO, MARCUCCI, CERUTI, VERONESI, VITA, ZAVOLI

    Al comma 7, dopo le parole: «sulla base dei titoli» inserire le seguenti: «illustrati davanti alla commissione,».

  128. carbonaro ha detto:

    approvato anche l’1.201!

    1.201 (testo 2)

    VALDITARA, RELATORE

    Dopo il comma 8 aggiungere il seguente:

    «8-bis. Per le procedure di valutazione comparativa di cui al comma 4 e per quelle relative al reclutamento dei ricercatori universitari, il cui termine di presentazione delle domande sia scaduto dalla data di entrata in vigore del presente decreto, ovvero sia ancora aperto alla predetta data, le università fissano per una data non successiva al 31 gennaio 2009 un nuovo termine di scadenza della presentazione delle domande di partecipazione. Al fine di assicurare pari condizioni tra i candidati, i contenuti dei predetti bandi conformi con le disposizioni del presente decreto restano invariati. Diversamente, essi devono essere adeguati».

  129. Marcello ha detto:

    Ma a questo punto i bandi per ricercatore rimangono validi o devono essere ribanditi?
    A cosa si riferisce l’emendamento dove parla di “contenuti dei bandi conformi col decreto”? E l’adeguamento come viene fatto?
    Il 180 dice che i nuovi criteri di valutazione (solo titoli) valgono solo per i bandi successivi al decreto, e non per quelli già banditi.
    In definitiva: i bandi verranno annuallati? E se con i tagli non ci sono più i soldi per ribandirli tutti?

  130. France ha detto:

    L’emendamento del PD non deve essere, secondo me, inteso come un orale. Credo sia stato inserito con quell’intento su pressione di alcuni che, nel PD, vogliono usare il grimaldello dell’orale per rimettere le cose a posto. MA potrebbe essere la loro fregatura, perche’ il regolamento puo’ semplicemente assegnare punti 0 a tale “ESPOSIZIONE” e cosi’ l’obiezione che “dobbiamo pur vederli in faccia” cade, ma i giochetti non li fanno piu’…

  131. 5annidiassegni...avuoto ha detto:

    a me sembra che dimostrare di saper parlare della propria produzione scientifica (se l’ha prodotta veramente il candidato?) non è un male ma un bene, altrimenti è facilissimo far crescere a dismisura le pubblicazioni del raccomandato di turno. La garanzia di imparzialità dovrebbe venire dalle commissioni sorteggiate (questo almeno dite voi fan del nuovo corso, no?). Altrimenti veramente non comprendo le posizioni dell’apri(t)?
    non è un orale, è una esposizione della PROPRIA produzione, giusto?

  132. France ha detto:

    APRI.
    Dal testo sembra cosi’. I PD avevano detto che almeno una specie di “profilo destro, profilo sinistro. e un bel sorriso per voi!” dei candidati lo volevano (in effetti anche nel resto del mondo civilizzato nessuno ti piglia senza averti visto in faccia!”. Finche’ tale rimane, non ci sono pericoli. Se poi volessero usare l’escamotage per reintrodurre la prova orale e utilizzarla per “rimettere i conti”, bisognera’ NOI aver cura che a tale prova non venga assegnato un punteggio… Dal testo, ripeto, tutto sembra meno che un orale “vecchio stile”.

  133. antonio ha detto:

    va benissimo la discussione orale dei titoli.
    Una domanda: se un candidato, per qualsiasi ragione non si può presentare (forza maggiore, emergenza ecc….), che succede? perde il diritto alla partecipazione? ha la possibilità di presentarsi ad es. 2 settimane dopo (come accade nel caso di colloquio in un’azienda privata) o in un altro periodo?

  134. antonio ha detto:

    dimenticavo: visto che un concorso successivo, per essere bandito dalla stessa Facoltà, di norma passano 3 – 4 anni, potrà il candidato chiedere alla commissione di essere riconvocata?

  135. 5annidiassegni...avuoto ha detto:

    @antonio

    anche ora se sei impossibilitato credo tu possa tranquillamente certificare la ragione e chiedere di posporre le prove…

  136. France ha detto:

    dalla ML, un emendamento proposto dalla Poli Bortone
    Dopo il comma 7, aggiungere il seguente:

    «7-bis. Coloro che hanno conseguito un dottorato di ricerca o un titolo riconosciuto equipollente anche all’estero, che hanno espletato uno o più insegnamenti universitari mediante contratto ai sensi della normativa vigente, che hanno all’attivo pubblicazioni di rilevanza anche internazionale, ovvero risultano titolari di un assegno di ricerca della durata di quarantotto mesi anche non continuativi di cui all’articolo 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 – o di contratti a tempo determinato o di formazione retribuiti, di collaborazione coordinata e continuativa, o a progetto, di rapporti di collaborazione retribuita equipollenti ai precedenti presso università o enti di ricerca della stessa durata – sono inseriti a domanda in un albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza in base al settore scientifico-disciplinare di afferenza, che non dà diritto alla docenza e rimane valido per un triennio, dietro valutazione dei titoli e dei curricula scientifici e didattici posseduti. Conseguentemente, in alternativa alle procedure di reclutamento previste comma 7, le università con chiamata diretta possono attingere all’albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza per l’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato nei limiti delle risorse finanziarie previste dal comma 3, con modalità da disciplinare con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto».
    Hmmmmm…. Sento puzza di bruciato…

  137. Michele ha detto:

    Comunque anche questo è un palliativo.

    Non è che ci voglia molto ad imparare le linee generali di una decina di articoli. Il seminario te lo prepari con calma a casa e poi ripeti la lezioncina ai commissari, che non possono studiare in dettaglio i lavori di tutti i candidati.

    Volete una seria prova dell’effettivo apporto dei candidati ai lavori presentati? Allora si torni alle vecchie care prove scritte ed orali.

    Scervellatevi finché volete, il concorso perfetto ed i criteri internazionalmente riconosciuti non esistono.

    @ France
    sbagli, negli States il colloquio te lo fanno anche solo per telefono. Però ti chiedono lettere di presentazione. Tu prova a chiedere una lettera ad un professore americano di fama. Se sei un cane, col cavolo che te la scrive!

  138. 5annidiassegni...avuoto ha detto:

    @France

    Ole. tutti nell’albo delle figurine 🙂 altro che cooptazione responsabile. Senza valutazione ex post questo diventa un ope legis di fatto

  139. France ha detto:

    @ Michele
    Ti diro’ di peggio: se il prof e’ bastardo scrive la laettera e dice che sei un cane! A me hanno sempre chiesto di andare fisicamente a fer interviews (a Boston, NY, Vienna, Oxford, Rotterdam e altrove). Loro pagano biglietto e pernotto, s’intende. Con l’Australia no, ma capisco anche perche’!
    @5annidiassegni: infatti spero lo seghino di brutto…. ma scherziamo????

  140. Einfach ha detto:

    Ma chi è ‘sta Bortone? Una creativa dell’Armando Testa?
    Stanno incasinando tutto, e anche a me non piace ‘sta roba: perchè un dipartimento dovrebbe fare un concorso se può prendere i mejo da un listone?
    Boh.
    Tra l’altro, sul Sole di oggi si parla di riapertura dei bandi, ma solo della II sessione 2008. E la prima? Non è che per ricercatori ci fossero molti concorsi, ma comunque…

  141. Tito ha detto:

    Il Sole fa confusione; l’emendamento, postato sopra da carbonaro (ma leggibile sul sito del senato), parla di riaperura dei concorsi di cui al comma 4 (prof. I e II fascia) e per quelli da ricercatori, il cui termine sia scaduto alla data d’entrata in vigore del decreto ovvero sia ancora aperto; quindi I e II sessione.
    La Poli Bortone è stata ministro nel primo gov. Berlusconi (1994) nonché sindaco di Lecce per due mandati.

  142. Einfach ha detto:

    Grazie Tito!
    PEr la Poli Bortone: la segno nella moleskina sotto la voce “creativa” allora.

  143. miriam ha detto:

    Sapete che il cun sta elaborando i criteri di valutazione per i concorsi da ricercatore?
    Stanno elaborando solo dei criteri MINIMI!
    Pensano che fra i candidati sopra la soglia minima sceglieranno chi gli pare.

    Cosi sarà ancora peggio di ora!

  144. insorgere ha detto:

    @ miriam
    dove hai trovato questa notizia?

    in ogni caso è urgente che si proceda con la messa a punto di nostre proposte per i criteri da sottoporre al governo. L’apri ci sta lavorando, a mio avviso bene…

  145. Michele ha detto:

    @ France,

    vero, il processo spesso è “blind”, cioè tu segnali i nomi, e gli interessati li contattano, così tu non sai neanche cosa si dicono.

  146. Bombadillo ha detto:

    Ciao a tutti,
    finalmente sono di nuovo on-line.
    Confermo che, come ampiamente e pubblicamente preannunciato, ieri una delegazione dell’APRI, da me capeggiata, è stata ascoltata dalla 7^ Comissone del Senato.

    Per i contenuti, chi vuole, può andarsi a legge il documento che ho consegnato al Presidente della Commissione: documento che, appena potrà, l’ottimo mino inserirà sulla home page dell’APRI.

    Sinteticamente, però, RIBADISCO (lo avevo annunciato anche qui!) che ho chiesto – rinviando per altre nosctre richieste agli altri nostri documenti -:
    1) sorteggio puro
    2) graduatoria finale
    3) destinazione del vincolo del 60% del 50% del turn-over ai soli ricercatori a tempo INDETERMINATO, con esclusione del riferiemnto a quelli a tempo DETERMINATO.
    4) mancanza di ulteriori modificazioni, per evitare che, con poche “sapienti” modifiche mirate, si annulli la portata rinnovatrice della riforma
    O, IN SUBORDINE (visto che l’aria era quella, e proprio il Presidente insisteva sulla necessità di una verifica ulteriore oltre a quella cartacea),
    l’inserimento SOLO ED ESCLUSIVAMENTE di un seminario del candidato sulle proprie ricerche.

    Adesso dobbiamo aspettare. E’ inutile commentare in questo momento di confusione , in cui non si capisce quale sarà il testo definitivo.

    A proposito, c.m., le interpretazioni corrette o scorrette evidentemente si riferiscono al testo che si discute, proprio non vedo come possano essere avvalorate dalla presentazione di un emendamento, e quindi, di un nuovo possibile testo (un emendamento non è mica una legge di interpretazione autentica).

    A questo punto, posso solo sperare per te che tu non sia un giurista. Non che ce ne sia bisogno, del resto, per comprendere un fatto così oggettivo ed elementare.
    Sai come si dice, però: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire
    Ed ho il serio sospetto che un fan entusiasta di Valditara come te, forse non vorrà sentire neanche il precedente scontato argomento, perchè troppo preso dalle porposte del suo leader.

    …oppure…atroce sospetto….vuoi vedere che c.m. e il prof. Valditara sono la stessa persona?

    Ciao a tutti.

  147. precaria ha detto:

    rientro di cervelli: solo il nome fa gia’ ridere…. ma qualcuno mi spiega perche’ uno (o una) che e’ impegnato all’estero deve poter usifruire di una chiamata diretta solo perche’ al momento della domanda si trova all’estero mentre uno (o una) che e’ stato diversi anni all’estero e poi e’ rientrato in italia? l’esperienza fatta all’estero decade ?

  148. precaria ha detto:

    dimenticavo: un sentito ringraziamento all’APRI per il notevole miglioramento della situazione precari dovuta al positivo accoglimento della piattaforma APRI da parte del ministro gelimini.

    Per tutti i precari: Siamo f…..i !!!!!!! (mi scuso per la parola ma e’ proprio quella che descrive la situazione attuale). Saluti e buona fortuna a tutti

  149. France ha detto:

    @precaria (se il tuo accenno all’APRI era ironico).
    Una giornalista di Unomattina vuole fare una trasmissione dal titolo “Ciao Italia”, dove cervelli in fuga o ricercatori precari raccontano le loro esperienze. Credo che tu possa fortemente contribuire, molto meglio di quei criminali dell’APRI. Ma se sei iscritta alla M.L. lo saprai gia’…

  150. cattivo.maestro ha detto:

    bombadillo,
    non c’è neanche bisogno di risponderti.

  151. precaria ha detto:

    per France: io trovo altamente deprimente che si parli di cervelli in fuga come se quelli che sono all’estero sono per forza migliori di quelli che sono in Italia. Se uno risponde alla mia domanda: perche’ chi e’ all’estero e’ meglio di chi e’ in italia? Il solo porre questa domanda e’ come dire che in Italia sono rimasti (o rientrati) solo i peggiori.

  152. France ha detto:

    @precaria: mi spieghi questo cosa c’entra con l’APRI? Hai mai letto nelle nostre richieste/discussioni di “corsie preferenziali” per gli expat? Di fuga/rientro dei cervelli? Va bene che ormai siamo il lato oscuro della Forza, ma fra poco sara’ colpa dell’APRI anche il global warming?

  153. ares ha detto:

    qualunque italiano che è andato , preferibilmente in USA, anche solo per fare il lavapiatti ha più titoli, è usanza.

  154. 5annidiassegni...avuoto ha detto:

    per quel che vale un articolo del corriere

    http://www.corriere.it/politica/08_novembre_27/gelmini_decreto_58779918-bc7e-11dd-88c4-00144f02aabc.shtml

    fra i punti salienti
    a) rientro dei cervelli (per quelli a cui è sfuggito di mano)
    b) la valutazione assegnata alla anagrafe dei professori per avere gli scatti di stipendio (e temo sarà il massimo di ex post che vedremo per gli anni a venire)

    non c’è traccia dell’album degli idonei della Poli Bortone. Che ne ha fatto la commissione?

  155. France ha detto:

    Si, sui mass-merda italiani… Ma per l’Accademia d’Italia, a meno che il suddetto non sia figlio di, e’ invece nota di demerito aver abbandonato la fossa dei leoni…

  156. cane sciolto ha detto:

    Chi se n’è andato all’estero ha avuto la possibilità, la capacità e il coraggio di farlo.
    E solo la prima non è merito suo.

  157. precaria ha detto:

    Io ho scritto due messaggi ciascuno dei quali conteneva un tema a se. Se poi qualcuno risponde al messaggio cercando di creare confusione non ci posso fare niente.

    Unomattina: devo confessare che non sapevo cosa fosse percio’ ho cercato su google. Praticamente e’ un programma della RAI fatto per le massaie in quanto va dalle 6:45 alle 10. Certo che e’ una bella gran vittoria andare a raccontare la vita dei precari li visto il grosso interesse di questa categoria di persone…. tieni presente che intervistano 50, scelgono le 4 interviste che fanno il loro gioco e ti montano un bel servizio contro i baroni universitari e mostrano quanto e’ brava la ministra.

    Venedo al punto:
    Non capisco perche’ l’APRI non si lancia contro nefandezze come i canali privilegiati per il rientro dei cervelli e si batte per virgolismi come sorteggio parziali o integrale, tabelle di valutazioni meritocratiche virgolistiche, etc.. etc.

    Per mia conoscenza diretta gli unici casi in cui si e’ avut o un cambiamento (nel senso che ha vinto uno migliore rispetto al predestinato) e’ stato grazie agli scritti.

    Ora era stato proposto:
    «7-bis. Coloro che hanno conseguito un dottorato di ricerca o un titolo riconosciuto equipollente anche all’estero, che hanno espletato uno o più insegnamenti universitari mediante contratto ai sensi della normativa vigente, che hanno all’attivo pubblicazioni di rilevanza anche internazionale, ovvero risultano titolari di un assegno di ricerca della durata di quarantotto mesi anche non continuativi di cui all’articolo 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 – o di contratti a tempo determinato o di formazione retribuiti, di collaborazione coordinata e continuativa, o a progetto, di rapporti di collaborazione retribuita equipollenti ai precedenti presso università o enti di ricerca della stessa durata – sono inseriti a domanda in un albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza in base al settore scientifico-disciplinare di afferenza, che non dà diritto alla docenza e rimane valido per un triennio, dietro valutazione dei titoli e dei curricula scientifici e didattici posseduti. Conseguentemente, in alternativa alle procedure di reclutamento previste comma 7, le università con chiamata diretta possono attingere all’albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza per l’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato nei limiti delle risorse finanziarie previste dal comma 3, con modalità da disciplinare con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto».

    Questo si che avrebbe fatto la differenza per i precari. Perche’ le idoneita’ sono state abusate,
    perche una volta che uno era stato fatto idoneo diventava difficile per l’istituto non chiamare
    un suo idoneo. Invece per i precari come si fa: gli si dice IO TI TERREI TANTO VOLENTIERI MA NON
    POSSO PERCHE LA LEGGE ME LO IMPEDISCE… e così avanti il prossimo. Assegni fino a 5 anni (massimo di legge) e poi a casa.

  158. 5annidiassegni...avuoto ha detto:

    @cane sciolto

    non è che tutti quelli che sono andati all’estero sono bravi per definizione. Molti lo sono, ma ammetterai che se nei meccanismi di selezione le reali capacità di ricerca e/o attrazione fondi contassero qualcosa i bravi non avrebbero difficoltà a rientrare. Se diventa solo un canale di entrata, “senza passare dal via”, ben presto sarà il modo attraverso cui passeranno i peggiori

  159. France ha detto:

    @precaria: quella di Unomattina era una mia provocazione. Sono il primo a dire che cerete stronzate ce le dobbiamo risparmiare, precari in Italia o emigrati all’estero. La TV cerca solo “storie, storie, storie”, possbilmente il genio emarginato con famiglia, meglio se donna e ragazza madre 23enne che ha pero un concorso contro una gallina mugellese. Nessuno aprla dei problemi e delle soluzioni (che vuoi, si inabissa l’audience!).
    Quanto ad APRI: siamo talmente contrari ai “canali privilegiati” che nemmeno li abbiamo presi in considerazione sia nella Petizione che nel Manifesto e Statuto. Ovviamente ogniprovvedimento che vada contro l’equita’ di trattamento di chi deve essere rclutato la respingiamo. Che vuoi di piu’?
    Quanto al 7bis: a te potra’ sembrare la tanto sperata stabilizzazione in disguise. INVECE sarebbe stato l’escamotage per aggirare le selezioni ex-ante, cooptare chi gli pareva MA senza pagarne le conseguenze. Per me e’ evidente, ed e’ bene l’abbiano segato!

  160. France ha detto:

    Boia come scrivo male! Scusate gli errori di battitura

  161. precaria ha detto:

    Caro France: questa visione diametralmente opposta di quello che e’ utile ai precari e’ il motivo per il quale io non saro’ mai parte di APRI. Quello che serve ad i precari e’ avere armi con cui combattere chi gli vuol fare rimanere precari a vita. Le virgole, etc. etc, sono il metodo usato per ricattare i precari. Volete che tre ricercatori precari pivelli sappiano fare meglio le regole di gente che bazzica nel sottobosco dei concorsi da 40 anni? piu’ regole piu’ virgole, piu’ potere ad i baroni.
    Ora devo scappare. Saluti.

  162. Untenured ha detto:

    @precaria

    la tua demagogia è un attacco alla nostra intelligenza.. meno male che sei anonima-anonima.. in questo blog ci sono personaggi che hanno identità certe e stabili (france, il sottoscritto, bogotà..) che hanno posizioni “razionali” e altri che sono invece intrusi, tipo precaria, che si firmano con nick names ultra comuni (precario/a, alcuni nomi di persona etc.) che sono solo provocatori. E’ questo il caso di precaria, che per fortuna ci saluta… addio precaria non ci mancherai.

  163. insorgere ha detto:

    @ precaria
    quello che serve ai precari (bravi) è un sistema meritocratico che premi i migliori.
    che è anche quello che serve all’università italiana nel suo insieme.

    e in fondo è quello che serve al paese per superare l’assenza di mobilità sociale che contraddistingue questa sventurata repubblica.

  164. precaria ha detto:

    @Untenured : Quando si attacca personalmente vuol dire che non si hanno piu’ argomenti per discutere e allora si alza la voce. Primo trucco da COME FAR PREVALERE LE VOSTRE OPINIONI 101 (101 e’ il codice degli insegnamenti piu di base di ogni materia, in USA). I miei messaggi non sono affatto provocatori, ti invito a rileggerli, e poi che cosa vuol dire ‘razionali’? vogliamo anche creare una tabellina per fissare il grado di razionalita’ di caiscun messaggio? il problema e che io non la penso come te e a te sembra dare molto fastidio. Spiegami e mostrami un solo punto nei miei post dove sono irrazionale.

    Non capisco perche’ salutarvi. Io detto che non condivido APRI non il blog RNRP. Non capisco perche’ non ti va che io parli su RNRP. Possono essere postati solo messagi PRO-APRI?

    Io non ho intenzione di identificarmi e la mia identita’ e’ quella di precaria come tanti altri su questo blog (e’ vero che non e’ un nick molto appealing). Vuoi dire che stai mettendo in dubbio allora tutti quelli che scrivono su questo blog e non si identificano? non ci identifichiamo per motivi molto semplici e ci puoi arrivare da solo. Tra l’altro non penso che l’identificarmi (e quindi parlare di me come persona e non come precaria) possa servire a migliorare la situazione dei precari italiani.

    Se tu non credi che io sia una precaria e’ un tuo problema. Io leggo questo blog da tanto tempo ma adesso che sono all’ottavo mese di gravidanza (quindi in maternita’, prevista dal mio contratto precario) ho tempo per scrivere. Ma presto finira’. Invece non capisco come mai certa gente qui abbia tutto il giorno a disposizione per scrivere e solo per criticare chi non la pensa come APRI.

    @france: a lui sembra “evidente” una cosa che per me non lo e’ affatto. L’uso della parola “evidende” e’ il secondo trucco da COME FAR PREVALERE LE VOSTRE OPINIONI 101 equivalente a dire “some people say”. Se uno non la pensa come me e’ stupido …. visto che non vede le cose evidenti.

    @insorgere: quello che serve ai precari (bravi) è un sistema meritocratico che premi i migliori.
    Sono d’accordo ma non vedo come le proposte apri portino a questo. Ma evidentemnete per voi e’ evidente.

    Saluti

  165. Michele ha detto:

    precaria ha ragione (in bocca al lupo per la gravidanza). Io aggiungerei qualche “it is well known …” condito da “after some trivial algebraic manipulations”, tipiche frasi volte a far sentire il revisore che non capisce l’articolo un demente.

    Ho sempre sostenuto la chiamata diretta, però bisogna decidersi, o si fa la chiamata diretta per tutti oppure il concorso per tutti. Le discriminazioni geografiche e l’album delle figurine (bravo 5annidiassegni, questa definizione mi è proprio piaciuta) sono ridicole, ingiuste e discriminatorie.

    I RICERCATORI SI VALUTANO SULLA BASE DEI RISULTATI, NON PER DOMICILIO NE PER ANZIANITA`

  166. cattivo.maestro ha detto:

    Esprimo tutta la mia solidarietà a precaria e la invito a continuare a discutere su questo blog.
    In merito ad anonimato e nickname, voglio solo ricordare che su questo blog vigono delle regole e tutti noi le abbiamo accettate.
    Sul forum di Apri ne vigono altre e chi aderisce le accetta.
    In base alle regole della RNRP precaria ha la possibilità di parlare come tutti.

    In merito alle discussioni su internet volevo solo ricordare che le identità virtuali sono una nuova frontiera della comunicazione. Non sto certo a spiegare a voi che su questi temi abbondano le pubblicazioni scientifiche.

  167. cattivo.maestro ha detto:

    L’emendamento che riportava Precaria va certamente più nella direzione della chiamata diretta del concorso con sorteggio della commissione.
    Certo, così com’è non va. Si dovrebbe aggiungere molto per responsabilizzare la chiamata.
    Su questo potremmo lavorare noi.

  168. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    da un articolo sul sito del corriere

    http:// http://www.corriere.it /politica/08_novembre_27/gelmini_decreto_58779918-bc7e-11dd-88c4-00144f02aabc.shtml

    a) i cervelli in fuga possono finalmente rientrare all’ovile ma qulla parolina “stabilmente
    nessuna prescrizione dal forum. Mi sembra che glia apristi stiano mostrando un po’ di risentimento, cosa francamente incomprensibile visto il loro grande successo…

  169. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    da un articolo sul sito del corriere

    http:// http://www.corriere.it /politica/08_novembre_27/gelmini_decreto_58779918-bc7e-11dd-88c4-00144f02aabc.shtml

    a) i cervelli in fuga possono finalmente rientrare all’ovile ma quella frase “stabilmente impegnati all’estero” è stata quantificata?

    b) sull’anagrafe dei docenti e ricercatori, l’andazzo mi fa temere che sarà il massimo delle valutazioni ex post che ci potremo aspettare nei prossimi anni. Basterà una pubblicazione sul giornalino del condominio?

    Per tutti io consiglierei nessuna prescrizione alla partecipazione al forum. Mi sembra che gli apristi stiano mostrando un po’ di risentimento, cosa francamente incomprensibile visto il loro grande successo…

  170. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    da un articolo sul sito del corriere

    http:// www . corriere . it /politica/08_novembre_27/gelmini_decreto_58779918-bc7e-11dd-88c4-00144f02aabc.shtml

    a) i cervelli in fuga possono finalmente rientrare all’ovile ma quella frase “stabilmente impegnati all’estero” è stata quantificata?

    b) sull’anagrafe dei docenti e ricercatori, l’andazzo mi fa temere che sarà il massimo delle valutazioni ex post che ci potremo aspettare nei prossimi anni. Basterà una pubblicazione sul giornalino del condominio?

    Per tutti io consiglierei nessuna prescrizione alla partecipazione al forum. Mi sembra che gli apristi stiano mostrando un po’ di risentimento, cosa francamente incomprensibile visto il loro grande successo…

  171. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    da un articolo sul sito del corriere

    www . corriere . it /politica/08_novembre_27/gelmini_decreto_58779918-bc7e-11dd-88c4-00144f02aabc.shtml

    a) i cervelli in fuga possono finalmente rientrare all’ovile ma quella frase “stabilmente impegnati all’estero” è stata quantificata?

    b) sull’anagrafe dei docenti e ricercatori, l’andazzo mi fa temere che sarà il massimo delle valutazioni ex post che ci potremo aspettare nei prossimi anni. Basterà una pubblicazione sul giornalino del condominio?

    Per tutti io consiglierei nessuna prescrizione alla partecipazione al forum. Mi sembra che gli apristi stiano mostrando un po’ di risentimento, cosa francamente incomprensibile visto il loro grande successo…

  172. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    Con una seria valutazione ex post, la lista di idonei della Poli Bortone avrebbe un’altra valenza. Sarebbe una lista che contiene chi possiede requisisti minimi. Se i requisisti fossero chiari e stabiliti senza l’apporto di un giudizio di una commissione, diventerebbe un mezzo per dare maggiore visibilità ai diversi ricercatori. Le università potrebbero pescare quelli effettivamente più adeguati realizzando una effettiva concorrenza per accaparrasi coloro che sono più produttivi ma allo stesso tempo compatibili con gli obiettivi di ciascuna struttura

    PERO’ la valutazione dei singoli ex post e sopratutto la distribuzione dei fondi ai dipartimenti basata sul merito (del 70% dei fondi e non del 7%) si deve CONCRETIZZARE PRIMA di questo fantomatico album, altrimenti siamo punto e daccapo

  173. Bombadillo ha detto:

    Cara precaria,
    per amore di verità ti faccio notare che appena è emersa – con l’emendamento Valditara – la questione della corsia preferenziale, con chiamamta diretta irresponsabile conseguente, per quelli che sono all’estero, tutti i soci dell’APRI, senza averne discusso prima – cosa ci rimproveri?..di non esserci scagliati contro qualcosa che non esisteva? -, si sono espressi in senso fortemente negativo.
    Controlla, se vuoi: leggere per credere.

    D’altronde, qui non siamo certo noi dell’APRI ad essere dei fan delle proposte del prof. Valditara, forse, piuttosto, qualche suo anonimo allievo/porta borsa…

  174. France ha detto:

    Condivido in (quasi) tutto l’ultimo intervento di 5annidiassegni… Se ci fosse una FERREA valutazione che destina seriamente i fondi pubblici (non il ridicolo 7%!!!) la proposta della Poli Bortone potrebbe avere un senso…. Ma anche no: in pratica dice che chiunque abbia fatto un po’ di ricerca, in Italia o al’estero, puo’ essere messo in lista e da li’ pescato con chiamata diretta (sembra quello che proponeva Carlotta, btw): ma che senso ha, in un regime di cooptazioone responsabile, di prevedere una tale lsta che comunque include gia’, praticamente, tutti? Tanto vale non metterla, tanto se uno assume un inabile ci rimette a prescindere. E’ invece assolutamente pericoloso introdurre, come dice 5annidiassegni, un sistema del genere senza un ben rodato sistema di valutazione: per dirla con Bombadillo, prima i freni potenti, POI il motore potente.
    @precaria: in bocca al lupo per la maternita’, e meno male che nonostante il contratto precario riesci ad avere il coraggio che a tanti manca.
    Mi dichiaro assolutamente incompetente riguardo ai trucchetti retorici che mi imputi: al piu’ sono involontari. Ribadisco che qui, come sul forum APRI, ci deve essere la piu’ ampia liberta’ di espressione, e nessuno censuri nessuno. Il fatto che i soci APRI debbano spogliarsi del nick e’ una scelta a parte: abbiamo deciso di agire anche nel mondo reale con lo stesso atteggiamento che abbiamo in quello virtuale, ed era inevitabile.
    Riguardo all’insensibilita’ di APRI che tutti ci imputate, vi inviterei a leggere quanto ha detto Bombadillo in audizione in Senato. Secondo me (ma non dico che e’ evidente) e’ stato grande, PER TUTTI i ricercatori precari.

  175. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    A chi giova questa ricorsa all’insulto gratuito? Non si possono esprimere opinioni, anche dure e fortemente polemiche, ma senza inserire inutili sospetti dietrologici, basati sul nulla, sugli scopi degli altri forumisti?

    Grazie per la collaborazione 😉

  176. cattivo.maestro ha detto:

    Bombadillo
    proprio non ce la fai ad insultare…
    Ho un identità collegata ad un blog, batsa andarlo a sfogliare per capire quali sono le mie idee politiche. Il tuo tentativo di screditarmi è goffo e francamente incomprensibile.

  177. cattivo.maestro ha detto:

    Caro France
    l’idea di costituire una lista di ricercatori che presentano i requisiti minimi va proprio nella direzione dell’abolizione dei concorsi e in quella di prevedere dei freni.
    La lista non deve prevedere tutti. Sai quanti dottori di ricerca, assegnisti o ricercatori a tempo determinato non hanno pubblicazioni adeguate?
    Per questo prima ho scritto che si deve lavorare sui criteri e che su questo noi possiamo chiedere criteri rigorosi.

  178. France ha detto:

    Beh, ma se vuoi la “cooptazione responsabile” non c’e’ bisogno di alcuna lista! Ti prendi chi vuoi, e se fai cazzate paghi. Quello che bisogna evitare, di nuovo, e’ la cooptazione irresponsbile: si crea una lista da cui si pesca chi si vuole, ma non se ne pagano le conseguenze perche’ “aho’ io l’ho trovato sulla lista, mica e’ colpa mia!”.

  179. cattivo.maestro ha detto:

    giusto france,
    ma se crei anche una lista metti anche un controllo preventivo!
    Siamo in Italia, meglio qualche controllo in più…

  180. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    (attenzione scrive uno scettico sull’utilità delle riforme concorsuali)
    Richiesta di chiarimento
    Se non ho capito male dai documenti sul sito dell’apri. loro richiedono dei criteri di valutazione oggettivi del tipo: tot punti alla tesi di dottorato, tot per assegno di ricerca, tot per pubblicazione motiplicata per l’IF o cose simili ecc…
    Ma a questo punto cosa serve la commissione? 3 persone per ratificare una decisione già sancita? Non sarebbe meglio a questo punto far produrre un bel sistema di valutazione automatico al cineca?

    Se invece le commissioni hanno un margine di giudizio, non sarebbe più sensato che i criteri stabiliscano dei criteri minimi, al di sotto dei quali non è decente andare?

  181. cattivo.maestro ha detto:

    e poi france con quell’emendamento la cooptazione inizi ad introdurla subito.
    Io proporrei, per es. di aggiungere la previsione che chi sarà assunto secondo quela comma deve essere valutato ogni tot anni in base ad dei criteri fissati da un decreto.

  182. cattivo.maestro ha detto:

    5annidiassegni..avuoto
    avrai capito male, non può funzionare così:

    tesi di dottorato pessima 3 punti tesi di dottorato ottima 3 punti
    libro pessimo 5 punti libro ottimo cinque punti

  183. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    ah, quindi la commissione può dire articolo, anche se su una rivista con IF 200000, fa schifo e quindi vale 0. La commissione rimane quindi, di fatto, sovrana

    e allora a cosa serve perdere tutto questo tempo per stabilire dei criteri di fatto inutili?

  184. Miriam ha detto:

    Approvato l’emendamento

    Al comma 3, secondo periodo, sostituire le parole: «a tempo determinato e indeterminato» con le seguenti: «a tempo indeterminato, nonché di contrattisti ai sensi dell’articolo 1, comma 14, della legge 4 novembre 2005, n. 230».

    I contrattisti etc. etc. sono i ricercatori TD.
    Hanno lasciato questo obbrobrio. Vergogna!

  185. cattivo.maestro ha detto:

    beh, non si può impedire ad una commissione di fare una valutazione, altrimenti non è più un concorso…
    si può restringere l’area dell’apprezzamento valutativo, con dei criteri minimi e massimi (del tipo, se hai pubblicato su quella rivista, se è previsto un sistema di referaggio…. ecc, allora per un saggio non puoi avere una valutazione inferiore a xx)

  186. Miriam ha detto:

    Approvato l’emendamento

    «1-bis. Per i fini di cui al comma 1, gli effetti dell’articolo 12, comma 1, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, sono ulteriormente differiti al 31 dicembre 2009».

    Proroga dei concorsi per ass. e ordinario con le regole locali. Vergogna!

  187. Miriam ha detto:

    Approvato l’emendamento

    Al comma 5, primo periodo, sopprimere le parole: «e all’articolo 1, comma 14, della legge 4 novembre 2005, n. 230».

    i concorsi per ricercatore t.d. si fanno con regole locali. cosi’ le università sono incentivate a fare i td rispetto ai t.i. per poterli manipolare. Vergogna!

  188. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    Allora vengono di fatto stabiliti dei minimi al di sotto dei quali non si può scendere, poi il resto è stabilito dalla commissione. Adesso è più chiaro grazie

  189. Miriam ha detto:

    Approvato l’emendamento

    Al comma 7, dopo le parole: «sulla base dei titoli» inserire le seguenti: «illustrati davanti alla commissione,».

    Riecco i concorsi manipolabili. Vergogna!

  190. Miriam ha detto:

    Approvato l’emendamento

    «Art. 1-bis.

    (Disposizioni in materia di chiamata diretta

    e per chiara fama nelle università)

    1. Il comma 9 dell’articolo 1 della legge 4 novembre 2005, n. 230, è sostituito dal seguente:

    ”9. Nell’ambito delle relative disponibilità di bilancio, le università possono procedere alla copertura di posti di professore ordinario e associato e di ricercatore mediante chiamata diretta di studiosi stabilmente impegnati all’estero in attività di ricerca o insegnamento a livello universitario da almeno un triennio, che ricoprono una posizione accademica equipollente in istituzioni universitarie estere, ovvero che abbiano già svolto per chiamata diretta autorizzata dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca nell’ambito del Programma di rientro dei cervelli un periodo di almeno tre anni di ricerca e di docenza nelle università italiane e conseguito risultati scientifici congrui rispetto al posto per il quale ne viene proposta la chiamata. A tali fini le università formulano specifiche proposte al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca il quale concede o rifiuta il nulla osta alla nomina previo parere del Consiglio universitario nazionale. Nell’ambito delle relative disponibilità di bilancio, le università possono altresì procedere alla copertura dei posti di professore ordinario mediante chiamata diretta di studiosi di chiara fama. A tal fine le università formulano specifiche proposte al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca il quale concede o rifiuta il nulla osta alla nomina, previo parere di una commissione, nominata dal Consiglio universitario nazionale, composta da tre professori ordinari appartenenti al settore scientifico disciplinare in riferimento al quale è proposta la chiamata. Il rettore, con proprio decreto, dispone la nomina determinando la relativa classe di stipendio sulla base della eventuale anzianità di servizio e di valutazioni di merito”».

    Vergogna!

  191. cattivo.maestro ha detto:

    5annidiassegni..avuoto
    questo è quello che penso io…

    Ovviamente non sono cosa pensano quelli di apri sulla questione.
    Poi questi aspetti dovrà stabilirli il decreto…

  192. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    ma cosa succede dei casi, quelli più pericolosi per l’università, in cui i candidati hanno ricevuto telefonate che li consigliavano vivamente a non iscriversi o a ritirarsi. Se non c’è un minimo anche una asino passa, purchè unico candidato giusto?

  193. Bombadillo ha detto:

    ???????

    ll dato oggettivo è che io non ho mai insultato nessuno. Diversamente da te, di cui potrei citare una lista di insulti nei miei riguardi.

    Quindi quella che riferisci è, per la precisione, una contro-verità.

    Ovviamente, poi, dare del Valditara a qualcuno non è un insulto.
    Non lo è dare del portaborse di Valditara; e neppure dell’allievo di Valditara.
    Vorrei sapere tutte queste persone che ne pensano del fatto che essere ritenuto uno di loro, sia, addirittura, come tu pretendi, un insulto personale.

    Inoltre, non ho nessuna intenzione di accedere al tuo sito per tentare di scoprire la tua identità, che quindi, per quanto mi pare di capire, neppure sul tuo sito hai ritenuto di voler esplicitare…..vabbè, ognuno è fatto a modo suo (classico esempio di feroce insulto personale!).

    Passando alla Poli, il discorso è indentico a quello Valditara-esteri.

    La chiamata diretta va bene solo se è responsabile; altrimenti non valgono esteri, e non valgono liste.
    Sono solo escamotage per ri-otenere la chiamata diretta irresponsabile, ovverosia quello che c’è stato fino ad ora, con questi pseudo-concorsi tanto cari a qualcuno.

    Per carbonaro: vedi che la riapertura mi pare assai controversa, e temo che ingenererà una valanga di ricorsi fondati.

  194. cattivo.maestro ha detto:

    Ho detto che è un tentativo goffo e incomprensibile di screditarmi.
    …e continui a tenerlo nonostante io non cada in provocazione e non replichi.

    Io vorrei che in questo blog fosse rispettata la dignità di chi ha un’identità virtuale. La regola qui è questa! E tu non la stai rispettando!

  195. cattivo.maestro ha detto:

    se ag ogni proposta di innovazione obiettiamo che si introduce un meccanismo senza responsabilità non se ne esce.
    Anche il concorso con il sorteggio della commissione non prevede niente rispetto alla responsabilità di chi vince e della commissione che decide chi vince!

  196. cattivo.maestro ha detto:

    La mia proposta è: partiamo dall’emendamento Poli-Bortone per chiedere di trovare meccanismi per rendere credibile la formazione della lista (per es. il rispetto ddegli stessi criteri previsti dal decreto che la Gelmini adotterà per i concorsi…) e poi per responsabilizzare con verifiche ex post l’assunzione?
    Cavolo, abbiamo uno spunto per andare verso la chiamata diretta e invece proprio noi che la proponiamo la chiamata diretta ci ancoriamo al concorso con sorteggio della commissione.
    Notate bene che nell’emendamento, correttamente, si parla di criterio parallelo di assunzione rispetto al concorso con sorteggio.

  197. cattivo.maestro ha detto:

    Poichè chi gestisce questo blog fissa le regole e le fa rispettare e poichè si ripetono attacchi a chi scrive utilizzando un nickname posso chiedere agli AMMINISTRATORI DI QUESTO BLOG di scrivere qualcosa in merito? C’è il rischio di scoraggiare la partecipazione a questo blog, che invece è stato negli ultimi anni un’importante piazza virtuale (ho scritto bene, virtuale) che ha permesso il confronto e la circolazione delle idee.

  198. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    Bah, non che debba fare il difensore di nessuno…
    ma dare del portaborse o allievo di qualcuno, chiunque esso sia, a casa mia è oggettivamente un insulto perché si insinua l’idea che non si sia in grado di ragionare con la propria testa, e si prendono solo idee suggerite/riportate

  199. insorgere ha detto:

    a cattivo maestro e 5anni…

    l’emendamento polibortone NON è passato. alla camera non ci sono margini per aggiustamenti perché hanno messo il turbo. quindi tutta la discussione in materia è sublime ma inutile. (e questo non è un insulto, solo una constatazione).

    quanto ai fantomatici criteri di apri per la valutazione, c’è un documento ufficiale approvato e votato dall’assemblea in cui si dice che chidiamo punteggi per titoli e pubblicazioni, con l’indicazione – per ciascun ssd – del range minimo/massimo in cui può collocarsi un certo tipo di pubblicazione. esempio: una monografia in settore umanistico può valere da tot punti minimo a tot + x punti massimo; idem per articoli in settori scientifici ecc.
    questo non per annullare la valutazione delle commissioni (e chi lo ha mai pensato?), ma per mettere dei paletti che ne vincolino l’arbitrarietà. è chiaro così?

    se mai poi le nostre proposte saranno ascoltate non so dire. per ora posso solo comunicare che c’è stata una manifestazione d’interesse…vedremo

  200. insorgere ha detto:

    comunque il documento è chiaro, si trova nella finestra a sinistra sul sito www. aprit. org

  201. cattivo.maestro ha detto:

    insorgere
    tu non hai mai insultato nessuno…

    solo per capire, quindi secondo voi un saggio dovrebbe valere sempre tre punti (es.)
    una tesi di dottorato sempre 5 punti (es.)?

  202. cattivo.maestro ha detto:

    la commissione non operava in sede referente?

  203. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    @insorgere

    quindi non prevedete nella vostra proposta una soglia minima al di sotto del quale non si possa scendere?

  204. insorgere ha detto:

    solo per spiegare:

    chiediamo che sia definita un’oscillazione massima (punteggio minimo/punteggio massimo) per ciascuna tipologia di pubblicazione.

    se vogliamo dare indicatori numerici (del tutto a casaccio ma giusto per capirsi)
    potrei dire che un articolo su una rivista con peer review può andare da 3 a 6 punti; che un articolo su atti di convegno da 1 a 3.
    Ribadisco che i numeri sono del tutto indicativi, giusto per farsi capire.

    in questo modo non potrebbero dire che il tuo articolo su rivista seria peer reviewed vale meno di 3 punti perché sei calvo e che il mio sulla stessa rivista 100 punti perché ho gli occhi azzurri.
    chiaro?

  205. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    la discussione sui criteri mi appassiona un po’ di più che quella sulle commissioni 🙂

  206. insorgere ha detto:

    quando dicevo che sei calvo non era per offendere ne per alludere a ipotetiche mie nozioni sulla tua vera identità
    e io non ho gli occhi azzurri 🙂

  207. cattivo.maestro ha detto:

    si, su questo punto siamo d’accordo.

  208. insorgere ha detto:

    ALLELUJA

  209. insorgere ha detto:

    ah, va chiarito che lo stesso fatto di dare valutazioni con punteggi allo stato è solo una nostra idea e non trova riscontri normativi.

    per parte mia credo che valutazioni numeriche siano meglio che quelle con i giochini di aggettivazione cui siamo abituati

  210. cattivo.maestro ha detto:

    si, devono essere rigorosamente numeriche, altrimenti sono una presa in giro!

  211. insorgere ha detto:

    vedo che anche cattivo maestro inizia ad apprezzare il lavoro di apri

    ti invito caldamente a vederti il documento completo sul sito nella finestra di sinistra.
    è un pdf che si intitola emendamenti e criteri di valutazione, ovviamente vale la seconda parte, quella cioè relativa ai suddetti criteri.
    è inutile che te la riussuma qua rischiando di dire cavolate

  212. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    sarà possibile dire da parte dei commissari, secondo voi, che l’argomento non è attinente.
    Ad esempio se si cerca uno che debba ricercare sulla brugola e invece ne arriva uno che ha tante pubblicazioni sul cacciavite

  213. Ricercatore Confermato ha detto:

    FATTO: IL DL 180 COME USCITO DAL SENATO RENDE LA SITUAZIONE PEGGIORE DI PRIMA
    FATTO: CONCORSI DA ASSOCIATO ED ORDINARI ANCHE NEL 2009. PRIMA NON ERA POSSIBILE
    FATTO: I FONDI MUSSI SI POSSONO ORA USARE PER TD
    FATTO: RIUNTRI DI CERVELLI PIU’ FACILI. CHIARAMENTE SENZA CONTROLLI.

    FATTO: LA STAMPA E’ CONTENTA PERCHE L’ESTRAZIONE DELLE COMISSIONI RENDE
    TUTTO MERITOCRATICO E TOGLIE POTERE AI BARONI.

    FATTO: RINGRAZIO LA GELMINI CHE MI PERMETTERA’, A DIO PIACENDO, DI PASSARE
    ASSOCIATO L’ANNO PROSSIMO.

    Consiglio: AFFOSSATE IL DECRETO.

    L’unica voce positva (per i precari) apparsa nelle discusioni era l’emandamento Poli Bortone.

  214. insorgere ha detto:

    mah…tutto è possibile sotto il cielo…però se uno bandisce in un settore e le pubblicazioni risultano chiaramente afferenti a quel settore….

    non so che dire, nella mia esperienza tali cose non sono mai capitate. ma sarà questione di settori…

  215. cattivo.maestro ha detto:

    ma guarda che io di apri non condivido “solo” tre cose:
    1) non sarò mai un fautore del sorteggio per la formazione della commissione
    2) la mancata contestazione al fatto che dal primo dicembre non sarà vigente nessuna regola (e chissà per quanto tempo) per il reclutamento dei professori associati, mentre molti ricercatori precari sono nelle condizioni oggi per presentarsi ai concorsi; la mancata critica all’adozione di regole sul reclutamento ancora non applicabili (e non mi raccontate che ora il decreto non sarà adottato entro 30 giorni perchè hanno emendato la legge di conversione, quando in realtà il CUN ha chiesto tempo perchè non è affatto semplice scrivere il decreto!)
    3) la mancata critica alla legge 133 e la lettera morbida che avete scritto alla Gelmini proprio quando noi invece dentro le Università la contestavamo selvaggiamente! (e non mi raccontate che era ironica, perchè non si possono inserire apprezzamenti ironici in una lettera indirizzata al Ministro!)

  216. cattivo.maestro ha detto:

    questo non toglie che quando sento proposte ben formulate da Apri, come quella che mi hai illustrato tu non ho problemi ad esprimere il mio apprezzamento.

  217. cattivo.maestro ha detto:

    Ricercatore confermato
    da dove deduci queste affermazioni?

    1) I FONDI MUSSI SI POSSONO ORA USARE PER TD
    2) CONCORSI DA ASSOCIATO ED ORDINARI ANCHE NEL 2009. PRIMA NON ERA POSSIBILE

  218. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    ma la commissione vuole un ricercatore proprio sulla brugola, anche se il cacciavite è sempre parte del settore utensili!

    Le persone di uno stesso SSD spesso nella pratica impartiscono insegnamenti molto diversi nella medesima facoltà. In un mondo sano non sarebbe neanche una richiesta così insensata

  219. insorgere ha detto:

    non condivido nulla delle affermazioni di Ricercatore Precario.

    @ c. m.
    non siamo per nulla morbidi sulla 133, è solo una questione di piani di lotta.
    personalmente lotto contro la 133 tutti i giorni, partecipo ad assemblee, organizzo astensione da esami ecc.

    solo che accanto a questa lotta va compiuta – è questa la linea apri – una battaglia per tutelare i nostri interessi di fronte ad un decreto – il 180 – che piaccia o no segnerà il futuro della nostra generazione.

    sul punto 2: sono pronto a scomettere quello che vuoi che per la seconda metà di gennaio partiranno i concorsi. un rinvio di poche settimane, con criteri migliorati, mi pare un vantaggio per tutti.

  220. Ricercatore Confermato ha detto:

    Miriam Dice:

    ================================
    Approvato l’emendamento

    Al comma 3, secondo periodo, sostituire le parole: «a tempo determinato e indeterminato» con le seguenti: «a tempo indeterminato, nonché di contrattisti ai sensi dell’articolo 1, comma 14, della legge 4 novembre 2005, n. 230».

    I contrattisti etc. etc. sono i ricercatori TD.
    Hanno lasciato questo obbrobrio. Vergogna!

    =================================
    Approvato l’emendamento

    «1-bis. Per i fini di cui al comma 1, gli effetti dell’articolo 12, comma 1, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, sono ulteriormente differiti al 31 dicembre 2009».

    ==================================

    Ora dagli atti del senato c’e’ una lista di approvati/non approvati
    ai codici degli emendamenti per cui non ho controllato (ma mi
    fido di Miriam) perche’ troppo complicato.

    Questi emendamenti (se effetivamente approvati) hanno ottenuto questo scopo

  221. cattivo.maestro ha detto:

    ma le norme che citi non si dovrebbero riferirsi ai fondi mussi, ma alla deroga al blocco del turn over.
    poi la cosa che scrivi sui concorsi da associato nel 2009?

  222. cattivo.maestro ha detto:

    «1-bis. Per i fini di cui al comma 1, gli effetti dell’articolo 12, comma 1, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, sono ulteriormente differiti al 31 dicembre 2009».

    questo il concorso con idoneità unica?

  223. 5annidiassegni..avuoto ha detto:

    l’emendamento di cui si parla per gli ordinari e associati (miriam e ricercatore confermato), sostanzialmente conferma le doppie idoneità? (Chiedo a chi è + informato di me)

  224. insorgere ha detto:

    chi era che su questo forum inneggiava a valditara???

  225. Bombadillo ha detto:

    No, no, il dato oggettivo è che tu hai iniziato testualmente così:
    “Bombadillo,
    proprio non ce la fai a non insultare”. Altro che chiacchiere!

    I fondi di Mussi per ricercatori a TD?
    No, no, io non lo leggo da nessuna parte.
    Continuano i vecchi concorsi per i prof. nel 2009?
    Mi è sfuggito un emendamento o anche questa è una invenzione di sana pianta?

    Piuttosto, mi pare che a voi sia sfuggita una manovra importante, da parte di uno strenuo avversario del sorteggio, proprio come c.m.: che sia allievo suo, o di qualcun altro, non è poi così imortante. D’altronde, è favorevole pure all’emendamento della Poli, che, è vero, non ha allievi, ma ha pur sempre portaborse.

    Ebbene, Valditara (che essendo un politico, oltre che un universitario, ha anche lui dei portaborse, che spesso – non sempre – sono persone preparatissime, e prendono più di noi, e sono quelli che di fatto scrivono le leggi, e quindi non è un insulto: una mia amica ha smesso di fare la ric.prec. per fare la portaborse) da un lato ha allargato la destinazione del 60% ai contrattisti ex 230, e dall’altro aveva proposto un emendamento – ma mi pare che non sia stato approvato – per togliere la categoria in questione dalle nuove regole.
    Quindi il punto debole della catena rimangono i ricercatori a TD, più che i contrattisti ex 230. Non c’è stato un peggioramento, ma neppure un miglioramento come speravamo noi.

    A proposito, mi fa piacere che l’onda, sulla direzione da far prendere al d.l. 180, sia arrivata alle nostre (dell’APRI) stesse richieste.
    Benissimo.
    Tutti per uno uno per tutti.
    Buonanotte.

  226. insorgere ha detto:

    scusa bombadillo ma non è chiaro…i contrattisti saranno sotto le nuove regole o le vecchie?

  227. insorgere ha detto:

    in ogni caso, sarò fesso, ma a me i contrattisti ex 230 paiono la stessa figura che – almeno a pisa – è chiamata ricercatore td.
    mah…mistero

  228. cattivo.maestro ha detto:

    La mia frase che riporti era preceduta da questi altri tuoi insulti:
    “A questo punto, posso solo sperare per te che tu non sia un giurista. Non che ce ne sia bisogno, del resto, per comprendere un fatto così oggettivo ed elementare.
    Sai come si dice, però: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire
    Ed ho il serio sospetto che un fan entusiasta di Valditara come te, forse non vorrà sentire neanche il precedente scontato argomento, perchè troppo preso dalle porposte del suo leader.

    …oppure…atroce sospetto….vuoi vedere che c.m. e il prof. Valditara sono la stessa persona?”

  229. cattivo.maestro ha detto:

    ALTRO INSULTO DI BOMBADILLO

    “Piuttosto, mi pare che a voi sia sfuggita una manovra importante, da parte di uno strenuo avversario del sorteggio, proprio come c.m.: che sia allievo suo, o di qualcun altro, non è poi così imortante. D’altronde, è favorevole pure all’emendamento della Poli, che, è vero, non ha allievi, ma ha pur sempre portaborse. “

  230. cattivo.maestro ha detto:

    altra insinuazione di bombadillo!
    mai detta una cosa del genere e mai scritto che sono favorevole all’emendamento della polo bortone. Ho solo detto che per quella strada si va verso la chiamata diretta e ho ampiamente criticato molti aspetti dell’emendamento.

    Continuano i vecchi concorsi per i prof. nel 2009?
    Mi è sfuggito un emendamento o anche questa è una invenzione di sana pianta?

  231. cattivo.maestro ha detto:

    Ragazzi
    chi può fermi bombadillo!

    Continua nell’insulto!

    “Ebbene, Valditara (che essendo un politico, oltre che un universitario, ha anche lui dei portaborse, che spesso – non sempre – sono persone preparatissime, e prendono più di noi, e sono quelli che di fatto scrivono le leggi, e quindi non è un insulto: una mia amica ha smesso di fare la ric.prec. per fare la portaborse)”

  232. miriam ha detto:

    Approvato l’emendamento

    «1-bis. Per i fini di cui al comma 1, gli effetti dell’articolo 12, comma 1, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, sono ulteriormente differiti al 31 dicembre 2009».

    —————————
    Art. 12 comma 1:

    1. Gli effetti dell’articolo 5 del decreto-legge 7 aprile 2004, n. 97, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 giugno 2004, n. 143, gia’ prorogati al 31 dicembre 2007 dall’articolo 1 del decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2007, n. 17, sono ulteriormente differiti al 31 dicembre 2008.

    ————————-
    Art. 5.
    Spese di personale docente e non docente universitario

    1. In attesa di una riforma organica del sistema di programmazione, valutazione e finanziamento delle universita’, per l’anno 2004, ai fini della valutazione del limite previsto dall’articolo 51, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, non si tiene conto, salvo che ai fini dell’applicazione dell’articolo 3, comma 53, quarto periodo, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, dei costi derivanti dagli incrementi per il personale docente e ricercatore delle universita’ previsti dall’articolo 24, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, e dall’applicazione dei contratti collettivi nazionali di lavoro del personale tecnico ed amministrativo a decorrere dall’anno 2002.

    2. Per l’anno 2004 le spese per il personale universitario, docente e non docente che presta attivita’ in regime convenzionale con il Servizio sanitario nazionale sono ricomprese per due terzi tra le spese fisse obbligatorie previste dall’articolo 51, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

    3. Dall’attuazione dei commi 1 e 2 non devono derivare nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.

    ———————————————-
    Mi scuso per l’equivoco. Ho confuso il comma 1 della legge 31/08 con il comma 2.
    Non c’e’ alcuna proroga per i concorsi da ass. e ord., ma solo una benefica esclusione degli incementi stipendiali dal calcolo del 90%

  233. manuel ha detto:

    Buongiorno signore e signora
    Il nostro obiettivo è di rafforzare significativamente la base economica di ogni persona morale e fisica che svolge attività generarici di ritornata attraverso la concessione di credito e di finanziamento. Sono un privato che si impegna ad aiutarli finanziariamente indipendentemente dal vostro problema purché siate solvibile. Perché aspettare allora lo scrivete. Sono interamente a vostra disposizione. Il mio tasso d’interesse 3% mio mail:moraismanuel14@yahoo.fr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: